Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le miniere abbandonate nascondono il segreto della loro bonifica?

Le miniere abbandonate nascondono il segreto della loro bonifica?

I siti minerari abbandonati e allagati possono ospitare microrganismi in grado di decontaminare questi ambienti ostili. Per trovarli, gli scienziati del Quebec stanno collaborando con subacquei specializzati nell’esplorazione delle grotte sottomarine.

Grazie alla sua lunga storia di esplorazione e sfruttamento delle risorse naturali, il Canada ospita oggi numerose miniere abbandonate. Migliaia di siti abbandonati dove l’estrazione mineraria potrebbe aver inquinato il territorio circostante.

Solo nel Quebec, il Ministero delle Risorse Naturali ha stimato nel marzo 2022 i relativi costi di lavoro Responsabilità ambientale Di questi ex siti minerari più di 700 milioni di dollari.

Pertanto, la ricerca di soluzioni per pulire queste terre è di grande importanza. Questa idea guida la dottoranda in biologia dell’Università del Quebec a Montreal (UQAM) Elise Lust e i suoi colleghi dell’UQAM e dell’Università di Ottawa. Si interessano ai microrganismi che vivono in questi ambienti ostili, sperando di trovare specie capaci di contribuire alla loro riabilitazione.

Elise Lust è una studentessa di dottorato in biologia presso l’Università del Quebec a Montreal.Foto: Radio Canada

Le vecchie miniere sono considerate ambienti industriali, poiché venivano utilizzate dall’uomo, cosa che non conosciamo affatto. Quindi, vogliamo sapere quali organismi si trovano in questi ambienti, perché sono lì e come sopravvivono. Dobbiamo quindi riconoscerli e comprendere la loro funzione in questo ecosistema.“, spiega il ricercatore.

Questi ambienti inospitali possono favorire la crescita di organismi particolarmente adatti alla presenza di alcuni inquinanti.

L’obiettivo è la scoperta di minuscoli batteri capaci di decomporre i metalli o alcuni idrocarburi e forse di poterli coltivare per un uso successivo. »

Citazione da Elise Lust è una studentessa di dottorato in biologia presso l’Università del Quebec a Montreal

Esplorare questi ecosistemi sconosciuti non è un compito facile. In molte miniere abbandonate, pozzi, pozzi e pozzi si sono riempiti d’acqua da quando sono stati chiusi.

In precedenza, rimuovevano l’acqua durante l’estrazione. Poi, più tardi, la natura ha preso il sopravvento e l’acqua è risalita in superficie una volta abbandonata la miniera.“, descrive Elise Lust, seduta su un ponte che sovrasta una di queste vecchie miniere.

Il luogo, situato nell’Outaouais, ricorda un piccolo lago circondato da ripide scogliere.

Ma il sentiero che porta al bordo dell’acqua è disseminato di minuscoli frammenti scintillanti. Si tratta di fogli di mica, un minerale che veniva estratto nel sito dalla fine del XIX secolo fino agli anni Quaranta.

Al culmine dell’attività qui c’erano circa 120 minatori. C’erano anche fabbriche di mica, a quel tempo, a Hull e Ottawa, dove le donne lavoravano a quello che in inglese chiamiamo “spaccare” la mica con i coltelli. Ho assunto molte persone e questo è stato importanteafferma Alain Delisle, coinvolto nel lavoro dei ricercatori.

Cristalli rivestiti, simili alla neve.

Questi fogli di mica sono i resti dello sfruttamento avvenuto qui 100 anni fa.Foto: Radio-Canada/Jayle Lucia Perdue

Il signor DeLisle non è uno scienziato, ma un subacqueo dilettante. È un ex soldato e nel tempo libero si dedica alle immersioni.

Lui e altri appassionati come lui sono specializzati nell’esplorazione di grotte sottomarine, in Florida o in Messico, per esempio, ma anche nelle miniere abbandonate.

Ci sono molti tunnel. Per noi è davvero divertente scoprire ed esplorare nuove clipIl signor DeLisle si emoziona, anche se se ne rende conto Non è per tutti.

Alain Delisle indossa l'attrezzatura subacquea.

Un ex soldato, Alain Delisle, si immerge in grotte sottomarine e miniere abbandonate.Foto: Radio-Canada/Jayle Lucia Perdue

In effetti, questo tipo di immersione è complessa e rischiosa.

