Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chantal Ladisso: “Non voglio diventare la caricatura di me stessa”

Chantal Ladisso: “Non voglio diventare la caricatura di me stessa”

Chantal Ladisso, nota per il tono della sua voce, sarà il 5 novembre a Liegi e il 19 dicembre a Bruxelles per uno spettacolo scritto e diretto da Jean-Robert Charrier. 1983 è una “vera regina della strada dei boulevard!” Dove il comico interpreta il ruolo di uno stilista. “Più invecchi, più giovani trovi le persone.la persona che oggi compie 75 anni annuncia il suo passaggio in DH e Sulla LN24 a Les Visiteurs su Soir. IL Gli anni ’80 sono tornati di moda. Nello spettacolo è proprio la storia di questa donna, che non ha più successo.

Tuttofare (commedia, teatro, one-woman-show, Les Grosses Têtes alla radio, Mask Singer in TV, ecc.) e ancora in fermento 75 anni fa, Chantal Ladisso avrebbe potuto essere un’influencer. “Devi convivere con il tempo, Si spiega così l’allegoria gay che sarà in scena il 2 novembre al Le Grand Cactus di Jérôme de Varzi. Queste sono persone effimere, persone che non durano. Sono bolle di sapone, non si guardano indietro e non credo che durino molto. Questi ragazzi sono come questi ragazzi che fanno cose in pochi secondi su internet e riempiono le stanze, è sostenibile? Pubblico alcune cose su Instagram e ho un account TikTok, quindi sono abbastanza moderno per la mia età (sorride)!”

Nel 1983 reciti in un ruolo adattato alla tua voce distintiva. Ma come si esce dal personaggio di Chantal Ladisso?

“Non voglio fare la caricatura di me stesso, quindi entro nei miei personaggi e cerco di portare qualche sfumatura in me stesso. Cerco di essere il più vicino possibile ai miei personaggi e di giocare con le loro emozioni. Non devo esagerare in modo da poter non diventare una caricatura di me stesso, quello che sento quando “È troppo, allora freno. Altrimenti non è credibile e la gente non ride”.

READ  Harry e Meghan pubblicano nuove foto di Lilliput scattate nel giorno del suo primo compleanno, che sta festeggiando in Inghilterra

Tu che sei nato con La classe et les Grosses Têtes, sei triste di non trovare più questo spirito oggi in televisione?

Se n’è andato un po’, è vero. Ma non voglio comportarmi come un vecchio perché, ancora una volta, devi convivere con i tempi. Così veloce e queste cose sono così fugaci. C’erano ragazzi molto divertenti ma era vero che c’era un lato buono che non troviamo negli spettacoli di oggi. È successo, è stata un’epoca e basta. Come se non fosse lo stesso periodo del primo capitolo… ma questa è la progressione della vita. “Non è un grosso problema in sé, la vita va avanti.”

“Non troviamo più il lato buono di La Classe negli spettacoli di oggi.”

Da dove viene questa energia?

“Beh, ce l’ho in me perché amo la vita. La pensione non fa per me, ma la morte sul palco! Innanzitutto mi annoierei molto se dovessi restare a casa. A meno che non debba andare a occuparmi di I miei nipoti. Lì sarebbe diverso. Questo è molto interessante e importante.” Non fare nulla? No, amo moltissimo il mio lavoro e lo desideravo tanto da quando ero piccola. Quindi tutto è un dono!

Oggigiorno carriere come la tua non sono più possibili?

“Non lo so, ma forse sì. È vero che le persone o le attrici mi dicono: ‘Sei un modello per noi’. Quando ci sentiamo un po’ giù, ti vediamo e diciamo andiamo!” È una speranza anche per le donne che possano essere sempre sul palco e in buona forma tutto il tempo. Sono fortunata perché lo sono, tocco ferro!”

READ  Ecco i risultati dell'estrazione Euromillions: Non c'è un grande vincitore del jackpot da 130 milioni, scopri i numeri estratti

Sei anche una delle prime donne ad avere successo in questo settore…

“Eravamo pochissimi, in effetti, è vero. Orgoglio ma… anche mio marito. Avere un compagno come Michel, come lui, che ti segue, ride, ti incoraggia… Lo facciamo anche per lui. Longevità così “Raro, 47 anni insieme. Ho avuto tante altre opportunità ma non si sono concretizzate (sorride)!”

The Underside of Ladesou: Quel giorno ha quasi recitato in un film porno

Suo marito Michel (ma all’epoca non era ancora sposata) arrivò in tempo per impedire a Chantal Ladisso di girare nuda in un film sexy. Storia divertente Rilevato su LN24. “Volevo davvero recitare in un film in quel momento, ma ho fallito. L’attrice ce lo confessa. Si chiamava “Holiday Mistresses” e non sapevo che fosse un film porno fino al giorno delle riprese quando ci è stato detto: “Forza, tutti nudi!” Questo film mi ha quasi rovinato la carriera, ma mio marito è arrivato al momento giusto per fermarmi e ha quasi litigato con il regista. Grazie ancora, Michelle! Lo stesso Michel (Ansault) che gli dà anche la risposta, anche se per appena dieci minuti, nello spettacolo teatrale del 1983 che sarà rappresentato a Liegi il 5 novembre e il 19 dicembre a Bruxelles.