Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo stile di Françoise Hardy come cimelio

Lo stile di Françoise Hardy come cimelio

Clemence PugetconMaria Principe
aggiornato

La cantante, musa ispiratrice di Paco Rabanne e André Courrès, incarna il look degli anni yéyé. Uno stile che ha saputo sviluppare e che ispira ancora oggi le giovani fashioniste.

Niente trucco eccessivo o acconciature pazzesche… e ancor meno accessori appariscenti. Mai esagerare, sempre con la giusta misura. Anche quando indossò uno dei capi che rivoluzionò la moda, nel 1968, il leggendario abito realizzato su misura per lei dallo stilista Paco Rabanne, quando era una giovane cantante parigina di 24 anni. Françoise Hardy rappresenta il look della donna francese per eccellenza. Molto ammirato da americani e anglosassoni, veniva installato ogni stagione nelle collezioni degli stilisti, soprattutto esordienti o affermati come Julien Dossena a Rabanne, Guillaume Henry a Pateau, Nicolas de Felice a Courrèges o ancora Sébastien Maier e Arnaud Vaillant a Copernay.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

“Quello che mi piace di Françoise Hardy è che è stata in grado di sviluppare il suo stile contemporaneamente alla sua carriera, alle sue canzoni e alla sua età”, spiega Thomas Zilberman, designer e stilista di Carlin Creative. Ce n’è chiaramente uno degli anni ’60 e ’70, con vestitini, gonne corte, stivali alti fino alla coscia e stivali bianchi. Nei decenni successivi riuscì a reinventarsi con questo look androgino e il suo guardaroba fatto di giacche di pelle, blazer neri, pantaloni da smoking, jeans e maglioni lavorati a maglia. La sua silhouette mi ricorda Diane Keaton in “Manhattan”, il film di Woody Allen uscito nel 1979. Capite: ci sentiamo di grande classe, e allo stesso tempo di sorprendente semplicità… » Un look naturale che ancora oggi ispira perché è il più senza tempo. Semplicemente il tocco francese.

READ  Kate Middleton ha ricevuto una standing ovation a Wimbledon sotto gli occhi stupiti di Charlotte (video)

Nicola de Felice a Courrèges

Françoise Hardy era una musa ispiratrice per André Courrèges, che all’inizio degli anni ’60 la vestiva con mini abiti dalle linee pulite, gonne corte, giacche in vinile e stivali di pelle bianca a metà polpaccio. Un must have per la generazione “Hello Friends” che ritroviamo oggi nella gioventù moderna e nelle collezioni di Nicolas De Felice. Per la sua collezione Autunno/Inverno 2024, reinterpreta lo stile biker chic del cantante. Successo atteso.

Françoise Hardy a Parigi nel 1969.

© Getty Images

Courrèges, collezione autunno/inverno 2024.

Courrèges, collezione autunno/inverno 2024.

© Coraggio

Guillaume Henry a Batuu

Con le sue minigiacche e minigonne arancioni stile anni ’60, Guillaume Henry coltiva una nostalgia molto in sintonia con l’epoca. Sulla passerella della sfilata di Patou di questa stagione si è visto anche un set composto da camicetta di seta e gonna midi ultra delicata, l’outfit caratteristico di Françoise Hardy.

Patù, collezione Primavera/Estate 2024.

Patù, collezione Primavera/Estate 2024.

©Pato

Julien Dossena a Rabanne

Nel 1968, Paco Rabanne immaginò un abito fatto di fogli d’oro tempestati di diamanti. Considerato “l’abito più costoso del mondo”, e sicuramente il più pesante, fu immortalato dal fotografo Jean-Marie Perrier, suo compagno all’epoca, sulla rivista Paris Match. È uno dei pezzi più iconici dello stile Hardy e, stagione dopo stagione, ispira i laboratori domestici di Rabanne.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Françoise Hardy indossa un abito dorato di Paco Rabanne tempestato di diamanti nel 1968.

Françoise Hardy indossa un abito dorato di Paco Rabanne tempestato di diamanti nel 1968.

Partita di Parigi / © Daniel Camus

Rabanne, collezione Primavera/Estate 2024.

Rabanne, collezione Primavera/Estate 2024.

Rabanne / © Yannis Vlamos

Sebastian Mayer e Arno Vaillant in Coperni

Un cappotto in popeline di cotone beige, Perfecto scuro, una piccola giacca di maglia portata a pelle, una camicetta a balze, jeans dritti e bermuda… In Corberni, incarna tutti gli elementi essenziali del guardaroba del “Time of Love” parigino cantante per eccellenza.

Françoise Hardy nel 1965.

Françoise Hardy nel 1965.

© Dott

Coperni, collezione Pre-Fall 2024.

Coperni, collezione Pre-Fall 2024.

©Coperni

Ci sentiamo estremamente eleganti e, allo stesso tempo, piacevolmente semplici

La Gavroche: questa maglietta parigina è la firma del cantante.  Mette in risalto la sua folta frangia e i grandi occhi a mandorla.  Cappello Isabel Marant, 175€

La Gavroche: questa maglietta parigina è la firma del cantante. Mette in risalto la sua folta frangia e i grandi occhi a mandorla. Cappello Isabel Marant, 175€

©Isabel Marant

Occhiali bianchi: la montatura in acetato bianco è la caratteristica più importante del cantante.  Le sue linee arrotondate risalgono all'era del lusso tranquillo.  Occhiali da sole Alain Afflilo, 29€

Occhiali bianchi: la montatura in acetato bianco è la caratteristica più importante del cantante. Le sue linee arrotondate risalgono all’era del lusso tranquillo. Occhiali da sole Alain Afflilo, 29€

© Dott

Mini bag anni Sessanta: elegante e semplice.  Un modo semplice ed efficace per riporre i tuoi oggetti essenziali, questa è la definizione della borsa Françoise Hardy perfetta.  Borsa Caryl, 385€.

Mini bag anni Sessanta: elegante e semplice. Un modo semplice ed efficace per riporre i tuoi oggetti essenziali, questa è la definizione della borsa Françoise Hardy perfetta. Borsa Caryl, 385€.

©Karel

Scarpe: Da indossare con abiti a trapezio e gonne corte, queste scarpe a metà polpaccio, realizzate in pelle verniciata nera o bianca, sono l'accessorio perfetto per le star yéyé.  Stivaletti Sézane, 190€.

Scarpe: Da indossare con abiti a trapezio e gonne corte, queste scarpe a metà polpaccio, realizzate in pelle verniciata nera o bianca, sono l’accessorio perfetto per le star yéyé. Stivaletti Sézane, 190€.

©Cézanne