Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emmanuel Macron torna sulla sua decisione in un podcast

Emmanuel Macron torna sulla sua decisione in un podcast

Il capo dello Stato ritiene che il risultato delle elezioni legislative non sarà “colpa di nessuno”, ma piuttosto un’espressione della “responsabilità dei francesi” in una trasmissione audio pubblicata lunedì 24 giugno.

“Non è una scommessa, è una fiducia.” In un estratto da Podcast “Generazione fai da te” In onda questo lunedì, 24 giugno, Emmanuel Macron riconsidera la sua decisione di sciogliere l’Assemblea nazionale e indice quindi elezioni legislative anticipate il 30 giugno e il 7 luglio.

Il capo dello Stato ritiene che durante le elezioni europee “è stata espressa rabbia”. “Ho sentito, le do nuovamente la parola”, si giustifica.

Secondo lui, queste nuove elezioni per eleggere una nuova Assemblea nazionale “non sono rabbia. La domanda è: “Chi governa?”. “Cosa volete?”

E aggiunge: “La rabbia non può nascere da dietro le quinte, dal basso”.

“Non è colpa di nessuno”

Emmanuel Macron ritiene quindi che “la sera del secondo turno”, il 7 luglio, “non sarà colpa di nessuno” ma sarà “responsabilità dei francesi”. «Non è una scommessa (che sto facendo, ndr), è fiducia», aggiunge.

In questo podcast, la cui versione integrale sarà diffusa lunedì alle 18, il capo dello Stato parla anche dell’incomprensione che circonda la sua scelta di sciogliere l’associazione, soprattutto all’interno delle sue stesse file.

Legislativo 2024: come potrebbe essere la prossima Assemblea nazionale?

“Il 9 giugno so cosa ho chiesto ai miei ministri, alla mia maggioranza, ai rappresentanti che a volte mi hanno accompagnato per sette anni, che hanno cambiato la loro vita per stare al mio fianco e li ringrazio per questo ho detto: lo abbiamo tornare indietro è molto difficile e ne sono consapevole”.

READ  Vladimir Putin ha tenuto il suo incontro con madri russe arrabbiate?

Emmanuel Macron aggiunge: “Molti sono arrabbiati con me, ma l’ho fatto perché non c’è niente di più grande e più giusto in una democrazia della fiducia nel popolo”.