Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Nessuno può più ingannarlo”: Macron si prende il tempo necessario per decidere il nuovo governo e questo sconvolge il suo campo

La logica istituzionale vuole che il nuovo capo del governo francese provenga dal Nuovo Fronte Popolare, ma l’Alleanza della Sinistra non ha ottenuto la maggioranza assoluta, e questo non è l’unico scenario possibile. In teoria, il Presidente della Repubblica ha il potere di nominare chi vuole all’ufficio Matignon. Dovrebbe infatti scegliere un candidato che possa ottenere il sostegno della maggioranza dei deputati.

Il giorno dopo il secondo turno delle elezioni legislative francesi, la Quinta Repubblica entra in un territorio completamente inesplorato

Sembra riluttante a consegnare le chiavi di Matignon al PN. In una lettera ai francesi, pubblicata mercoledì, Emmanuel Macron ha chiesto “a tutte le forze politiche che si riconoscono nelle istituzioni repubblicane […] Costruire una maggioranza forte, necessariamente pluralistica, per il Paese”. Nominerà un primo ministro solo quando verrà raggiunto un compromesso. Una posizione che è stata subito criticata da Jean-Luc Mélenchon e Marine Le Pen, che hanno accusato il presidente di negarlo risultati elettorali.

La situazione appare preoccupante anche all’interno della maggioranza presidenziale. BFMTV Ha raccolto le testimonianze di molti macroniani impazienti di conoscere il loro destino. Uno di loro ha detto ai media francesi: “I viceministri hanno tempo solo fino al 17 luglio per registrarsi e partecipare alle votazioni per le posizioni nell’assemblea”.

Inoltre, Gabriel Attal accetterà di restare alla guida del governo solo fino al 17 luglio, secondo una fonte della BFM. Il Primo Ministro stava valutando la possibilità di assumere la presidenza del Gruppo Rinascimento nell’Assemblea.

“Molti di noi stanno facendo pressioni sul presidente affinché ci rilasci”, dice un ministro a BFMTV “Non siamo più legittimi, non abbiamo più la maggioranza”. Un altro ha detto: “Ci è mancata umiltà negli elementi del nostro linguaggio. Gli elettori volevano punire il presidente, e se non lo prendesse per mano, sarebbe un problema”.

READ  Commemorazione del 9 maggio in Russia: aspettati una dimostrazione di forza da Vladimir Putin

“Non credo che il presidente nominerà un governo prima delle Olimpiadi, perché ci vogliono già sei mesi per scegliere il colore della sua cravatta”, dice ridendo uno dei rappresentanti.

L’umore degli altri. “C’è un lato ironico, questo è certo, ma non siamo più vicini a questo. Il caos in casa non è la prima volta, ma tutti possono capire che ci vuole tempo. La situazione non ha precedenti e il risultato è imprevedibile”, ha detto un consigliere dice uno dei ministri: “Il presidente è colui che ha il controllo, e questa è una questione costituzionale, e non spetta a noi decidere quando andarsene”.

Una fonte governativa spiega: “C’è una noia generale”. “Nessuno ha avuto il tempo di digerire la soluzione e siamo dovuti tornare tutti alla campagna. Lì si va di nuovo giù, e quindi si verifica un contraccolpo. Per quelli che erano lì dall’inizio, le sensazioni erano già davvero alte ”, spiega. “Lo abbiamo visto durante i rimpasti dove “Tutto si ferma e tutti aspettano di vedere chi verrà licenziato”.

Riguardo alla forte maggioranza richiesta da Macron, un membro del governo ha detto: “È ridicolo: che messaggio mandiamo ai francesi? Lasciamo che tutto continui come prima se diamo l’impressione di falsare le elezioni? elezioni o attraverso di esse”. L’alleanza darà la sensazione che ci aggrappiamo al potere e sarà politicamente distruttiva.

All’interno dello stesso esecutivo, una fonte fa il punto sulla situazione di BFMTV. “È il caos. Macron lo adora. Siamo tutti alla sua mercé e non esiterà a ricordarci che è lui il padrone degli orologi e che ci licenzia quando vuole. E questo è il motivo”. Maggioranza, nessuno può più ignorarlo”.

READ  Il tiratore di El Paso condannato a 90 ergastoli | mondo