Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Joachim Lafosse rischia gravi accuse di molestie

Nel mondo del cinema belga francofono, non era un segreto che Joachim Lafosse fosse un regista dal carattere esplosivo e dal comportamento talvolta problematico. Per capirlo basta guardare il suo magro curriculum al Magritte du cinéma, mentre i suoi film sono stati selezionati a Cannes, Venezia e San Sebastian. Nel 2017, Economia di coppia, uno dei suoi film migliori, è stato completamente ignorato. Andrà avanti la stessa cosa Intranquillo Nel 2022…

“In un certo senso l’industria lo ha addirittura punito in passato, non votando i suoi film per Magritte, quando in certi anni il suo film era senza dubbio il migliore dal punto di vista puramente cinematografico Tutti sanno benissimo perché non lo era vincitore.”Ce lo racconta una fonte del cinema belga che vuole restare anonima.

Giornale del martedì mattina lancio Ha espresso a parole l’ansia che covava da anni riguardo al personaggio di Joachim Lafosse. In un’indagine molto lunga e dettagliataIl quotidiano francese raccoglie testimonianze schiaccianti contro il 49enne regista di Bruxelles, provenienti da dieci collaboratori: un montatore, attrici, assistenti… Lontani dal comportamento tirannico del regista, descrivono tutti un uomo che abusa della sua posizione nei loro confronti, per sminuirli, umiliarli… O peggio.

Testimonianze travolgenti

L’accusa più grave arriva da Valerie Huddart. Si racconta di una scena agghiacciante avvenuta presumibilmente alla vigilia delle riprese del film Nuda proprietàterzo lungometraggio di Joachim Lafosse del 2006 di cui è stata prima assistente. “Siamo le ultime due persone che lavorano negli uffici. Joachim mi blocca nell’angolo tra il muro e la porta e mi bacia meccanicamente, rispondo a questa grande lingua in bocca e poi scappo.”“, ricorda la giovane, spiegando che aveva pensato di sporgere denuncia. Prima di cambiare idea, finito il film e lavorato a quello successivo, Studente libero (2007).

READ  La figlia di Florent Bagni omaggia il padre con una bella foto di lui che tiene in mano una canna da zucchero e guarda al futuro (foto)

Joachim Lafosse (“Lo studente libero”): “Sono stanco di questa idea preconcetta sul brillante regista. Il film è una collaborazione ».

“Conosco molte persone che hanno sofferto allo stesso modo con cattivi capi, sia uomini che donne, in ambienti diversi. Il problema è che il cinema è una piccola industria, quindi se ti dimetti da una posizione, non ne sei sicuro troverai un lavoro così facilmente…”La nostra fonte anonima commenta.

Al di là di questa presunta violenza sessuale, le testimonianze raccolte prima lancio Indica una relazione tossica tra il regista e i suoi collaboratori, che tutti condannano la sua posizione sessista, le forti avance e le osservazioni volgari e misogine.

Anche montatore per sei dei suoi film Cavalieri Bianchi (2015), Sophie Vercroysie ha mantenuto un rapporto personale e professionale molto burrascoso con Lafosse. Un giorno gli aveva confidato “Ha bisogno di sedurre tutte le donne con cui lavora.”. Vania Letturk sta andando nella stessa direzione. Primo assistente attivo Ti fa felicefuturo dirigente L’anno prossimo Ammette di aver avuto una relazione sessuale con Lavos, che 20 anni dopo lo ha lasciato con l’amaro in bocca di una zona grigia. “Mi sembra di essere sempre stato d’accordo, ma col senno di poi questa storia mi sembra troppo irregolare e troppo deprimente.Ha fiducia nei pilastri lancio.

Joachim Lafosse. ©Cinert

Un ex produttore testimonia

Produttore di cinque film di Joachim Lafosse per Versus,Studente libero (2007) a Completare (2019), Jacques-Henri Broncart ha assistito al comportamento del regista. «Quello che abbiamo scoperto su di lui Studente libero È stato molto doloroso. Litigavo spesso con lui. Tende sempre a scaricare la responsabilità sulle sue squadre. L’ho visto urlare alla sceneggiatrice Emily Flamant durante una sequenza perché la telecamera non era nel posto giusto. Gli ho detto che era il suo lavoro di regista, ma non ha voluto sentire niente.“, ci racconta il produttore. Dal film in uscita, Per verificare il motivo (2012), Bronkart ha circondato anche Lafosse “Tecnici esperti, che non hanno paura del confronto.”.

