Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incendi del Colorado soffocati dalla neve | globalismo

Gli incendi che hanno devastato “in un batter d’occhio” interi quartieri nello stato americano del Colorado sono stati spenti venerdì, con forti nevicate che hanno soffocato le ultime braci.




Almeno 500 case sono scoppiate in fumo e decine di migliaia sono state costrette a fuggire, ma finora non sono stati segnalati decessi, un “miracolo” secondo il governatore Jared Polis.

I danni non sono meno visibili: nelle foto aeree intere strade sono poco più che cumuli di cenere volante. L’incendio, a differenza degli incendi precedenti, ha interessato le periferie, non solo le aree rurali.

“Le famiglie hanno avuto solo pochi minuti per caricare tutto ciò che potevano – i loro animali e bambini – in macchina e partire”, ha detto Jared Polis in una conferenza stampa venerdì. È successo “in un batter d’occhio”, ha detto.

Grandi fiamme hanno squarciato il cielo, spinte da forti venti fino a 160 km/h giovedì. Secondo quanto riferito, l’incendio è stato causato dalla caduta di linee elettriche su un terreno arido.

Non si conosce ancora il numero definitivo delle abitazioni distrutte. Lo sceriffo della contea di Boulder Joe Bailey ha messo il numero a più di 500 venerdì, dicendo che “non sarebbe sorpreso se il numero fosse superiore a 1.000”.

Ha spiegato che il fuoco ha bruciato “mosaico”, che ha portato a risparmiare alcune aree per la distruzione delle case vicine.

“Quando vedi la devastazione, è sorprendente che tu non abbia un elenco di 100 persone scomparse, ma non ce l’hai”, ha detto lo sceriffo.

In un appello con il governatore Polis, il presidente Joe Biden ha promesso che “sarà fatto di tutto per fornire assistenza immediata alle persone e ai residenti colpiti”, secondo la Casa Bianca.

READ  Brain Dead che non recupererai mai (nella foto)

© AP

Nevicata

Venerdì uno strato di neve si è posato sulle ceneri di questi incendi devastanti, in netto contrasto con la fornace del giorno precedente.

Il servizio meteorologico statunitense (NWS) ha messo in allerta parte di questo stato montuoso occidentale per una tempesta invernale e ha previsto forti piogge nei prossimi giorni.

Joe Bailey ha detto che questa neve “ci aiuterebbe davvero”, dicendo che non si aspetta più che il fuoco si accenda.

E le autorità locali hanno revocato parte degli ordini di sgombero durante la notte. Ma a posti come Superior, che ha una popolazione di 13.000 abitanti, è ancora negato l’ingresso.

Il borghese Patrick Kilbride, 72 anni, era al lavoro quando gli è stato ordinato di evacuare, ma è stato in grado di salvare solo la sua auto e i suoi vestiti. “Sono rimaste solo le ceneri” della casa in cui ha vissuto per tre decenni, ha detto al Denver Post.

Alle persone che vivono a Superior, insieme ai circa 20.000 residenti di Louisville, è stato ordinato di far bollire l’acqua del rubinetto o di usare bottiglie, mentre le città usano acqua non trattata per combattere gli incendi.

Siccità storica

Come gran parte del West americano, il già arido Colorado ha sperimentato un’eccezionale siccità per diversi anni.

Con il riscaldamento globale, è probabile che l’intensità e la frequenza della siccità e delle ondate di calore aumentino, continuando a creare le condizioni ideali per incendi boschivi o boschivi. Il West americano ha sperimentato incendi senza precedenti negli ultimi anni, in particolare in California e Oregon.

Per Daniel Swain, meteorologo dell’Università della California, è “difficile credere” che questi incendi si verifichino a dicembre, un periodo solitamente non favorevole a questo tipo di eventi nella regione.

“Ma prendi una caduta record di caldo e siccità, solo due pollici di neve finora in questa stagione, e aggiungi una tempesta con venti molto ripidi… Il risultato sono incendi molto pericolosi e molto veloci”, ha scritto il ricercatore in un twitta.

A parte gli incendi, gli Stati Uniti hanno assistito di recente ad altri eventi estremi, con la tempesta Ida che ha attraversato New York e il New Jersey a settembre e tornado mortali nel Kentucky a dicembre. Per quest’ultimo, l’associazione con il riscaldamento globale è ancora allo studio.

Leggi anche

Più di 500 case rischiano di essere distrutte dagli incendi in Colorado

Fino a -50°C negli Stati Uniti occidentali e in Canada: “Frostbite in 5 minutes”