Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa rivelano le tue bugie su di te?

Cosa rivelano le tue bugie su di te?

“La vita sociale sarebbe impossibile se tutti parlassero senza filtri”, spiega Anne-Marie Benoit. E poi tutti ci raccontiamo una storia su noi stessi e sugli altri, la realtà è sempre un’interpretazione. » Perché abbelliamo o eliminiamo elementi della nostra narrazione agli altri e a noi stessi. Questo per vari motivi, continua lo psicoterapeuta, “per proteggere o aumentare la nostra autostima e per alleviare i sensi di colpa”.
O per raggiungere un tale obiettivo o ottenere una tale soddisfazione.

il test

Tra le seguenti 30 affermazioni, scegli quella che ti risuona davvero. Se i risultati sono uguali, sentiti libero di leggere di nuovo e fare una scelta più accurata.

  • 1. Mi sento in colpa molto rapidamente.
  • 2. Cerco soprattutto la calma.
  • 3. Devo il mio successo solo a me stesso.
  • 4. Sono molto sfortunato.
  • 5. Mi sento sbagliato molto facilmente.
  • 6. Preferirei prendermi la colpa piuttosto che creare conflitti.
  • 7. Conosco i miei punti di forza e so come metterli in risalto.
  • 8. Sono molto credulone e posso essere facilmente ingannato.
  • 9. Mi preoccupo molto di come gli altri mi vedono.
  • 10. Non sono carino e invisibile.
  • 11. Dire la verità porta solo guai.
  • 12. Piango molto facilmente, anche in pubblico.
  • 13. Non posso permettermi di fallire.
  • 14. Cerco soprattutto personalità protettive.
  • 15. Per difendermi, so negare in modo convincente.
  • 16. Non siamo mai serviti bene
  • 17. Non critico mai.
  • 18. Sono un perfezionista.
  • 19. Ho un senso di competizione.
  • 20. Assumo spesso una posizione di “salvatore”.
  • 21. Cerco la sicurezza sopra ogni altra cosa.
  • 22. Il mio senso delle sfumature è particolarmente apprezzato.
  • 23. Affino i miei punti di forza.
  • 24. Ho (anche) a che fare molto con personalità tossiche.
  • 25. Faccio felicemente il ruolo di mediatore.
  • 26. È nella mia natura lasciarmi trasportare.
  • 27. Non permetto a nessuno di sopraffarmi.
  • 28. Trovo facilmente scuse per gli altri.
  • 29. Trovo difficile esprimere i miei sentimenti.
  • 30. Chiedi aiuto frequentemente.
  • 31. Tendo a rimuginare sui miei errori o errori.
  • 32. Tendo a tenere per me i miei sentimenti più profondi.
READ  Antimicrobico: uccide più HIV/AIDS o malaria

Scopri anche:Test psicologico: qual è il tuo livello di sensibilità?

I tuoi risultati di ricerca

Scopri anche: Test psicologico: quale animale preferiresti essere allo stato brado?

La maggioranza assoluta sta nella pacificazione

Interpretazione Obiettivo, conscio o inconscio: evitare conflitti, mantenere relazioni o armonia nel gruppo. Ciò riflette la paura di essere giudicati, rifiutati o attaccati se esprimiamo ciò che sentiamo, affermiamo i nostri diritti o stabiliamo dei limiti. Da qui la possibilità di assumersene la responsabilità e assumere il ruolo di diplomatico o mediatore. Questo modello comportamentale è spesso il prodotto di una cultura familiare che ha reso difficile esprimere opinioni o sentimenti personali e ha demonizzato o proibito qualsiasi forma di disaccordo o dissenso. Il bambino cresce credendo che se tiene per sé ciò che pensa e sente, non sarà né amato né rifiutato.

Pericolo Questo meccanismo di difesa non solo attrae personalità dominanti e aggressive, ma crea anche frustrazione e rabbia repressa. Nel tempo, ciò influisce sulla fiducia e sull’autostima.

Consiglio Inizia smettendo di mentire a te stesso dicendoti cosa pensi e senti. Quindi esercitati a esprimere il tuo disaccordo, le tue critiche o i tuoi sentimenti in un ambiente privo di questioni importanti.

