Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nipote Philippe de Dieulefault sul caso African Raft: “Roland Dumas ha sempre ammesso la presenza di bande armate sulle rive del fiume”.

Il nome Roland Dumas non significa molto in Belgio, tranne che era ministro sotto François Mitterrand. Diverso è il caso della Francia, dove il suo titolo è inevitabilmente legato a due grandi casi: il caso Goblin e il caso della fregata taiwanese. Lo costrinsero a sospendere le sue funzioni e poi a dimettersi nel 1999 mentre era a capo del Consiglio costituzionale.

Cosa non è specificato Disegno biografico WikipediaIl suo coinvolgimento fu nel caso African Raft, cioè quell’incursione su gommoni sul fiume Zaire a metà degli anni ’80, che vide l’omicidio di Philippe de d’Eulevault, il famoso ospite di alla ricerca del tesoro Su Antenne 2, i suoi compagni di avventura scompaiono nelle Inga Cliffs, una zona altamente sensibile in quello che allora era lo Zaire. Tra le vittime c’era anche un belga. Da qui la riflessione tra di noi.

Foto scattata il 18 maggio 1985 al conduttore televisivo “Caccia al tesoro” Philippe de Delevolt (d) durante la dimostrazione sulla Senna del prototipo della zattera con cui intraprenderà una spedizione sul fiume Zary durante la quale lui e i suoi sei compagni scompariranno in circostanze misteriose. La spedizione, lanciata all’inizio di luglio e che tentava di collegare l’Oceano Indiano all’Oceano Atlantico attraverso fiumi e laghi africani, scomparve il 6 agosto 1985. (Foto di Agence France-Presse)

Per quasi 40 anni la questione è rimasta un completo mistero. La teoria ufficiale, sostenuta dal governo francese e, per estensione, da Roland Dumas, allora ministro degli Esteri, è quella dell’annegamento accidentale. Lo scenario che non convince tutti è tutt’altro. In particolare Jean de Dieulefault, fratello del padrone di casa. Per molto tempo ha lottato per scoprire un’altra verità. La fiaccola fu portata alla sua morte da suo figlio, Alexis de d’Eulevault, nipote e figlio di una hostess alla ricerca del tesoro.

Questo caso non ha mai fatto notizia poiché ha avuto molti colpi di scena. Soprattutto quando si è scoperto che Philippe de Dieulefault era un agente dei servizi segreti francesi.

Inoltre, France 2 ha programmato la trasmissione di un documentario su questo caso irrisolto: Devololt: Manca dal fiume. Può essere visto martedì 9 luglio alle 21:10 su France 2.

Il mistero di Philippe de Dieulefault: un documentario su un’altra verità

READ  La guerra in Ucraina: le ragioni della violazione da parte del presidente Zelensky del capo dei suoi servizi segreti

Nelle precedenti interviste condotte con DHAlexis de Dieulefault ha spiegato il ruolo cruciale, a suo avviso, svolto da Roland Dumas, morto questa settimana all’età di 101 anni. giorno Ho chiamato nuovamente il nipote del presentatore per sapere se la scomparsa dell’ex ministro francese avesse infranto ogni speranza di sapere cosa fosse realmente accaduto alla spedizione africana sulla zattera del 1985.Non è più un problema (Morte di Roland Dumas, ndr) Perché l’ho incontrato. Quando ho scritto il mio libro, ne ho lasciato una copia a casa sua e in seguito ci siamo scambiati e-mail. Spiega da San Francisco. Mi ha detto che trovava il lavoro molto interessante se fossi disposto ad approfondire i dettagli. Mi ha raccontato quanto sia rimasto colpito dalla forza con cui ha perseguito la ricerca della verità su questo argomento. È stato un peccato perché aveva tutta la verità. È stato lui a elaborare la tesi dell’annegamento di massa sotto la presidenza di François Mitterrand. Sembrava disposto a parlare di questa storia. Forse Roland Dumas, nella sua vecchiaia, nel 2021, ha voluto pubblicare qualche informazione…”

Ha detto qualcosa che potrebbe aiutarti a portare avanti le tue indagini?

