Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Auto elettriche: perché il record e i grandi numeri belgi sono una bufala destinata a non durare

Da lontano sembra che tutto vada bene: con un bel +44,8% di vendite di veicoli elettrici in Belgio nel maggio 2024, qui i veicoli elettrici sono in aumento. Il terzo paese europeo per quantità! salvo che…

Solo che, sebbene l’offerta si stia diversificando e i prezzi stiano diventando più competitivi, la realtà è che le auto elettriche in Europa sono in fase di stallo. Ha subito un calo del 12% a maggio rispetto ad aprile, mentre la sua quota di mercato nella classifica delle vendite ha raggiunto il 12,5% (rispetto al 14% circa nel 2023).

Questa nuova berlina in arrivo in Belgio è la migliore auto elettrica che abbiamo guidato! (test di autoverifica)

Le allettanti cifre belghe sono motivate da un pagamento temporaneo: un bonus di 5.000 euro per l’acquisto di un’auto elettrica nelle Fiandre. Ciò ha avuto due effetti:

1. I produttori hanno fissato i loro prezzi a meno di 40.000 euro (il massimo per ottenere il bonus citato).

2. La taglia ha avuto un impatto inaspettato al Nord, dove ogni giorno arrivano 28 richieste di taglia da parte dell’amministrazione. Questo incentivo è stato inizialmente creato “entro i limiti del budget disponibile”, che è ormai superato da tempo. Ma in realtà, le Fiandre dovranno rispettare i propri obblighi… che non sono compresi nel suo bilancio. Nel frattempo, la ricompensa non andrà oltre il precipizio del 2025.

In breve: il successo dell’auto elettrica in Belgio è, al momento, leggermente esagerato dall’EPO – soprattutto perché sappiamo che il nostro mercato è trainato dalle auto aziendali. Basta guardare cosa sta succedendo in Germania, dove il bonus incentivi è scomparso: -30% di vendite da allora… C’è ancora molta strada da fare prima che il grande pubblico, impotente, si unisca alla batteria- auto alimentata in modo…sostenibile.

READ  I sindacati ce l'hanno con l'Unim sul caso Ryanair: “I lavoratori devono restituire tra i 1.000 e i 6.000 euro dopo la frode aziendale!”