La maggior parte dei Triangoli mente per alleviare i sensi di colpa

Interpretazione Errore, fallimento e insuccesso sono automaticamente collegati all’erroneità morale, producendo così scappatoie immediate per sfuggire al ruolo di colpevole di fronte a giudici spietati. Il senso di colpa è spesso radicato nell’infanzia, dove non esiste il diritto di commettere errori e dove ogni fallimento viene punito anziché analizzato. In alcune culture familiari, il male è fonte di vergogna, sia collettiva che individuale. Quindi, più tardi, per scagionarsi, la reazione è quella di incolpare gli altri.

READ  La sanità pubblica in Francia rivela numeri allarmanti

Pericolo Non ti prendi mai la tua parte di responsabilità e quindi non prendi mai il tuo posto da adulto. Sperimentare il rifiuto, lo stigma e il disprezzo – soprattutto sul lavoro, dove viene rispettato chi si assume la responsabilità delle proprie decisioni – e privarsi delle lezioni di errori o illeciti riconosciuti o accettati.

Consiglio Esercitati a impegnarti e ad ammettere i tuoi errori in situazioni quotidiane prive di rischi e sforzati di indagare la catena di causalità che ha portato all’errore o all’errore al fine di comprenderne le cause (e i progressi) e misurare oggettivamente la tua parte di responsabilità. Tieni presente che assumersi la responsabilità è sempre apprezzato e crea fiducia e autostima.

La maggioranza dei diamanti mente per promuovere te stesso

Interpretazione L’autostima è un comportamento compensatorio che rivela un’immagine di sé e/o una fiducia in se stessi alterata e fragile. Poiché le critiche e i fallimenti sono così dolorosi e persino intollerabili, mettere in risalto talenti e successi, siano essi inventati o esagerati, aiuta ad aumentare l’autostima di un perdente. All’origine: vissuti familiari di abbandono, svalutazione e scomparsa tra fratelli, ma anche in famiglie che determinano il valore di un individuo in base alle sue prestazioni e al suo successo. Il che potrebbe portare a distorcere la realtà in modo che tu possa assumere il bellissimo ruolo e continuare ad amarti.

Pericolo Apparire ossessionati dai miti, indebolisce ulteriormente la fiducia in se stessi e l’autostima, evita qualsiasi rischio per paura di fallire e quindi aumenta l’ansia e la frustrazione.

Consiglio Fai le cose per divertimento o, se non hai scelta, fai del tuo meglio. In questo modo possiamo gradualmente svezzarci dalla vista degli altri. Se hai torto o non lo sai, ammettilo o chiedi aiuto.

READ  Il vantaggio di immagazzinare anidride carbonica? Una buona idea dell’Unione Europea per il bene del pianeta, ma a una condizione

La maggior parte della scatola sta nel farsi del male

Interpretazione L’obiettivo è ottenere cure, conforto, attenzione o privilegio. Il ruolo di vittima (da non confondere con lo status di vittima) è un ruolo infantile che offre molti benefici secondari: coccole, rivendicazioni, sostegno, assistenza… In tutti i casi si tratta di sfuggire al giudizio, alle proprie responsabilità. , per infastidire o subire, questi colpi con gli artigli o con le mazze che tutti, prima o poi, dobbiamo affrontare. Una genitorialità iperprotettiva, autoritaria o estremamente negligente può portare all’autolesionismo e quindi alla dipendenza, alla manipolazione e all’aggressività passiva.

Pericolo Scoraggiando la benevolenza ed esaurendo chi ti circonda, creando ostilità – nessuno può essere esentato dal fare le faccende domestiche – e finisci per non essere creduto in caso di problema reale o bisogno di aiuto, non comunicando mai né attivando le tue risorse personali, calpestando così acqua.

Consiglio Assumiti la responsabilità di te stesso prima di purificare l’atmosfera intorno a te. Determina ciò che realizzi con facilità e piacere. Stabilisci obiettivi da raggiungere da solo e ricompensati dopo ogni vittoria. Cambia ruoli diventando un aiutante nella tua vita.