Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nonostante la complessità del mercato, questo Paese non vuole tornare all’elettricità

Nonostante la complessità del mercato, questo Paese non vuole tornare all’elettricità

Nonostante il forte rallentamento delle vendite di veicoli elettrici, la Germania, il principale produttore automobilistico europeo, vuole continuare sulla strada della mobilità elettrica.

Con il rallentamento generale del mercato automobilistico in Europa, anche il mercato delle auto elettriche sta registrando un rallentamento nella sua crescita, soprattutto a causa dell’inasprimento dei sussidi in alcuni paesi. In Francia il bonus è ancora in vigore, ma solo per i modelli con una migliore “impronta di carbonio”.

La Germania è stata più estrema dalla fine dello scorso anno, con il governo che ha semplicemente interrotto l’acquisto di sussidi per le auto elettriche. risultati? Le vendite di auto elettriche stanno rallentando nel Paese, e in generale in Europa.

L’auto elettrica è stata attaccata da tutti i lati

Tuttavia, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha sottolineato l’importanza di continuare lo sviluppo della mobilità elettrica per garantire il futuro dell’industria automobilistica, in mezzo alla controversia sulla messa al bando dei motori termici in Europa entro il 2035. “Dico che oggi sosteniamo lo sviluppo della mobilità elettrica”.Lo ha affermato Olaf Schulz nel corso di un discorso tenuto presso la sede centrale del marchio Opel a Rüsselheim in occasione del 125° anniversario. Anniversario della compagnia nel raid.
Olaf Schulz ha avvertito che riportare indietro l’orologio sui progressi della mobilità elettrica metterebbe a repentaglio non solo i risultati attuali, ma anche Ma anche il successo e la futura prosperità della Germania come nazione industriale. “Volere tornare indietro adesso non significa solo mettere a repentaglio tutto ciò che è già stato realizzato, ma mette anche a repentaglio il nostro successo futuro, la nostra futura prosperità come nazione industrializzata”.confermato.
L’industria automobilistica, il principale pilastro economico dell’eurozona, è al centro di questa discussione Il recente calo delle vendite di auto elettriche in Europa e le critiche di diverse forze politiche. Durante la campagna elettorale europea, alcuni candidati, soprattutto di destra e di estrema destra, hanno messo in dubbio la scadenza del 2035 per il divieto dei motori termici.
“Non ha senso insistere nel mantenere il vecchio sistema, semplicemente perché ci ha permesso di vivere a lungo”.Olaf Schulz ha detto. Ha avvertito dei pericoli dell’esistenza “È superato dagli altri”. E basato su “perde [leur] Influenzare la direzione che prende il mondo. Se la Germania non prosegue sulla strada della mobilità elettrica.

La concorrenza è intensa in questo periodo

Mentre le case automobilistiche investono molto nella mobilità elettrica, sviluppando modelli più convenienti ed espandendo le infrastrutture di ricarica, Olaf Schulz ha insistito sull’importanza di continuare questa tendenza. Il consigliere ha parlato con i rappresentanti di Opel, tra cui Carlos Tavares, presidente del gruppo eccellente Che ha acquistato il marchio tedesco dalla General Motors nel 2017.
Anche Olaf Schulz era in pessime condizioni Contro il protezionismoal momento quello “Alcuni considerano superata l’idea della libera concorrenza e del libero mercato”.. “Il protezionismo, la spartizione e le barriere tariffarie irregolari non fanno altro che rendere tutto più costoso e renderci più poveri insieme”.-Hai annunciato?

Si riferiva chiaramente alle preoccupazioni sulla concorrenza e sull’Unione Europea, che prevede di rafforzare le barriere tariffarie per limitare l’importazione di automobili cinesi.

READ  La Cina conferma il suo risveglio