Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Latifa Raafat parla della sua relazione con il re Hassan II

Latifa Raafat parla della sua relazione con il re Hassan II

Ha detto Latifa Raafat Al3ok Il defunto Hassan II le consigliò di concentrarsi sulla canzone marocchina quando cercò di eseguire canzoni orientali. Secondo lui, il defunto re gli ha anche chiesto di tornare alle vecchie opere che amava ascoltare. La cantante racconta di aver cercato di seguire il consiglio del compianto Hassan fin dall’inizio della sua carriera artistica, e di aver scelto di viaggiare in Marocco, a differenza di alcuni suoi colleghi che si stabiliscono all’estero. Lei conferma, a differenza di alcuni cantanti, di non aver sofferto del problema della preferenza data agli artisti stranieri negli incontri artistici, sia a livello finanziario che morale. Dice di aver beneficiato dell’assistenza nella gestione dei suoi affari e del trattamento che merita, sia in Marocco che all’estero.

Leggi: Latifa Raafat interroga il giudice

Alla domanda su come indossare l’hijab e ritirarsi dalla scena del canto, Latifa Raafat ritiene che l’hijab non sia limitato alle artiste e che le donne che decidono di indossarlo beneficiano della grazia di Dio. Dice che l’idea di ritirarsi dalla scena musicale prima o poi è possibile, “ma se la mia passione per il canto continua, non credo che sarò un peso per il pubblico”.

Leggi: “Escobar del deserto”: Latifa Raafat minaccia

Per quanto riguarda il ritardo nella pubblicazione delle sue opere musicali, Raafat ha spiegato che il suo stile di lavoro è diverso da quello dei giovani artisti. Dice che fin dai suoi inizi è stata abituata a pubblicare un’opera musicale all’anno, mentre questi giovani artisti preferiscono pubblicare un’opera musicale ogni 3 o 4 mesi, cosa che trova difficile da fare. Ha anche giustificato la sua assenza dalla scena canora negli ultimi anni a causa della pandemia di Covid-19, della sua gravidanza e della nascita della sua unica figlia, Almas, nel 2019, oltre alla mancanza di festival.

READ  Critici di Hughes Day: "L'amore e la foresta", Virginie Evira Under the Influence