Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kevin Mirallas: “Potevo tornare in Standard due o tre volte” (Video)

Kevin Mirallas: “Potevo tornare in Standard due o tre volte” (Video)

Kevin Mirallas ha appeso le cassette. Da subito ricopre l’incarico di direttore tecnico all’Aalst, nella D2 dilettantistica. Così scopre dietro le quinte.

Liégeois era presente a “Eleven Insiders” dove è venuto a parlare del suo nuovo lavoro e dei suoi ricordi.

All’inizio dell’intervista, Kevin Mirallas ha spiegato di essere arrivato all’Aalst perché era stato rilevato da un uomo d’affari greco, con il quale era stato in contatto durante la sua permanenza all’Olympiacos. “È passato il treno e ci sono saltato sopra. È un mestiere nuovo che sto scoprendo. Volevo farlo. Sono felice di farlo nel settore dilettanti perché c’è meno pressione”. Fiducia.

Kevin Mirallas ripensa alla mancata selezione per la Coppa del Mondo 2018: “Egoisticamente, non volevo che vincessero”

“Avrei potuto tornare allo standard 2-3 volte.”

Se Kevin Mirallas fosse diventato direttore sportivo avrebbe potuto fare altro. “Avevo altre possibilità. Ho ricevuto un’offerta per diventare allenatore degli attaccanti allo Standard. Era qualcosa che volevo fare anch’io. Ma alla lunga non è stato facile perché alcuni allenatori non vogliono un allenatore specifico o non li ascoltano”. lui pensa.

Ha anche ripercorso i suoi dieci anni allo Standard. “Ero molto giovane. A fine stagione non sapevamo mai se sarei rimasto oppure no. E poi sono esploso quando avevo circa 14-15 anni. Ha cliccato. Sono cresciuto e ho acquisito fiducia in me stesso. “Tutta la mia squadra tranne me alla Nazionale tranne me. Ho pianto nella mia macchina. Mio padre mi ha incoraggiato. Mi ha detto: “A fine anno c’è un grande torneo in Turchia. Tu sei il migliore”. “Ho lavorato, ho ottenuto il titolo di capocannoniere e anche il campionato. Dopodiché la dirigenza dello Standard voleva che firmassi un contratto semiprofessionale e mi allenassi con la squadra riserve. Ma ho giocato nell’Under 18. Per caso”. , Sono arrivato a Lille, Claude Puel mi ha aperto le porte del centro di formazione e mi ha detto: “Segui il nostro cammino per un anno e tra un anno sarai con me. Un anno dopo ero con loro”. Lui dice.

READ  Infine, la persona giusta per Yuri Tielemans? La Premier League inglese sorprende nella competizione per il Red Devil

Kevin Mirallas sarebbe potuto tornare più volte nello Standard: “Sarei potuto tornare due o tre volte e non è mai successo. È il mio più grande rammarico ma non è mai successo. Quando sono partito per Anversa, è stato per impostazione predefinita. Anche il Bruges mi voleva ma non è riuscito a trovare un accordo con l’Everton”. Ho detto al mio agente che volevo andare allo Standard ma non volevano pagare. “Ho avuto anche una relazione con Vincent Kompany ma, essendo un uomo normale, è stato complicato.”

La dirigenza dello Standard mi ha informato che non mi avrebbero ingaggiato anche se le cose fossero andate bene con le riserve”.

Quest’anno un ritorno era sempre possibile. “Reginal Guru mi ha chiamato per giocare con le giovanili e avrebbe contattato la dirigenza per farmi lavorare con la prima squadra. Conoscevo Karl Hofkens della Nazionale. C’è stata una chiamata ma non è successo niente. Ho preferito prendere diversi mesi prima di poter giocare con la squadra.” “Credo. A ottobre ho chiamato Regina Guru per allenarmi con la squadra riserve. Lì la dirigenza mi ha detto che non mi avrebbero ingaggiato, anche se fosse andata bene. Avevo un’idea in testa di quello che volevo fare “Non è venuto per i soldi ma per la maglietta. Possono darmi quello che vogliono. Quando me lo hanno detto mi sono emozionato. Sono andato ad allenarmi ma non è più la stessa cosa.

Rivivi l’intervista completa qui