Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Consiglio dell’Unione Europea: il nemico dell’UE Viktor Orban eredita la presidenza

pubblicato

Consiglio europeoIl nemico dell’UE Viktor Orban eredita la presidenza

Da lunedì il primo ministro ungherese presiederà il Consiglio Ue per i prossimi sei mesi. Nonostante tutte le sue differenze con Bruxelles.

Vuole Viktor Orbán

Viktor Orbán vuole “ferire l’élite tecnocratica di Bruxelles”.

IMAGO/Italia Stampa fotografica

Dopo aver trattato per mesi l’Unione Europea con tutti i mali, lunedì il primo ministro ungherese Viktor Orban assume la presidenza di turno, più isolato che mai a causa della sua posizione sulla guerra in Ucraina.

Il leader più longevo del blocco che aveva diritto a ricevere il “saluto del dittatore”! Jean-Claude Juncker nel 2015 ha recentemente inasprito la sua retorica contro “l’élite tecnocratica di Bruxelles”, affermando che stava “sforzando la sua mente per danneggiarli”.

“È come se l’imputato al processo si ritrovasse improvvisamente nei panni del pubblico ministero. È una situazione strana”, riassume Paul Lendvay. Ma l’autore di un libro su Viktor Orban invita a “non sopravvalutare l’importanza” di questa presidenza del Consiglio dell’Unione europea, che durerà 6 mesi.

Vicino a Trump e Pechino

Secondo lui, Budapest continuerà a bloccare i file più importanti e “cercherà di allentare le restrizioni” sullo stato di diritto per recuperare i suoi soldi. Perché ci sono molteplici contenziosi e fondi per miliardi di euro congelati a causa delle preoccupazioni per la corruzione e i ripetuti attacchi alla democrazia nel Paese dell’Europa centrale.

Anche sulle questioni geopolitiche il disaccordo è totale. Di fronte ai suoi partner, Orban sostiene l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, da cui ha preso in prestito lo slogan per i prossimi sei mesi: “Rendere l’Europa di nuovo grande”. È vicino al presidente cinese Xi Jinping, mantiene rapporti con il Cremlino e rifiuta di sostenere militarmente Kiev.

Contro la “decadenza occidentale”

Tuttavia, si fece un nome come giovane liberale, all’età di 26 anni, quando sfidò il regime comunista a Budapest con un infuocato discorso nel giugno 1989, a favore della libertà, onorando le vittime della rivoluzione comunista. Rivolta del 1956 contro l’Armata Rossa.

È stato uno dei fondatori dell’Alleanza dei Giovani Democratici (Fidesz) un anno fa, ed è diventato un simbolo delle aspirazioni dell’Ungheria a liberarsi dal totalitarismo e ad adottare i valori occidentali.

Tra mille sofferenze di questi giorni, Viktor Orban è entrato nell'”Accademia dell’Ouest”, affrontando la “lobby LGBT+” e l’afflusso di migranti dall’Africa e dal Moyen-Orient, unendosi alle fila dei “terroristi”. un lungo processo di progresso verso l’estrema destra.

“Negli ultimi 14 anni Orbán si è allineato all’ideologia putiniana di un Occidente nel completo disordine”, afferma lo storico italo-ungherese Stefano Bottoni dell’Università di Firenze. Secondo il leader 61enne, non è Mosca a causare la “conflagrazione globale”, ma la NATO e l’Unione Europea.

Una posizione che fa arrabbiare sempre più i suoi alleati. “Non si rende conto di quanto sia tossica”, ha detto l’esperto, perché “per molti paesi, la guerra in Ucraina è la questione più importante in questo momento nella ridefinizione dell’Europa”. Anche all’interno dell’estrema destra, ciò porta a un “impasse strategico”.

Fu primo ministro nel 1998, a soli 35 anni, e fu costretto a lasciare il potere quattro anni dopo, dopo essere stato sconfitto alle urne dai socialisti. Quando tornò al potere nel 2010, decise di rafforzare la sua presa in modo da non dover mai più sopportare quella che considerava un’umiliazione.

L’emergere di un nuovo concorrente

Da allora è stato comodamente rieletto in ogni sessione legislativa, padre di cinque figli afferma di praticare la “democrazia illiberale”. Tuttavia, ora deve affrontare la sfida rappresentata dall’emergere di un nuovo sfidante, il conservatore Peter Magyar, puro prodotto del regime frammentato di Orbán.

Ma non importa, dice Andrea Peto, analista della Central European University, le cattive notizie “non arrivano mai alle orecchie degli elettori”, che sono pieni di propaganda. Ha un solo obiettivo: “mantenere il controllo” del paese attraverso la sua cerchia ristretta di oligarchi.

(Agenzia di stampa francese)

READ  Alluvione in Belgio, il secondo disastro più costoso del 2021