Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sanità: incontro tra Bouchez e Prevot con gli operatori del settore

Sanità: incontro tra Bouchez e Prevot con gli operatori del settore

Giovedì, i presidenti di MR e Engagés, Georges-Louis Bouchez e Maxime Prévot, hanno ricevuto diversi operatori sanitari. Un settore importante per il futuro dei negoziati poiché non necessariamente hanno le stesse opinioni riguardo alle spese e ai tagli di bilancio che verranno effettuati. Mentre J.L. Bouchez parla di “controllare la crescita delle spese” e di “ottimizzare le risorse”, Maxime Prévot insiste sul “rifinanziamento del settore (sanitario) e sul sostegno al personale medico e infermieristico”.

L’incontro è durato più di tre ore, un po’ più del previsto, visto il numero dei rappresentanti attorno al tavolo (Collegio Intermutualista Vallone (MC, Solidaris, Mutualité Libre), Ospedali della Fondazione MR (UNESSA, SANTHEA, FEMARBEL, GIBBIS), First Line (FASD, FCSD, FEDOM, FMM), medici (GBO, Absym), prevenzione (FWPSanté), farmacisti (APB), Federazione vallone dei servizi di salute mentale (FWSSM), infermieri (UGIB)).

Carenza di personale: piano di emergenza

Il direttore generale dell’Unesa, Dr. Philip DeVos, ha sottolineato che per la prima volta tutti gli operatori si sono seduti allo stesso tavolo per un lungo periodo: “Ci sono problemi comuni a tutti i settori. È stato molto interessante rendersi conto, anche se… Sappiamo già che nessuno è in grado di assumere personale e tutti hanno potuto evidenziare che non essendoci “le mani” è opportuno fissare obiettivi prioritari e c’è urgente bisogno di una vera ripresa piano per far fronte alla carenza.

Il futuro degli scambi elettronici

I leader di entrambi i partiti hanno dato l’impressione di aver preparato bene questo incontro: “Tutti abbiamo sottolineato l’importanza della semplificazione amministrativa a tutti i livelli. Ad esempio, le case di cura hanno affermato che tutti gli scambi con le mutue vengono ancora effettuati su carta registrata mail!” Ovviamente questo può diventare elettronico ma anche migliorare gli scambi digitali con AVIQ”, aggiunge il Dr. DeVos.

READ  Joe Biden cade di nuovo in pubblico La sua salute è un argomento ricorrente di preoccupazione e ridicolo

Su questo tema i leader del partito hanno chiesto a tutti i partiti interessati esempi concreti di “cose che possono essere abolite dal primo giorno del nuovo governo”. »

Elimina i numeri chiusi e le sottoquote

A quanto pare, i sindacati dei medici (Absym e GBO) hanno chiesto “la rimozione dell’obbligo del numero. Ci hanno anche chiesto di affrontare la questione delle sottoquote”. A questo proposito, JL Bouchez ha chiesto di chiarire più in dettaglio la situazione attuale. ci ha detto uno dei relatori.

Finanziamento dei sindacati medici a livello regionale

“Con un tasso di crescita dell’1,5% non sarà sufficiente. Non ne usciremo. Occorre uno standard del 3,5% e altrimenti investire adeguatamente”, ha spiegato il dottor Paul De Monck, presidente del Gruppo generale belga Professionisti (GBO). Cauti per il futuro: “Vedremo cosa faranno con questa discussione Hanno anche capito che è necessaria un’ulteriore consultazione con il nostro settore e ho anche chiesto che i sindacati dei medici siano formalmente inclusi nelle consultazioni in sede. Unione Vallonia-Bruxelles e Regione Vallonia… e anche a questo livello occorre mettere a disposizione dei fondi ».

Centri di guardia e servizi di emergenza: intensificare la cooperazione

Per Jeppes, Dieter Gomery sottolinea l’importanza del settore ospedaliero: “Abbiamo chiesto loro di difendere Bruxelles nei negoziati sanitari a livello regionale e federale. Durante la discussione tutti sono consapevoli del fatto di intensificare la cooperazione tra guardia e emergenza centri, ma anche la questione della salute mentale, la cui offerta a Bruxelles non è sufficiente.

La prevenzione è urgente, ma non esiste ancora una soluzione

Tutte le parti interessate hanno inoltre lanciato un forte appello per il riallineamento delle cure non programmate come l’assistenza di guardia, la medicina d’urgenza, ecc. “A questo punto nessuno ha ricette pratiche e concrete per migliorare la prevenzione sanitaria”, aggiunge un altro relatore.

READ  "Per evitare di danneggiare la loro salute", usano "smettere di fumare tranquillamente" al lavoro

Da parte sua, il dottor Paul de Monk (GBO) ha aggiunto che “la priorità è la prevenzione… ma bisogna agire. Abbiamo bisogno di un programma nazionale, di un piano federale di prevenzione adeguatamente finanziato. Ho visto che il signor Bouchez lo ha capito quando lei investi nella prevenzione, non ne raccogli i benefici subito, a volte anni dopo e lui sembra averlo saputo.

Non ci sono risparmi a breve termine

Da parte sua, François Perle, presidente del Collegio Intermutualista, ha riferito di uno scambio tranquillo: “C’è consenso tra gli operatori sanitari sull’utilità di una migliore prevenzione, ma ciò porterà solo benefici finanziari a medio e lungo termine, ha sottolineato il risparmio è a breve termine”. In questo settore non è possibile.