Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’udito e i suoi segreti Telepro

L’udito e i suoi segreti  Telepro

Avere un buon udito è essenziale per comprendere meglio il mondo. Un tocco, un fruscio, un cigolio… portano ad una spiegazione. Ma cosa rende le nostre orecchie così preziose?

Non senza sentire

Anche senza vederli, l’udito fornisce moltissime informazioni sui dettagli della vita quotidiana. Sappiamo immediatamente se il traffico fuori è intenso e se le auto viaggiano ad alta velocità oppure no. Possiamo capire anche dal suono dei clacson se gli autisti sono arrabbiati. Sono anche le nostre orecchie a percepire l’atmosfera: una stanza vuota non avrà la stessa risonanza di una stanza piena. Proprio come un film dell’orrore non avrebbe lo stesso sapore senza il sonoro… il picchiettio sulla finestra è segno di pioggia, e il crepitio del riscaldamento indica l’accensione di un fuoco. Questi segnali sonori onnipresenti influenzano le nostre azioni: la sirena di un’ambulanza ci incoraggia ad agire rapidamente mentre il forte allarme della nostra macchina ci ricorda di indossare la cintura di sicurezza. Le nostre delicate bandiere sanno riconoscere una voce tra le voci di miliardi di persone! E rivelandone l’origine. Anche quando dormiamo, continuiamo ad ascoltare. In quale altro modo possiamo opporci al nostro risveglio?

Orecchio rotto

Tuttavia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che “il 12% della popolazione belga soffre di perdita dell’udito”. Ciò corrisponde all’incirca alla media globale di “una persona su sei”! Ancora più allarmante è che “solo un terzo di queste persone indossa un apparecchio acustico”. Ma sappiamo che i problemi di udito “ci espongono maggiormente a incidenti e cadute”. Il motivo è la conseguente diminuzione della vigilanza. A titolo indicativo, esistono quattro livelli di sordità: lieve (da 20 a 39 decibel di perdita dell’udito), moderato (da 40 a 69 decibel), grave (da 70 a 89 decibel) e profondo (più di 90 decibel). Il rumore è considerato tossico a partire da 90 decibel, cioè il rumore di un trapano. “Se questo inquinamento acustico dura pochi secondi, è innocuo, purché non si ripeta regolarmente”, avverte l’otorinolaringoiatra Françoise Guinard. “Una conversazione normale è di 50 dB. A partire da 70 dB il suono emesso per lungo tempo può danneggiare l’udito.

READ  Per evitare il collasso del mondo, Antoine Boineau suggerisce una crescita verde che 'richiede rivoluzione'

Non fare orecchie da mercante!

Ci sono tre fattori che influenzano l’udito: età, genetica ed esposizione al rumore. “Per le prime due fasi non c’è molto da fare”, avverte. “D’altra parte, per preservare l’udito, è meglio evitare rumori intensi.” Il Consiglio Supremo della Sanità mette in guardia da “discoteche, concerti e festival con musica amplificata”. Questi segnali dovrebbero avvisarti: perdita di comprensione in luoghi rumorosi, respiro sibilante, ipersensibilità ai suoni forti o all’acufene. Quando sappiamo che “dal 10 al 30% della popolazione ne è colpita”, aggiunge la CSS… Infine, si consiglia di utilizzare tappi per le orecchie durante le attività rumorose, per controllare in tempo l’udito, per ridurre il suono delle cuffie o delle cuffie, mentre non si ascolta per più di un’ora e… evitando l’uso di bastoncini di cotone. A buon intenditore!

Lo sapevate ?

  • Le nostre orecchie non sentono allo stesso modo. Se la destra è più sensibile alla musica, la sinistra sarà più propensa a parlare.
  • Le nostre orecchie crescono durante la nostra vita.
  • Solo una persona su diecimila avrà l’orecchio assoluto, cioè la capacità di riconoscere le note suonate separatamente, senza alcun riferimento uditivo preventivo. Gli esempi più famosi sono Bach e Mozart, ma anche Michael Jackson, Mariah Carey e Lady Gaga.