Sul fondo della miniera, a più di 50 metri di profondità, è buio pesto e, anche con le luci, la vista dei subacquei è spesso molto limitata. Devono seguire le corde tese durante le loro esplorazioni per evitare di perdersi. Anche la temperatura non è delle migliori: è intorno ai 6°C, anche in estate.

Ci sono sempre dei rischi quando si entra in miniera: ghiaia, perdersi nella miniera e ci sono anche molti sedimenti. Hai davvero bisogno di buone tecniche per nuotare senza sollevare pesi. Devi guardare te stesso e decidere se il rischio è accettabile per te. »

Citazione da Alain Delisle, subacqueo amatoriale

Cinque subacquei erano presenti la mattina di giugno come squadra Scoperta li accompagna.

READ  La nuova Xiaomi Smart Band Pro sta già vedendo un calo di prezzo il Cyber ​​Monday

Su una mappa della miniera che aggiornano durante l’esplorazione – non si trovano documenti storici – al team si uniscono tre ricercatori dell’UQAM, tra cui Elise Lust, che forniscono loro l’attrezzatura necessaria per il loro lavoro.

Tre subacquei sulla superficie di un piccolo specchio d'acqua.

Una volta definito il piano di gioco, i subacquei hanno iniziato a esplorare la miniera allagata.Foto: Radio-Canada/Jayle Lucia Perdue

Hanno bottiglie e siringhe sterili, con cui possono portare direttamente sulla roccia biofilm (grumi di cellule, ndr) o semplicemente acqua, che poi porteranno in superficie.“, spiega il ricercatore.

I campioni raccolti a diverse profondità della miniera verranno utilizzati per analizzare i microrganismi presenti e le tipologie di ambienti in cui si sviluppano.

Ci aspettiamo che vicino alla superficie troveremo microrganismi diversi rispetto ai tunnel, poiché con la superficie avremo un apporto di luce, ossigeno e sostanze nutritive che sarà più importante che nei tunnel.osservò la signora Lost.

Una volta che i subacquei ritornano, gli scienziati iniziano il lavoro di filtraggio. Una parte dell’acqua viene analizzata per valutarne il contenuto di ossigeno e di nutrienti, oppure la presenza di idrocarburi o metalli pesanti.

Il resto viene rapidamente restituito al laboratorio per estrarre i microrganismi prima che si decompongano.

READ  Buon affare AirPods 2: sconto del 22% per le cuffie premium

Lì, sotto il cofano, Elise Lust filtra l’acqua e congela i minuscoli filtri di carta bianca che contengono batteri e altri organismi microscopici che le interessano. Quindi estrarrà pazientemente il DNA da queste comunità sottomarine, sperando di trovare un modo per analizzare alcuni dei contaminanti.

L'acqua passa attraverso un piccolo filtro circolare.

I microrganismi vengono catturati in minuscoli filtri.Foto: Radio Canada

Attraverso trattamenti bioinformatici siamo in grado di ricostruire le vie metaboliche presenti nella società. Possiamo vedere quali geni sono presenti, se sono espressi e, nello specifico, se ci sono geni coinvolti nei fenomeni di disintossicazione, cose del genere.“, sottolinea il ricercatore.

Se vediamo che esistono microrganismi capaci di utilizzare, ad esempio, i minerali presenti nella miniera e di scomporli, potranno poi essere utilizzati per disinfettare determinati ambienti. »

Citazione da Elise Lust è una studentessa di dottorato in biologia presso l’Università del Quebec a Montreal
Elise Lust raccoglie l'acqua in un contenitore.

Elise Lust spera che il suo lavoro contribuisca a rimuovere l’inquinamento da determinati ambienti.Foto: Radio Canada

Lavori simili sono stati eseguiti nel 2019 (Una nuova finestra) In una miniera di ferro abbandonata nel Parco Gatineau, i ricercatori e i loro colleghi subacquei hanno già trovato vita abbondante a una profondità di oltre 180 metri.

Il tempo dirà se in questi abissi minerari si nasconde un tesoro capace di contribuire al loro risanamento.

Il servizio di Gaëlle Lussiaà-Berdou e Hélène Morin sarà presente nello spettacolo Decorare Domenica alle 18:00 H 30 qui Televisione e 22 H qui Explora, e sabato prossimo alle 7 H 30 qui RDI.