Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele bombarda la Striscia di Gaza mentre il massimo ufficiale del gabinetto di guerra israeliano minaccia di dimettersi

Israele bombarda la Striscia di Gaza mentre il massimo ufficiale del gabinetto di guerra israeliano minaccia di dimettersi


Sabato Israele ha bombardato la Striscia di Gaza, mentre un membro di spicco del governo bellico israeliano, Benny Gantz, ha minacciato di dimettersi dal governo di Benjamin Netanyahu a causa del mancato accordo su un “piano d’azione” per il dopoguerra nei territori palestinesi.

Nelle prime ore di sabato, testimoni oculari e gli equipaggi dell’AFP hanno riferito di raid in vari settori della Striscia di Gaza, compreso il centro di questa piccola area che è stata testimone di violenti attacchi negli ultimi giorni.



Uno di questi raid, giovedì, in una scuola affiliata all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), ha provocato l’uccisione di 37 persone, secondo un ospedale locale. Anche l’esercito israeliano ha rivendicato la responsabilità di questo raid, che secondo lui aveva preso di mira una “base di Hamas”, e venerdì ha affermato di aver ucciso “17 terroristi” lì.





Ma Hamas ha accusato l’esercito israeliano venerdì e sabato sera di aver fornito “false informazioni”, sostenendo che tre persone presentate da Israele come “morte” erano ancora “vive” e che almeno due persone erano state uccise altrove.

Il direttore dell’UNRWA, Philippe Lazzarini, ha accusato Israele di aver bombardato “senza preavviso” questa scuola che, secondo lui, ospita “6.000 persone sfollate” a causa dei combattimenti.



READ  Gli scienziati trovano particelle microplastiche nelle nuvole: perché questa scoperta potrebbe essere scioccante



Il conflitto, che sta entrando nel suo nono mese, ha provocato decine di migliaia di morti, distrutto gran parte della Striscia di Gaza e la maggior parte dei suoi 2,4 milioni di abitanti sono stati sradicati e corrono il rischio di carestia.

Le dimissioni di Gantz?

Appena una settimana dopo la nuova tabella di marcia annunciata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, gli sforzi diplomatici per raggiungere un cessate il fuoco sembrano essere in fase di stallo nonostante le discussioni di questa settimana a Doha, in Qatar.

In questo contesto, la prossima settimana il segretario di Stato americano Anthony Blinken visiterà Israele, Egitto, Qatar e Giordania, ha annunciato Washington.





Ma quando il capo della diplomazia americana tornerà in Medio Oriente, il panorama politico israeliano potrebbe essere cambiato.

L’ex capo dell’esercito israeliano divenuto rivale politico di Benjamin Netanyahu, Benny Gantz, dovrebbe annunciare sabato sera, secondo la stampa israeliana, le sue dimissioni dal governo Netanyahu, al quale si è unito dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Quel giorno, i commando di Hamas, infiltratisi dai territori palestinesi, hanno effettuato un attacco senza precedenti nel sud di Israele che ha portato all’uccisione di 1.194 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio dell’Agence France-Presse basato su dati ufficiali.

Durante questo attacco furono prese in ostaggio 251 persone. Dopo una breve tregua nel mese di novembre che ha consentito il rilascio di un centinaio di persone, a Gaza sono ancora detenuti 120 ostaggi, 41 dei quali sono morti, secondo l’esercito israeliano.

READ  Mosca consegnerà missili nucleari alla Bielorussia

In risposta all’attacco del 7 ottobre, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva mortale nella piccola area costiera occupata da Hamas nel 2007. Almeno 36.731 palestinesi sono stati uccisi, la maggior parte dei quali civili, secondo l’ultimo rapporto del Ministero della Sanità israeliano di venerdì. . Il governo di Gaza guidato da Hamas.

Il signor Gantz ha convocato una conferenza stampa sabato sera a Ramat Gan, un sobborgo di Tel Aviv.

“Lista della vergogna”

Il leader del Partito dell’Unione Nazionale (al centro) aveva lanciato un ultimatum a Netanyahu il 18 maggio, chiedendo l’adozione di un “piano d’azione” per il dopoguerra nella Striscia di Gaza, e quindi sarebbe stato “costretto a dimettersi dall’incarico”. il governo.”

La scorsa settimana il suo partito ha presentato un disegno di legge per sciogliere il parlamento, senza che ci siano molte possibilità di successo in questa fase perché il partito Likud (di destra) di Netanyahu ha ancora la maggioranza dei rappresentanti con i suoi alleati dei partiti ultra-ortodossi e di estrema destra.

Ma Netanyahu sta anche subendo pressioni da parte dei suoi alleati di estrema destra, tra cui il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, che hanno minacciato di lasciare il suo governo se si raggiungesse un accordo di cessate il fuoco con Hamas.

Tuttavia, se il governo Netanyahu cade e si tengono elezioni anticipate, Gantz è il favorito per formare una coalizione in mezzo alle turbolenze, con Israele che dovrà affrontare una crescente pressione internazionale.

ULTIMO EPISODIO FINORA: Il paese è stato informato venerdì di essere stato aggiunto alla “lista della vergogna” delle Nazioni Unite sui diritti dei bambini in conflitto in un rapporto atteso per la fine di giugno, ha annunciato il suo ambasciatore Gilad Erdan, dicendosi “scioccato e disgustato” dalla decisione del segretario generale António. Guterres.

READ  Ispirato da Viktor Orban, il primo ministro slovacco avvia riforme controverse

Una fonte diplomatica ha detto all’AFP che a questa lista si aggiungeranno anche Hamas e la Jihad islamica, il secondo movimento islamico armato nella Striscia di Gaza.

Disoccupazione al 79%

Nel frattempo, gli aiuti internazionali, il cui ingresso a Gaza è controllato da Israele, affluiscono solo nell’area dove il tasso di disoccupazione ha raggiunto “l’incredibile livello del 79,1%”, secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

L’esercito americano ha annunciato venerdì che il molo temporaneo costruito sulla costa di Gaza per fornire aiuti umanitari, danneggiato da una tempesta a fine maggio, è stato reinstallato dopo le riparazioni.

Nel tentativo di fuggire dai combattimenti e dai bombardamenti, i palestinesi sfollati a causa della guerra sono andati, venerdì, a rilassarsi sulla spiaggia di Deir al-Balah (centro), nonostante fosse inquinata dalle acque reflue.

Muhammad Ghaben, che dall’inizio è stato sfollato più volte all’interno della Striscia, ha detto all’AFP sulla guerra a Gaza che il mare fornisce sollievo “dagli insetti, dal caldo (…) e dall’odore dei cadaveri”.