Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Glorie di un pianeta extrasolare – Pieuvre.ca

Glorie di un pianeta extrasolare – Pieuvre.ca

Gli scienziati non si aspettavano di osservare un delicato balletto di luce su WASP-76b, il cosiddetto pianeta infernale. Una dimostrazione della crescente potenza degli strumenti astronomici.

L'ambiente di WASP-76b non è a dir poco ospitale: il pianeta si trova molto vicino alla sua stella – 1/12 della distanza tra il Sole e Mercurio – e ha un lato permanentemente caldo. Il risultato è che la temperatura raggiunge i 2400 gradi Celsius, Descrivere Scientifico americano. L'altro lato è immerso nella notte eterna. Pertanto il ferro esiste su questo pianeta sotto forma di vapore e quando il vento lo trasporta verso il lato oscuro si condensa formando una pioggia di ferro fuso.

Tuttavia, gli scienziati di questo pianeta infernale hanno osservato un fenomeno simile ad un arcobaleno: Gloria. Questo è quello che chiamiamo fenomeno ottico degli anelli concentrici, che risulta dal passaggio della luce attraverso lo spazio molto ristretto che separa le particelle sospese: questo crea la diffrazione.

Solo che ci sono condizioni molto specifiche necessarie per testimoniare la gloria. L'atmosfera deve essere costituita da particelle sferiche completamente uniformi, illuminate direttamente dalla luce delle stelle. Anche l'osservatore deve trovarsi esattamente nel posto giusto.

Possiamo ammirare glorie sulla Terra, alcune delle quali sono state viste anche nell'atmosfera di Venere. Tuttavia, questa è la prima volta che gli scienziati sono riusciti a rilevare questo fenomeno ottico su un pianeta di un altro sistema solare, un pianeta extrasolare.

Questa osservazione è stata resa possibile grazie al progetto CheopeÈ una missione guidata dall’Agenzia spaziale europea. Questa scoperta dimostra che ora è possibile scoprire fenomeni nascosti sulla superficie di questi pianeti lontani. I leader del progetto affermano che gli strumenti degli astronomi saranno teoricamente in grado di identificare disturbi ottici simili che potrebbero derivare dalla presenza di oceani o grandi distese d'acqua sugli esopianeti. Nel loro comunicato stampa. I loro studi È stato pubblicato Nella rivista Astronomia e astrofisica.

READ  YouTube: ora puoi giocare gratuitamente a 75 videogiochi live sulla piattaforma, ma per alcuni è la "peggiore idea di sempre"

Iscriviti alla nostra newsletter tentacolare

Ci hanno incoraggiato riguardo al prezzo del caffè