READ  "Può essere scioccante, ma questi sono i prezzi!": Ecco le grosse tasse che Jean Pascal ha chiesto a Star Ac per partecipare a Dancing With the Stars.

Joachim Lafosse (“Continua”): “È un film su commissione, ma è anche un film artistico”.

Di fronte alle accuse di molestie sessuali, Jacques-Henri Brunkart afferma: “Non mi stupisco perché quando ho letto l’inchiesta lancioLo trovo anche nel modo in cui si esprime. Esercita il controllo sui deboli. Ma non funziona con persone come Virginie Efira, Niels Arestrup, Bérénice Bejo o Jonathan Zakai, che dovevo andare a trovare il giorno prima delle riprese del film.Studente libero Perché voleva andarsene… Questa situazione è davvero pietosa, perché quando è arrivato era così solo…”

Nawras

Joachim Lafosse esercita il suo controllo sui deboli.

Se dice di non provare sentimenti negativi, il produttore accusa Joachim Lafosse: “Queste testimonianze, purtroppo, sono solo la punta dell’iceberg. Quando ho letto l’articolo su Liberazione, ho capito che quella era la persona che aveva fatto tanti danni. Nello spazio più privato e intimo, è qui che si possono fare i danni maggiori. Sono rimasta stupita nel vedere che alcune delle donne che hanno testimoniato, che erano diventate professioniste rispettate, soffrivano ancora a causa di ciò che avevano passato. 20 anni dopo, la situazione non è cambiata. […] Il problema più grande è che è uno che commette sempre gli stessi errori sui set e nel comportamento… su di lui non ci sono mai dubbi.

La posizione tormentata del regista

I testimoni ci hanno contattato, ma non volevano parlare. Niente più dello stesso Joachim Lafosse. Ai giornalisti lancioIl regista ha inviato un’e-mail di 12 pagine negando gran parte delle accuse (tutte di natura sessuale) e confermandone altre. “Nei miei primi film, affetto da ansia, arrivavo a questo punto. Dal 2009 ho iniziato una terapia che mi ha permesso di comprendere meglio questa sofferenza e di allontanarmene. “Capisco che vedere questa sofferenza deve essere stato difficile per coloro che ne sono stati testimoni”.Il regista si giustifica. Che non ha mai nascosto le sue nevrosi personali (la violenza sessuale subita da adolescente, il disturbo bipolare del padre, ecc.), e che ha sempre cercato di esorcizzare attraverso i suoi film.

READ  Il nipote del creatore di Stewart a La Louvière ha cambiato la sua vita ed è passato dalla settima arte all'acconciatura!

Joachim Lafosse: “Non mi piace affatto questa idea romantica secondo cui per essere un grande artista devi necessariamente essere torturato”.

Tuttavia, nel 2023, al momento del rilascio internoJoachim Lafosse ha affermato che non gli è piaciuto “Contro tutta questa idea romantica che un grande artista debba necessariamente essere torturato.”. “Capisco che le persone si pongano questa domanda, data la complessità degli argomenti e il modo in cui esamino certe anime attraverso i miei testi e i miei film. Certamente, per trovare la precisione, bisogna cercare casi specifici. C’è un’attrice con la quale, durante tutta la mia carriera, non ci siamo capiti. Ma non tutti diranno che è stato facile, lo so. Ma abbiamo cercato insieme e non sono sicuro che fossero scontenti di ciò che hanno trovato. D’altra parte so che tutto questo deve avvenire in uno spazio definito, inquadrato.

Nel 2013, Joachim Lafosse ha vinto il Premio Magritte come miglior regista e miglior film per To Lose Your Reason, mentre Emilie Dequene ha vinto quello come migliore attrice. © Stephanie Leacock