Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il trasferimento degli attivisti in Francia è “un’espressione di giustizia coloniale”, come analizza un antropologo

Il trasferimento degli attivisti in Francia è “un’espressione di giustizia coloniale”, come analizza un antropologo

Benoit Trippi, specialista della Nuova Caledonia, ha criticato il trasferimento nella Francia continentale di sette indipendentisti Kanak del CCAT, accusati di aver organizzato disordini qualche settimana fa.

pubblicato


aggiornare


Tempo di lettura: 3 minuti

Christian Tin, portavoce della Field Action Coordination Cell (CCAT), un'organizzazione indipendentista Kanak.  (Delphine Sindaco/AFP)

“Ciò non risolverà assolutamente nulla, soprattutto rischia di gettare benzina sul fuoco data la tensione che ancora esiste nel Paese”., analizza Benoît Trippier, antropologo del Centro nazionale per la ricerca scientifica specializzato in Nuova Caledonia. Lui reagisce Trasferire sette attivisti indipendentisti Kanak in Francia Dalla Field Action Coordination Unit (CCAT), compreso il suo portavoce Christian Tin, nella notte tra sabato e domenica, per essere rinchiuso lì. Le autorità li sospettano di aver organizzato rivolte contro la riforma elettorale in Nuova Caledonia.

“Le persone lo sperimentano di nuovo come espressione della giustizia coloniale, della prigionia coloniale e dello stato coloniale”.Lo conferma Benoît Trippier. Secondo lui, “Finché non riuniremo tutte le persone attorno al tavolo delle trattative e non sarà necessaria un’alleanza globale, non ci sarà pace”..

franceinfo: Come analizzi questa prigione in Francia?

Tribù di Benoit: Questa decisione è soprattutto un modo per compiacere i lealisti di estrema destra della Nuova Caledonia, che da tempo chiedono che i responsabili del CCAT siano messi dietro le sbarre. Ciò non risolverà assolutamente nulla, e soprattutto rischierà di gettare benzina sul fuoco, data la tensione che ancora esiste nel paese, nonché il grado in cui il CCAT ha raggiunto la popolazione Kanak. Ora è un’organizzazione molto popolare.

READ  Nuovi incidenti segnalati l'ultimo giorno della campagna; "Cinquantuno candidati o attivisti sono stati aggrediti fisicamente", secondo Gerald Darmanin

Pensi che questo non sarà accettato dai separatisti?

Dobbiamo ricordare che tutto era dovuto alla volontà dello Stato di farsi strada con la forza senza ascoltare ciò che dicevano i separatisti. Tutto ciò difficilmente riuscirà a calmare la situazione. L’esilio nella Francia metropolitana, perché è considerato esilio per le persone che si considerano non francesi, è la goccia che fa traboccare il vaso.

“Ci sono diritti, soprattutto quando sei informato, di vedere la tua famiglia e il tuo avvocato per preparare la tua difesa, motivo per cui l’esilio tra gli opposti è un grosso problema.”

Benoît Trippier, antropologo del Centro nazionale per la ricerca scientifica

In Francia Informazioni

La politica di sicurezza globale non ha portato alla pace. Finché non riuniremo tutti attorno a un tavolo e la Convenzione contro la tortura non diventerà necessaria, la pace non tornerà. Le persone sperimentano questo, ancora una volta, come un’espressione della giustizia coloniale, della prigionia coloniale e dello stato coloniale.

Questa decisione potrebbe innescare tensioni in Nuova Caledonia?

Questo è ciò che sta realmente accadendo nonostante l’appello alla calma. Attualmente la Nuova Caledonia rimane coperta da dighe contrassegnate dal marchio CCAT. L’intera organizzazione è altamente decentralizzata. Personalmente non credo all’ipotesi difesa dallo Stato che tutto sia stato commissionato e preparato. Questo non è il caso.

“Le persone stanno creando blocchi stradali e quello che abbiamo visto nelle ultime settimane è, al contrario, che Christian Ten e altri stanno mettendo blocchi stradali nel tentativo di alleviare la pressione”.

Benoît Trippier, antropologo del Centro nazionale per la ricerca scientifica

In Francia Informazioni

Non esiste alcun controllo e nessun nastro trasportatore diretto, anzi ogni diga è completamente indipendente. Ciò che viene espresso è l’espressione del giovane Kanak che ha detto “Siamo stanchi adesso”, “Siamo stanchi di tirarci indietro rispetto all’indipendenza, quindi ci stiamo mobilitando, e se dobbiamo far saltare tutto, faremo saltare tutto”. Christian Tin e gli altri sono in una posizione intermedia, hanno legami con queste persone ma fanno parte anche dei partiti politici.

READ  La Russia denuncia le dichiarazioni di Zelensky: "un appello per iniziare una nuova guerra mondiale"

Il fatto che l’Eliseo abbia annullato il disegno di legge che aveva acceso la miccia non ha cambiato nulla?

Come disse Laurent Fabius nel 1984, la Francia sta facendo troppo poco e troppo tardi. L’annuncio della sospensione del progetto nato morto a causa dello scioglimento non ha allentato le tensioni, soprattutto perché non è stato accompagnato da un processo politico. Il giorno dopo hanno arrestato i membri del CCAT e il risultato è che ci derubiamo a vicenda ma non abbiamo prospettive di uscita a lungo termine e non l’avremo finché le elezioni non saranno finite. In questo momento, è piuttosto confuso. In Nuova Caledonia la situazione non è così chiara come in Francia [hexagonale].