Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Balla con il tuo futuro datore di lavoro

Balla con il tuo futuro datore di lavoro
Candidati e reclutatori ballano il 19 ottobre 2023 a Bron, vicino a Lione, durante un workshop “From Dance to Recruitment” organizzato da Paul Employ (JEFF PACHOUD/AFP)

“Avanti, indietro… ce la mettiamo tutta, braccia, gambe, sorriso.” Che siano datori di lavoro o persone in cerca di lavoro, Emmanuel, Abdou, Tice, Stephanie e gli altri si muovono e sudano insieme in questo laboratorio di danza organizzato da Pôle emploi per facilitare l’occupazione.

Lo scopo di questo Career Dating Day – modellato sull’esperienza “pitch to Hire” sviluppata negli stadi sportivi – è quello di fornire uno spazio di incontro differenziato per candidati e reclutatori della sfera culturale locale.

Il primo workshop si è svolto questa settimana nella sala corsi di Bron, alla periferia di Lione, con una serie di esercizi musicali che hanno coinvolto una sessantina di partecipanti di ogni età e condizione fisica, a piedi nudi, con calzini o scarpe da ginnastica.

“Di solito il colloquio consiste nell’inviare un CV, ricevere colloqui formali faccia a faccia. Ciò che è interessante qui è l’aspetto del movimento, la danza, l’anonimato… che ti permette di scaricare lo stress”, sottolinea il coreografo . Abdo Nujoom, venuto alla ricerca del profilo giusto per sostituire il direttore della sua azienda.

Questo professionista cinquantenne non avrebbe mai pensato di ballare con candidati a cariche del genere. Ma si dice pronto a “ripetere l’esperienza” perché ha notato che “la vicinanza fisica permette di scoprire abilità” e “porta una sensibilità diversa”, con un effetto specchio, dice, tra impegno fisico e impegno. per lavoro.

Balla con il tuo futuro datore di lavoro
Candidati e reclutatori ballano il 19 ottobre 2023 a Bron, vicino a Lione, durante un workshop “From Dance to Recruitment” organizzato da Paul Employ (JEFF PACHOUD/AFP)

L’obiettivo specifico degli organizzatori era “offrire qualcosa di diverso dai tradizionali colloqui di lavoro”, con una forte prospettiva sulle competenze interpersonali, che sono “molto apprezzate” nel processo di reclutamento, spiega Sabine Dankini, direttrice dell’agenzia regionale Pôle job “Scena e immagine” . . “.

READ  YouTuble blocca i video per 30 secondi per costringerti a rimuovere il blocco degli annunci

“Oggi i datori di lavoro ci dicono: ‘Finalmente per me le competenze tecniche si possono acquisire, quello che conta è il modo in cui la persona si comporterà’”.

“Zona di comfort”

Le regole del gioco sono le stesse degli incontri From Pitch to Recruitment: i partecipanti vengono identificati con il nome solo durante il laboratorio di danza, fino al momento dell’incontro faccia a faccia, in un box classicamente attrezzato con una scrivania e due sedie.

“Per il candidato è un modo per promuovere il proprio profilo e i propri talenti. Per l’azienda è un modo per individuare le persone che potrebbero essere perfette per la posizione”, spiega Sabine D’Ankini.

Alcuni datori di lavoro erano “un po’ diffidenti” e abbiamo dovuto convincerli, dimostrando che il workshop offriva indicatori di competenza tipici “comunicazione, leadership, processo decisionale, interazione, adattabilità”, spiega l’ex ballerina di 54 anni. Ha ricoperto l’incarico sin dalla costituzione della Sezione Cultura Specializzata nel 2010.

Balla con il tuo futuro datore di lavoro
Candidati e reclutatori ballano il 19 ottobre 2023 a Bron, vicino a Lione, durante un workshop “From Dance to Recruitment” organizzato da Paul Employ (JEFF PACHOUD/AFP)

Le sequenze di danza, composte da movimenti molto semplici, con personaggi diretti e libertà di espressione in gruppi, squadre o coppie, sono state coreografate dalla compagnia di Mourad Marzouki, e sono molto rivolte a un pubblico nuovo e ai “non ballerini”. «L’idea è coinvolgere concretamente ogni partecipante, invitarlo a muoversi e divertirsi», spiega il coreografo cinquantenne approdato alla danza contemporanea attraverso l’hip-hop.

La partnership della compagnia con Pôle emploi ci permette di “uscire dalla nostra zona di comfort e reinventarci con progetti diversi dalla programmazione di danza o dall’accoglienza di artisti… E penso che siamo in una società in cui bisogna inventare incontri un po’ insoliti,” lui dice.

Kais Al-Gharbi, 23 anni, è in cerca di lavoro ed è venuto a Bron “su consiglio del suo consulente” e ha detto di essere riuscito a “liberarsi” durante il laboratorio di danza mentre “nell’intervista ci sentiamo sempre un po’ nervosi, con un po’ di tensione”. “Sentirsi annegato di fronte al proprio datore di lavoro.”

READ  Come attivare/disattivare l'inoltro privato iCloud in iOS 15

“C’era molta energia nella stanza”, dice l’uomo che non ha alcuna reale intenzione di trovare qui il lavoro dei suoi sogni – un assistente alla regia – ma è felice di “fare rete”. Questa giornata gli ha permesso di presentarsi ad un direttore del casting che era venuto alla ricerca di nuove silhouette per un progetto di un film per la TV.