Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le monete sparse per casa rappresentano un piccolo premio: ecco perché è importante utilizzarle

Le monete sparse per casa rappresentano un piccolo premio: ecco perché è importante utilizzarle

Il Belgio emette una grande quantità di monete. Ci troviamo però di fronte ad una carenza. Motivo: cattiva circolazione sanguigna. Abbiamo appreso in un comunicato stampa che molte stanze sono dormienti o inutilizzate. FPS Finances lancia una campagna di sensibilizzazione.

A volte si trovano in fondo al portafoglio o addirittura nel salvadanaio di un bambino. Le monete rappresentano una piccola fortuna che i belgi dimenticano di usare. Questo è un problema, vi spieghiamo perché.

4,2 miliardi è il numero di monete in Belgio. Si tratta di una cifra di oltre un miliardo e mezzo di euro. Nonostante l’elevato numero di monete in circolazione, i marchi belgi spesso hanno difficoltà a dare il resto ai clienti che pagano in contanti.



Il motivo: molte parti rimangono inattive nelle case. Tuttavia, ordinare nuove monete rappresenta un costo significativo per lo Stato belga. Ad esempio, rimettendo in circolazione anche solo il 2% di queste parti inutilizzate, è possibile risparmiare più di 5 milioni di euro in costi di produzione ogni anno.

Dobbiamo anche tenere conto dell’impatto ambientale di questa produzione. Grandi quantità di anidride carbonica vengono prodotte durante il processo di produzione e trasporto dei componenti.

Molestie che potrebbero essere evitate se i cittadini raccogliessero le monete sparse e le utilizzassero per i piccoli acquisti quotidiani. C’è la possibilità di cambiare piccole monete in banconote presso le banche, oppure gratuitamente presso la Banca Nazionale del Belgio.

READ  La Commissione europea affitta gli "uffici più verdi di Bruxelles" in Avenue de Tervuren
-->





Per incoraggiarlo, FPS Finances lancia a partire da lunedì una campagna di sensibilizzazione sui social media. Si chiama #SpendYourChange.