Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni 2024: una scommessa vincente per Julie Tatton ed Eve Coppieters, ma la maggioranza dei “conigli bianchi” non viene eletta

Quando Lewis Carroll scrisse il suo romanzo più famoso nel 1865, non si aspettava certo che una frase della sua opera più importante sarebbe stata ancora usata in politica, 159 anni dopo. In Alice nel Paese delle Meraviglie, la giovane eroina viene trascinata in un’emozionante avventura dopo l’improvvisa apparizione di un coniglio bianco che sembra tormentare il tempo. Da allora, il personaggio del Coniglio Bianco è stato utilizzato per indicare una figura estranea al mondo politico che improvvisamente viene inserita nelle liste elettorali, con sorpresa di tutti. Spesso a scapito degli attivisti che lavorano attivamente nel partito da diversi anni.

In passato, molte persone hanno provato questo. Con più o meno successo. Marc Wilmots, Jean-Claude Devos, Anne Delvaux, Pierre Migisha, Florence Reuter, Michel de Maiegde, Frédéric Rhys e perfino Olivier Maruy hanno osato presentarsi alle urne.

Gli attivisti celebrano un momento “storico” per il movimento rivoluzionario: “Godetelo perché la festa durerà poco”.

Le elezioni del 2024 non sfuggiranno alla regola del coniglio bianco. Con molti media o personaggi mediatici soggetti alla scelta dell’elettore. Da notare la presenza di Julie Taton, Michel Cleese, Luc Henart, Marc Ysaye, Charlene van Snick, Jean-Jacques Cloquet, Yves Coppieters e persino Armel Giessen. Di seguito sono riportati i risultati per ciascuno:

Julie Taton: L’ex Miss Belgio è stata eletta facilmente

Julie Tatton sorride: è stata eletta deputata federale.

Al-Sayed ha fatto una sorpresa annunciando la sua candidatura a Miss Belgio 2003 e presentatore di un programma radiofonico. È arrivato secondo dietro ai Federali nel distretto dell’Hainaut, proprio dietro Georges-Louis Bouchez. Il posto che le avrebbe assicurato il posto di rappresentante federale nonostante la sua notevole assenza durante i dibattiti televisivi. Domenica il quarantenne è stato eletto facilmente.

READ  Tecnica militare per addormentarsi in soli 2 minuti

Michel Cleese: L’ex giudice non è eletto

Scommessa fallita di Davey e Michelle Cleese. © Bernard Demoulin

All’inizio di gennaio Défi ha annunciato la presenza di Michel Cleese nella sua lista federale di Bruxelles, al terzo posto. L’ex giudice istruttore, membro del partito Amarante da 4 anni, aveva poche possibilità di essere eletto, dato che l’ex partito Fronte per la Difesa della Democrazia ha ottenuto solo due seggi nel 2019. Non è stato eletto.

Engagés risponde: “Grazie, Maxime!”

Mark Yessay: Si è perso in anticipo

Mark Yesay non aveva alcuna possibilità di essere eletto. © Jean-Luc Flemal

L’ex manager e conduttore di Classic 21, batterista del gruppo rock Machiavelli, era sulla lista federale per MR dell’Hainaut. Presentando la lista come decima alternativa, non aveva alcuna possibilità di essere eletto. E non lo era.

Charlene Van Snick: Il giudice non era indegno

L’ex judoka professionista non era degno. ©Michele Tonio

L’ex judoka professionista, medaglia mondiale, europea e olimpica di judo, è apparso nella lista federale dell’Ecolo di Liegi. Al quinto posto, non aveva quasi nessuna possibilità di essere eletta. Con poco più di 971 voti favorevoli, al momento in cui scriviamo, non è stata eletta, ma non era ineleggibile.

Jean-Jacques Cloquet: eletto l’ex presidente dell’aeroporto di Charlieu

Jean-Jacques Cloquet sorride: è stato eletto. © JC Guillaume

L’ex capo dell’aeroporto di Charleroi si è candidato per la prima volta alle elezioni come capo della lista Les Engagés nella regione Charleroi-Thouin del Parlamento vallone. Eletto.

Yves Coppieters aiuta Engagés a conquistare due seggi

Yves Coppieters permette agli impegnati di riprendere due seggi federali da BW. © Associazione Subacquea degli Emirati

L’epidemiologo è stato messo sotto i riflettori durante la pandemia di Covid, impegnandosi in… Engagés. Era in testa alla lista dei federalisti nel Brabante Vallone, e ha avuto la pesante responsabilità di riconquistare il seggio perso alla Camera dall’ex CDH nel 2010. Ha vinto la scommessa di un seggio, e Les Engagés si è addirittura assicurato un seggio. secondo in quel momento. Per chiudere questo diario.

READ  Beyoncé ha tentato anche Dolly Parton con le sue nuove canzoni country

Jackie Monaron: l’ex portiere dei Red Devils è un fallimento

Scegliendo la NVA in Vallonia, Jackie Monaron non ha potuto essere eletta.

L’ex portiere dei Devils – 8 selezioni tra il 1982 e il 1986 – si è presentato in cima alla lista della N-VA nel Brabante Vallone. Cattivo piano: alla fine di queste righe non ha ricevuto più di 42 voti e quindi logicamente non è stato eletto!

Luc Henart: L’ex giudice non è eletto

Il giudice Luc Henart non è stato eletto. © Bernard Demoulin

Pubblicato da Face au Judge, l’ex giudice è apparso nelle liste socialiste in Europa. Non fu eletto, ottenendo 21.362 voti.

Armel Giessen: il conduttore della RTBF diventa membro del Parlamento vallone

Domenica sera Armel era in una buona posizione per essere eletto. © Associazione Subacquea degli Emirati

La presentatrice della RTBF Armelle Giessen, seconda nella lista dei partecipanti di BW al Parlamento vallone, domenica sera ha potuto essere eletta deputata vallone con una maggioranza di 2.032 voti.