“Ho potuto incontrarlo nell’aprile del 2021. Aveva 98 anni quando l’ho visto nel suo ufficio e si è fidato di me dopo aver letto il mio libro e aver saputo della presenza di nastri dell’esercito sulle rive del fiume e mi ha detto che avrebbero potuto uccise la squadra mentre era sempre favorevole all’annegamento accidentale, o addirittura ai coccodrilli, e non c’erano dubbi in quel momento sul parlare di errori, né di soldati. Dopo il nostro incontro, mi ha inviato un’e-mail dicendomi che era molto felice di avermi con me e di poter parlare del destino di mio zio. Da allora ho pensato e insisto che sarebbe meglio chiudere questa sfortunatissima vicenda con un progetto che potrebbe essere un comunicato stampa del Presidente della Repubblica per arrivare ad una conclusione degna di questa avventura. Ti mostro le bozze delle lettere che scriverò al signor Macron. Cosa ne pensi?Ha aggiunto.

Foto QR / Le Parisien / Elie Julien; Combina. 24/08/2020; Compiègne: Attraverso questo libro di rivelazioni in onore dei trent’anni di indagini di suo padre, Alexis de Dieulefault spera di scoprire la verità sulla scomparsa di suo zio, il presentatore televisivo Philippe de Dieufault.

Egli fece?

READ  In Francia Elizabeth Bourne nomina primo ministro: la stampa mista francese

“Ha scritto questa lettera e me l’ha inviata. Poi ho ricevuto conferma, tramite il Ministero delle Forze Armate, che Emmanuel Macron l’aveva ricevuta e gli aveva chiesto di presentare una lettera per scoprire la verità in questo momento che dura ormai da 40 anni. vecchio caso. Con mia grande sorpresa, l’ex ministro degli Esteri ha sostenuto la mia ricerca della verità”. Anche se pensavo che si sarebbe ritirato se non l’avessi incontrato, sarebbe stato molto frustrante ma abbiamo parlato per un bel po’ La mia scrivania era davanti a me e questo mi è stato di conforto, perché attraverso le sue parole e la lettera che ha scritto a Macron c’era un accompagnamento a questo fatto e mi ha mostrato che stavo camminando sulla strada giusta.

L’Eliseo ha reagito?

Ha aggiunto: “Emmanuel Macron non ha agito. Non c’è stata alcuna azione concreta da parte del Presidente della Repubblica. Erano e sono ancora turbati da questa storia”.

cosa farai adesso cosa fai adesso?

“Ho voluto chiedere giustizia l’anno scorso, nel maggio 2023, attraverso i nuovi documenti che ho potuto far luce negli archivi diplomatici, e ho chiesto alla Procura di Parigi di preparare un grosso fascicolo e, con grande sorpresa, abbiamo ha ricevuto una risposta dal pubblico ministero.” Via e-mail, che si compone di due righe: “Ho preso atto della vostra richiesta di riaprire l’indagine giudiziaria in relazione al signor Duelvault. Tuttavia, vi informo che la Procura di Parigi è del parere che non vi sia alcuna nuova accusa che giustifichi la riapertura dell’indagine giudiziaria.. Anche gli avvocati sono rimasti sorpresi nel sentire questa espressione: “Tieni presente che non ci sono nuove commissioni.” Ma ce n’erano già alcuni. Ho fornito la prova del certificato di morte di mio zio Philip. Il certificato di morte è la prova che è stato identificato. Era questo famoso corpo donato alla famiglia che non assomigliava a niente. Un corpo mutilato, senza testa, senza mani, senza sesso. Se trovi un certificato di morte di questo corpo, è perché è stata effettuata una manomissione. Nonostante ciò, la Procura di Parigi non vuole riaprire il caso. “Mi ritrovo di fronte a istituzioni che chiudono tutto.”

READ  Giorno 286 della guerra in Ucraina: nuove interruzioni di corrente seguono il lancio di missili in Ucraina, mentre la Russia colpisce le basi aeree

La scomparsa di Philippe de d’Eulevault 35 anni fa: nuovi elementi a sostegno degli affari di tesi di Stato

Che cosa si può fare?

“Sto facendo la mia indagine. Non mi arrenderò, tutt’altro. L’anno scorso sono andato nella Repubblica Democratica del Congo, a Inga. Era importante andare sul posto, conoscere le distanze, vedere questo Dove è scomparso Philippe, ho incontrato le autorità dell’epoca, compreso l’ex comandante dell’esercito zairese, abbiamo pranzato insieme. Da parte congolese, la gente è diventata più aperta su questo problema L’ipotesi dell’affondamento non è affatto vera. Inoltre, queste persone sono rimaste sorprese dalla reazione chiusa della Francia. Sono andato a incontrare vari testimoni, compresi i soldati. Ci sono molti archivi da consultare in Francia, e vado avanti parleremo ancora di questo problema.