Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Al Summit Europeo, Giorgia Meloni al centro dell’attenzione

“È surreale che i nomi delle posizioni chiave nell’UE vengano presentati senza la pretesa di discutere i segnali lanciati dagli elettori”, ha infuriato mercoledì. L’italiano si riferiva all’accordo annunciato il giorno prima dai negoziatori del Partito popolare europeo (i primi ministri conservatori greco e polacco Kyriakos Mitsotakis e Donald Tusk), e dei socialisti (lo spagnolo Pedro Sanchez e il cancelliere tedesco Olaf Scholz). E i liberali (il presidente francese Emmanuel Macron e il ministro olandese uscente Mark Rutte). I sei leader hanno concordato di rinominare Ursula von der Leyen presidente della Commissione, l’estone Kaja Kallas capo della diplomazia europea e il portoghese António Costa presidente del Consiglio europeo.

Kaja Kallas, l’estone che non usa mezzi termini di fronte a Vladimir Putin

Imballato, pesa? Se questi nomi fossero circolati mesi fa, Giorgia Meloni avrebbe voluto dire la sua. come principio. E vedere questa squadra riflette anche il successo del suo partito – così come della sua famiglia politica di conservatori e riformisti europei (ECR) e delle forze radicali in generale – alle elezioni europee. Giovedì il primo ministro ungherese Vikor Orban ha fatto eco a questa richiesta. “Gli elettori europei sono stati ingannati”, ha detto, “il Partito popolare europeo ha formato una coalizione di menzogne ​​con la sinistra e i liberali. Noi non sosteniamo questo accordo vergognoso!”.

Una voce che trasporta…

La voce di Georgia Meloni ha più peso a livello europeo di quella di Orban. Lungi dall’adottare una strategia ungherese di sovversione, ha cercato di porsi al centro delle dinamiche europee. Non senza successo: la von der Leyen corteggia l’italiana da mesi, per assicurarsi che ottenga il sostegno necessario per la sua nomina al Parlamento europeo, prevista per metà luglio. Mentre Fratelli d’Italia ha ottenuto il 28% dei voti del partito, anche Giorgia Meloni può affermare di essere uscita più forte dalle elezioni europee, a differenza di Emmanuel Macron o Olaf Scholz. Inoltre, l’Italia rimane uno Stato membro fondatore e la terza potenza demografica ed economica dell’Unione.

READ  Crollo ghiacciaio nelle Alpi italiane: cinque morti

Lavori europei più importanti: Antonio Costa, portoghese con esperienza nell’insediamento

Si ma. Giorgia Meloni non può dimenticare la sua etichetta di estrema destra e il suo sostegno alle forze antieuropee. Inoltre, il Consiglio europeo può aver guadagnato peso nel Parlamento europeo, passando da 69 a 83 seggi, ma non è né preparato né invitato a formare una “maggioranza von der Leyen” con il PPE, i socialisti e i liberali. Ciò di cui abbiamo bisogno nei prossimi cinque anni è stabilità politica. […] Il dimesso primo ministro belga (liberale), Alexander De Croo, ha annunciato che questi tre gruppi politici sono pronti a lavorare insieme per il bene di tutti gli europei.

Giovedì sera i leader europei hanno cercato ancora di mobilitare gli italiani, ma senza arrendersi troppo.

Inoltre, se l’ERC immagina di poter diventare la terza forza in circolazione, i suoi 20 membri polacchi del PiS saranno propensi, secondo Politico, a chiudere la porta alla formazione di un gruppo con il partito Fidesz di Viktor Orbán, il movimento dei cittadini cechi insoddisfatti Andrej Babis e il Partito Democratico Sloveno guidato da Janez Jansa. Soprattutto, indipendentemente dal peso del Consiglio europeo o dall’umore della Meloni o di Orbán, le nomine per le posizioni di vertice potrebbero essere decise – in assenza di unanimità – con un voto a maggioranza qualificata.

…Ma non molto comunque

Nel momento in cui scriviamo, altri capi di Stato e di governo europei, favorevoli a una decisione unanime, cercano ancora di evitare di menzionare questa opzione, cercando di ingraziarsi gli italiani. “Nessuno rispetta il Primo Ministro Meloni e l’Italia più di me. […] “Non c’è Europa senza l’Italia e non c’è decisione senza la Meloni”, ha aggiunto la Schulz. “Tutti i 27 paesi sono importanti l’uno rispetto all’altro”. Tuttavia, rimane nelle mani delle forze filoeuropee. Per ora, i Paesi Bassi sono pericolosamente vicini alla formazione di un governo di estrema destra con questo scenario, una possibilità descritta giovedì da Viktor Orban, secondo The Guardian. “Come un raggio di sole”…

READ  La regina Margherita II di Danimarca ha annunciato che abdicherà il 14 gennaio e le succederà il principe Frederik