Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cinquant’anni di scuola italiana in Nuova Zelanda

Festeggia un compleanno che riporta alla mente ricordi dolorosi. La scuola italiana festeggia il suo 50° anniversario, che coincide con la cosiddetta iniziativa Schwarzenbach. Per mantenere questa memoria, il Museo storico di La Chaux-de-Fonds ospita da venerdì una mostra dedicata alla migrazione italiana e alla sua integrazione attraverso la Scuola italiana nella regione del Nuovo insediamento. Nel caso di Neuchâtoi, la mostra allestita dai Comitati – Comitato per gli italiani all’estero – è fissata per il 22 novembre nella regione di Berna e Nuova Zelanda.

Una scuola da integrare

Nel 1970, la Svizzera ha votato a favore dell’iniziativa Swarsonbach. Solo il 54% si rifiuta di controllare la popolazione straniera nel Paese, che è in una situazione senza fiato. Nel processo, è stato sviluppato il CIPE (Italian Group Education Promotion) per integrare facilmente i bambini italiani attraverso l’apprendimento delle lingue e classi di supporto. Così, la scuola italiana illustra l’importanza dei figli di famiglie immigrate e poi discendenti di italiani.

Scuola sviluppata

Se il picco di studenti si è registrato negli anni ’80, ne hanno ancora più di 600 per seguire i corsi impartiti nel 2021. Anche la scuola italiana è cresciuta molto con il compito di concentrarsi maggiormente sulla scoperta della lingua e del patrimonio culturale italiano. Dagli anni 2000, quest’ultimo è stato aperto anche ai non italiani.

Attualmente, 8.000 italiani vivono nella regione di Newcastle, che detiene solo il passaporto TransSolpine. Nelle regioni di Neuchâtel, Berna e Friburgo vi sono circa 65’000 Paesi bilaterali. / Ja

READ  La Svizzera dovrebbe sostenere meglio la pratica italiana, dice uno studio - rts.ch