Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due giorni aggiuntivi di sciopero per gli operatori sanitari FIQ

Due giorni aggiuntivi di sciopero per gli operatori sanitari FIQ

L’unione sanitaria congiunta rappresenta 80.000 infermieri, infermieri pratici, terapisti della respirazione e perfusionisti clinici in Quebec.

Mercoledì, attorno ai picchetti, gli infermieri hanno affermato di essere mobilitati, determinati a migliorare le loro condizioni di lavoro e il carico di lavoro nel quadro dei negoziati in corso.

La presidentessa della FIQ Julie Bouchard ha annunciato lo sciopero dei prossimi due giorni lanciando un messaggio rivolto al governo Legault: “Il tempo è sufficiente quando guadagniamo tempo, quando diciamo qualcosa nella pubblica piazza…” Prendilo sul serio, siediti al tavolo delle trattative e negozia. »

L’autorizzazione allo sciopero della FIQ è una tattica di pressione che può equivalere ad uno sciopero a tempo indeterminato. Dopo questi due giorni di fine novembre, il FIQ potrebbe innescare un simile pullback? “Se si arriverà a questo, si arriverà a questo”, ha risposto la signora Bouchard.

Ha spiegato che il comitato negoziale FIQ si siederà nuovamente al tavolo delle trattative, mercoledì e giovedì, per cercare di portare avanti la questione, che va avanti da diversi mesi.

Ma secondo la Bouchard stiamo assistendo ad un “dialogo tra sordi”, perché il governo vuole parlare solo delle proprie priorità e non di quelle degli infermieri.

I contratti collettivi del settore pubblico sono scaduti il ​​31 marzo. Le richieste del sindacato risalgono a un anno fa, lo scorso autunno, e le offerte del Quebec lo scorso dicembre. Le trattative sono iniziate dopo le vacanze.

Oltre agli stipendi, la FIQ chiede una legge sul rapporto sicuro infermieri/pazienti, nonché una maggiore stabilità nelle posizioni. L’organizzazione sindacale lamenta che il governo vuole poter spostare gli infermieri tra unità di cura, istituti e persino turni secondo necessità. Gli infermieri credono che saranno trattati come pedine intercambiabili.

READ  Per quanto riguarda "headbang", questo ballo è associato alla musica heavy metal, pericolosa per la salute

La presidente del Consiglio del Tesoro, Sonia LeBel, ritiene di dover rivedere l’organizzazione del lavoro – in effetti, è la sua priorità nelle trattative in corso – in modo da poter rispondere meglio alle esigenze.

Il Quebec ora offre il 10,3% a tutti i dipendenti statali su cinque anni, dopo aver offerto il 9% su cinque anni dal dicembre dello scorso anno. Tutti i sindacati interessati hanno considerato ridicolo questo aumento dell’1,3%, anche se il ministro ha ritenuto la sua offerta “molto pericolosa” e in linea con l’inflazione.

Il ministro LeBel aggiunge una somma forfettaria di 1.000 dollari, pagata una volta, nel primo anno di contratto di lavoro. Si prevede inoltre di destinare una somma del 3% alle priorità del governo, come varie offerte relative all’organizzazione del lavoro.

Martedì, il ministro delle Finanze Eric Girard ha fornito il suo aggiornamento economico, affermando di avere poco spazio per aumentare le offerte del governo ai dipendenti statali.

Su questo argomento, la presidente della FIQ Julie Bouchard ha affermato di non essere sorpresa. “In tutti gli anni in cui si sono svolte trattative nazionali con funzionari statali, non c’è stato spazio di manovra. Quando arriva il momento di negoziare con noi, non abbiamo soldi. “Ma quando arriverà il momento delle elezioni, probabilmente ci saranno surplus nelle casse del Tesoro”, ha detto.

“Non dimenticare i malati”.

Inoltre, il Patient Protection Council sfrutta lo sciopero per ricordare alle parti coinvolte nelle trattative nel settore sanitario di non dimenticare i pazienti.

“Proteggere gli utenti, i pazienti, gli anziani e le persone con problemi di salute mentale, questo è l’obiettivo e l’obiettivo che tutti, governo, datori di lavoro e sindacati devono raggiungere”, ha affermato il CPM in un comunicato stampa pubblicato mercoledì mattina.

READ  Tesoro di un naufragio spagnolo ritrovato dopo 350 anni

Riconoscendo che le norme che disciplinano oggi i servizi essenziali forniscono una protezione molto migliore per i pazienti, il presidente e amministratore delegato dell’organizzazione, May Paul Gee. Brunet tiene a sottolineare che in caso di controversia di lavoro non siamo tutelati da nulla e che la situazione potrebbe degenerare.

Invita quindi entrambe le parti a tenere presenti gli interessi dei pazienti durante le loro discussioni.

Inoltre, l’organizzazione la cui missione è difendere gli interessi degli utenti della rete sanitaria vorrebbe avere lo status di osservatore ai tavoli delle trattative nel settore sanitario.

Tuttavia, secondo Me Brunet, in passato tale richiesta avrebbe potuto essere loro negata se fossero stati negoziati accordi con le associazioni dei medici. Tuttavia, chi da 50 anni difende gli utenti, insiste sul fatto che l’argomento principale al centro di tutte le discussioni è il servizio fornito ai pazienti.

In attesa di partecipare direttamente ai lavori volti all’adozione di nuovi contratti collettivi nel settore sanitario, il Consiglio per la protezione dei pazienti spera che il conflitto sia di breve durata e che si possa trovare un buon accordo su personale e pazienti.