Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni legislative in Francia: Macron è preoccupato dalla minaccia di “guerra civile”

In un nuovo intervento sul podcast “Génération Do It Yourself”, il Presidente della Repubblica non ha usato mezzi termini nei confronti del Rally Nazionale e della France insoumise.

Ha aggiunto che la “risposta dell’estrema destra” è in termini di insicurezza: “Perché attribuisce le persone a una religione o a un’origine, ed è per questo che divide e spinge alla guerra civile”. Al contrario, la LFI presenta “una forma di settarismo”, “ma dietro c’è anche la guerra civile”.

Domenica, nella fase finale della campagna del primo turno, la battaglia verbale tra i tre blocchi principali ha raggiunto un nuovo livello, mentre si preparano a essere cancellati martedì sera su TF1 durante un dibattito tra il primo ministro Gabriel Attal, il coordinatore della LFI Manuel Bompard e Giordania. Bardella.

Quest’ultimo ha tenuto una lunga conferenza stampa lunedì mattina nel tentativo di chiarire il suo programma dopo una settimana di esitazione durante la quale il campo libico sembrava fare marcia indietro su alcune delle sue principali misure, in primo luogo l’abrogazione della legge. Riforma delle pensioni.

Emmanuel Macron si è impegnato a “procedere fino a maggio 2027”, anche in caso di sconfitta alle elezioni legislative

Il “big bang” a scuola

Su questo tema, Jordan Bardella ha ribadito la volontà di dare priorità alle carriere lunghe a partire dall’autunno: “I francesi che hanno iniziato a lavorare prima dei 20 anni e che hanno compiuto 40 anni di servizio potranno andare in pensione a 60 anni. “

Ma nel campo dell’istruzione ha annunciato nuove misure, promettendo una “grande esplosione di potere” dall’inizio dell’anno scolastico a settembre con il divieto dei cellulari nelle scuole medie e superiori, che è il comandamento “obbligatorio” del autorità. Gli insegnanti continuano a sperimentare le uniformi “nelle scuole elementari, ma anche nelle scuole medie”.

READ  È un peccato, come qualsiasi atto sessuale al di fuori del matrimonio.

Ha sottolineato inoltre che “le posizioni più strategiche nel Paese saranno riservate ai cittadini francesi” che hanno una sola nazionalità, escludendo così le doppie nazionalità. Ciò è impossibile senza una revisione della Costituzione, avvertono i professori di diritto che sottolineano che la “doppia cittadinanza” non esiste nella legge francese.

Secondo un sondaggio Ifop di lunedì, il Fronte Nazionale ha ottenuto al primo turno il 36% delle intenzioni di voto, che è più che mai un bersaglio per i suoi avversari, il Nuovo Fronte Popolare (29,5% delle intenzioni di voto) e per il campo presidenziale ( 20,5%). .

Il leader della campagna di Macron in viaggio a Digione, Gabriel Attal, ha cercato di posizionarsi come il principale baluardo del Partito delle Fiamme, a scapito della sinistra.

Ha sottolineato che “il candidato Nobis al ballottaggio contro il candidato del Raggruppamento Nazionale perde la maggior parte del tempo, e quando hai un candidato “Insieme per la Repubblica” al ballottaggio contro il candidato del Raggruppamento Nazionale, vince molto di più”.

Il Primo Ministro si basa sui sondaggi d’opinione per giustificare il suo rifiuto di chiarire in questa fase la posizione del campo presidenziale in caso di duello tra il Fronte Nazionale e la sinistra, o il terzo posto dei Macroniti in alcune circoscrizioni elettorali.

Marine Le Pen: A Macron non resta che dimettersi

Una discussione senza Mélenchon

A sinistra, Jean-Luc Mélenchon ha visto crescere la pressione intorno a sé con l’appello quasi simultaneo dei suoi tre alleati di sinistra – il Partito Comunista Francese, gli Ecologisti e il Partito Socialista – a favorire il “consenso” nel nominare il nuovo Fronte Popolare. candidato per Matignon. In caso di vittoria.

READ  L'ex presidente invita gli americani a restare “uniti”

Il capo dell’organizzazione “La France Insoumise” ha annunciato all’Agence France-Presse che il fondatore di “La France Insoumise” “non è il leader del Nuovo Fronte Popolare e non sarà primo ministro”.

Mélenchon, considerato da parte della sinistra un fallimento elettorale, domenica ha alimentato la discordia interna affermando la sua “intenzione di governare il paese”, pur sostenendo che non si sarebbe “imposto”.

millimetro. Allora Attal e Bardella lo convocarono perché venisse a discutere davanti a loro in televisione, al posto del coordinatore ribelle Manuel Bombard.

Un altro candidato citato da Raphael Glucksmann per Matignon è l’ex segretario generale del CFDT Laurent Berger, che lunedì ha rotto il silenzio su Le Monde per spiegare che “la prima emergenza è evitare il Fronte Nazionale”.

“Ognuno ha il proprio DNA”

Ha aggiunto: “Dopodiché, il nome del personaggio che andrà a Matignon è l’ultima delle mie preoccupazioni oggi”. A France 2 ha aggiunto: “In ogni caso non è questo il mio desiderio”.

Lottando nei sondaggi, la maggioranza continua a liberarsi ogni giorno di più da Emmanuel Macron.

Gabriel Attal ha affermato: “Ogni persona ha la propria identità, ognuno ha il proprio DNA, ognuno ha la propria strada”, sottolineando che il voto di domenica “non è stato un referendum a favore o contro il presidente della repubblica”. Da parte sua, Edward Philippe lo ha accusato di “uccidere” la maggioranza presidenziale.

Lunedì il capo dello Stato ha risposto indirettamente sottolineando che “si rende conto” che “molti” nella maggioranza “si risentono” nei suoi confronti.

“Non sarà colpa di nessuno la sera del secondo turno. Sarà responsabilità dei francesi. E per me questa non è una scommessa (faccio), è una fiducia (ho)”, gli elettori aggiunto.

READ  Christo Grosev: "Se continua così Putin cadrà tra un anno"