Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Contadini ucraini, vittime dirette e collaterali dell’esercito russo

Contadini ucraini, vittime dirette e collaterali dell’esercito russo

E in Ucraina chi nutre il Paese è doppiamente vittima della guerra contro la Russia. Oltre ad essere bombardati dall’esercito russo, sempre più di loro sono costretti a lasciare le loro fattorie per unirsi alle forze armate ucraine.

pubblicato


Tempo di lettura: 3 minuti

Nel villaggio di Velikhomikhailivka la maggior parte degli edifici e delle fattorie agricole furono distrutte.  (Virginie Perron/Radio Francia)

Progetto di legge per evitare la mobilitazione in Ucraina. Questo è ciò che hanno proposto i deputati ucraini mercoledì 12 giugno : Consentire alle aziende del paese di pagare una tassa mensile per evitare che i propri dipendenti vengano reclutati nell’esercito. Secondo un sondaggio pubblicato lo scorso aprile, quasi tre quarti delle aziende affermano di dover far fronte a carenza di personale. Questa legislazione può fornire sollievo a un settore specifico : L’agricoltura si trova ad affrontare una grave carenza di manodopera, ed è uno degli obiettivi dell’esercito russo.

“Quello che vedi sono i crateri lasciati dalle conchiglie.”, Anatoly Sergeenko è ritratto a capo di una cooperativa con sede a Velikomikhayivka, una città situata a 15 chilometri dal fronte nel Donbass. Di questo tipo di villaggio agricolo rimangono solo pochi edifici intatti. Anatoly Sergeenko guarda il recinto dei maiali che non ha più il tetto. Accanto, due nuove stalle sono in rovina. Senza contare le 160 tonnellate di grano immagazzinate nel fienile, da cui si alzava fumo. Tutto ciò che rimane è la struttura metallica dell’edificio.

“Tutto è stato completamente distrutto. Non appena ricostruiamo, ci sono nuovi colpi. Ricostruiamo di nuovo e ricominciamo da capo, quindi non ha più senso riparare”.

Anatolij Sergeenko

In Francia Informazioni

Come misura di sicurezza, le mucche e i maiali sono stati spostati nell’ovest del paese. Anche altri beni preziosi, come le macchine agricole, furono protetti. Sotto la minaccia dei missili russi, i 50 dipendenti lavorano ancora nel sito, ma non vivono più lì. Le condizioni sono molto pericolose. “Lavoriamo un giorno, poi restiamo altri due giorni.” Narratore Anatolij Sergeenko. Oppure facciamo il contrario : Due giorni lavorativi e un giorno in rifugio. Qualcuno sta sistematicamente accanto ad ogni strumento per osservare il cielo, per… Dio non voglia ! – Evitare esplosioni. Una volta iniziato, ce ne andremo”.

Un po’ più a nord, nel villaggio di Malinivka, si pone un altro problema per Gennady Baranek, produttore di cetrioli e pomodori. Vede sempre meno dipendenti lavorare nei suoi campi. I migliori specialisti furono mandati al fronte. Teme che presto arriverà il suo turno. “Ho il diabete, ma non è grave Adesso lo prendono ancora !Il contadino denuncia. Dovevamo essere esentati, ma con la nuova legge possono convocarci al centro militare come tutti gli altri”.

Negli ultimi mesi, il governo ucraino ha ampliato la coscrizione obbligatoria. Per ricostituire i suoi ranghi, ha integrato uomini di età superiore ai 25 anni, ora sta arruolando prigionieri e ha inasprito le pene detentive per coloro che cercano di sfuggire alla leva.

Qanadi Baranek, produttore di cetrioli e pomodori.  (Virginie Perron/Radio Francia)

Gennady Baranek rifiuta che gli si dica che non è un patriota, che rifiuta di combattere per il suo Paese. per lui, ““Non ti dà la vita.” Il che pone un problema, “Significa lasciare la persona alla fattoria e mettere la chiave sotto la porta.”. Nella sua fattoria, Qanadi sostiene intere famiglie. Se si fosse unito al fronte, tutto sarebbe stato abbandonato. I suoi dipendenti perderanno il lavoro. Allora rimane una domanda : “Se tutti vanno avantiSi chiede, Chi nutrirà il Paese? ?

Contadini ucraini, vittime dirette e collaterali dell’esercito russo. Segnalato da Virginie Perronon

READ  Questo paese è stato votato il paese più bello del mondo secondo una nuova classifica