Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Haka neozelandese: balliamo!

Haka neozelandese: balliamo!

Assolutamente sorprendente e improbabile, la haka delizia gli spettatori prima di ogni partita degli All Blacks. È vero che la coreografia dei giocatori neozelandesi è davvero impressionante. Vedere questi atleti, scolpiti nella roccia, entrare in trance, battersi le cosce e il petto come se fossero incantati, e con occhi neri e voci minacciose, sfidare ferocemente il loro avversario paralizzerebbe qualsiasi bambino cresciuto nell’harem della scuola dei tifosi. Di Jack Martin. Tuttavia, questa danza di guerra, condita da gesti aggressivi, fa parte a pieno titolo della cultura Maori. E nella nobiltà e nelle tradizioni dello sport. I giocatori di rugby neozelandesi non sono gli unici a cedere alla tentazione. Anche le loro controparti nelle Fiji, Samoa e Tonga hanno la loro versione della haka, che è ugualmente goffa e aggressiva. Alcune menti pure ne saranno offese. Ma, riflettendoci, non sono oggetto di controversia anche le parole del nostro inno nazionale? Implicitamente, La Marseillaise, cantata in famiglia da tutto lo Stade de France, invita i cittadini a imbracciare le armi. “Senti questi soldati feroci ruggire nelle nostre campagne? Sono venuti tra le nostre braccia e hanno tagliato la gola alle nostre figlie e ai nostri compagni”. E se queste metafore fossero solo parte di un buon spirito patriottico? A volte il simbolismo bellicoso del passato è meno disgustoso della morbida realtà del presente.

READ  Serie Netflix 2022 Tour de France: "Abbiamo avuto l'impressione che ci fosse molto alcol"