Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aggiornamento sulla diffusione del 5G a Bruxelles e in Vallonia

Aggiornamento sulla diffusione del 5G a Bruxelles e in Vallonia

La tecnologia 5G è già stata implementata in molti paesi, ma qui la sua diffusione è lenta.

Se le Fiandre dispongono già di una grande rete 5G, il tono è molto diverso in Vallonia e Bruxelles. Al momento in cui scrivo, Bruxelles è ancora quasi senza rete 5G e solo una piccolissima parte della Vallonia dispone di una rete 5G.

In effetti, la regione di Washington è stata la più lenta nel mettere in atto la legislazione necessaria per la diffusione del 5G, poiché ha apportato le modifiche necessarie a giugno, come ci ha spiegato Aaron Fino, portavoce di Proximus.

Se confrontiamo la mappa di copertura 5G dei diversi operatori, possiamo avere l’impressione che Telenet sia un passo avanti, sia nel territorio fiammingo che nella regione vallona. Ma vale la pena notare che la carta Telenet include anche il 5G “leggero”, che di solito non è incluso nelle carte di altri operatori.

Attualmente sono più di 1.015 i siti mobili che offrono copertura 5G e più di 290 comuni hanno una o più antenne 5G attive sul proprio territorio. La stragrande maggioranza dei siti è stata attivata nelle Fiandre, dentro e intorno alle principali città fiamminghe, come Anversa, Gand, Genk, Lovanio, Mechelen, Aalst, Hasselt, Kortrijk, Lokeren e le zone costiere. La copertura in queste città è già impressionante, con una copertura della popolazione che varia dal 55% all’80%. » spiega Coralie Miserek, portavoce di Telenet.

Ma Orange e Proximus non sono da meno, soprattutto perché ciascuna di loro ha un vantaggio in una regione particolare: Bruxelles. Se sul terreno nella capitale i progressi sono ancora molto timidi, si cominciano a fare, soprattutto nelle estreme periferie della regione.

READ  Un'auto separata nel mondo della tecnologia elettrica

Nel marzo 2023 (con approvazione nel giugno 2023), “ Il Parlamento di Bruxelles ha votato in seduta plenaria una nuova legge. […] Il nuovo standard sulle emissioni aumenterà il livello di energia esterna da 6 V/m combinati per tutti gli operatori, tutte le tecnologie e tutte le bande di frequenza a 14,5 V/m. Ciò consente l’avvio del lancio del 5G nella regione di Bruxelles. » spiega Proximus. ” Tuttavia, a lungo termine prevediamo ancora restrizioni poiché queste saranno ancora più rigorose rispetto agli standard raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che vengono applicati nella maggior parte dei paesi europei. » Per quanto riguarda la Vallonia, invece, Proximus è più ottimista: “ La Vallonia è in linea con l’accordo concluso nelle Fiandre alla fine di luglio 2022 “Anche se un’altra volta” Gli standard fissati dalle regioni rimangono più restrittivi rispetto agli standard europei sulle emissioni. »

Per quanto riguarda l’arancione? “ Abbiamo già i primi siti in servizio a Bruxelles e in Vallonia. La copertura aumenterà gradualmente man mano che otterremo le approvazioni ambientali e saremo in grado di implementare la tecnologia 5G. » Ce lo spiega Margot Vigneron.

In tutti e tre i casi, va notato che, sebbene la copertura nelle Fiandre sia già ben sviluppata, solo poche aree molto rare sono coperte in Vallonia, soprattutto nell’Hainaut e nella provincia di Liegi.

Di seguito troverete in ordine la mappa della rete Proximus 5G, seguita dalla mappa della rete Orange e poi dalla mappa della rete Telenet. È bene notare che questo include anche il 5G “leggero” che utilizza larghezze di banda 4G

_
Segui Geco su Facebook, Youtube E Instagram per non perdere nessuna bella notizia, quiz e offerta.

READ  È possibile sottoscrivere un abbonamento GSM fino alla metà del prezzo: ecco come risparmiare!

Ricevi le nostre ultime notizie direttamente sul tuo WhatsApp iscrivendoti a Il nostro canale.