Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Né resi né cambi”: è legale questa affermazione durante la vendita? – 07/01/2024 alle 14:43

Gli articoli in vendita beneficiano delle stesse garanzie degli altri prodotti. (Illustrazione) (Markospiski/Pixabay)

Le garanzie legali per il cambio e la restituzione dei prodotti non cambiano durante la vendita. In caso di vizio o non conformità occulti è possibile ottenere la sostituzione o il risarcimento del bene entro due anni. Attraverso Internet i consumatori possono anche godere del diritto legale di recesso per 14 giorni.

Ho visto articoli in vendita con riferimento

“Non rimborsabile e non scambiabile”

? Tieni presente che questa pratica è illegale. Secondo il Ministero dell’Economia, i beni in vendita beneficiano delle stesse garanzie degli altri.

Un periodo di due anni

“Le restrizioni sulle garanzie di vendita sono illegali.”

Questo è quanto afferma la piattaforma informativa ufficiale

Informazioni personali di Percy

. Concretamente, le garanzie previste dalla legge riguardano i vizi occulti di fabbricazione, detti anche vizi occulti, e in generale tutti i difetti di conformità. secondo

Centro di documentazione economica e finanziaria

Questi includono beni che non sono idonei all’uso abituale previsto, quelli che non corrispondono alla descrizione fornita dal venditore o che non presentano le qualità pubblicizzate ed infine difetti di installazione o installazione manuale.

Come consentito dalla garanzia legale di conformità, il consumatore dispone di un periodo di due anni dopo l’acquisto o la consegna per denunciare il difetto di conformità e denunciarlo al venditore. In caso di articolo nuovo non è richiesto alcun elemento comprovante che il difetto esistesse al momento della consegna. Il commerciante è sempre tenuto a sostituire, riparare o pagare l’articolo.

Diritto di recesso online per 14 giorni

Se invece non esiste alcun difetto nascosto o non conformità, nulla obbliga il venditore ad effettuare una sostituzione o un rimborso. Tuttavia, può farlo su base puramente commerciale. Finalmente,

“Il commerciante è obbligato a mettere in atto qualsiasi condizione per il cambio o la restituzione da lui annunciata.”

Aggiunge il Ministero dell’Economia.

Tieni presente che se acquistato online, le regole sono le stesse. Per corrispondenza, il consumatore ha diritto di recesso per 14 giorni, siano esse vendite o meno, come specificato

DGCCRF

. Durante questo periodo è possibile restituire il prodotto al venditore per un cambio o un rimborso. Alcuni prodotti sono esclusi da questo diritto di recesso, come quelli aperti e non restituibili per motivi igienici o igienici, beni personali o anche CD, DVD e software.

READ  Le banche lussemburghesi si lavano nel rispetto dell'ambiente?