Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tromboembolia venosa: un problema di sanità pubblica

Tromboembolia venosa: un problema di sanità pubblica

Nell’ambito della Giornata Mondiale della Trombosi del 13 ottobre, il Dipartimento di Medicina Vascolare dell’Ospedale Universitario di Poitiers si mobilita per informare e sensibilizzare su questa malattia, che oggi costituisce un vero e proprio problema di sanità pubblica. Anche se spesso viene sottovalutato, può avere gravi conseguenze.

Cos’è un coagulo di sangue?

La trombosi corrisponde alla formazione di un coagulo di sangue che ostruisce un vaso sanguigno (arteria o vena). Le manifestazioni dipendono dalla posizione della nave e dall’organo interessato. Molto spesso il termine trombosi viene utilizzato per riferirsi al danno alla rete venosa. Questo è ciò che chiamiamo tromboembolia venosa (TEV) e si manifesta come flebite (un coagulo in una vena, spesso nelle gambe) e/o embolia polmonare (un coagulo in un’arteria del polmone). Il tromboembolismo venoso è una malattia trasversale correlata a molte specialità mediche. È particolarmente supportato dal Dipartimento di Medicina Vascolare, in termini di diagnosi, cura e monitoraggio dei pazienti. Con 50.000-100.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno, la flebite, chiamata anche trombosi venosa profonda, è la più comune.1. Il rischio principale è che il coagulo migri nell’arteria polmonare e causi un’embolia polmonare. Ci sono 40.000 casi ogni anno con un tasso di mortalità del 6%.1. Meno grave è la paraflebite, che colpisce le vene superficiali, più spesso le vene varicose, con circa 250.000 casi all’anno.1. I sintomi della trombosi venosa sono dolore, gonfiore e arrossamento in una gamba. I sintomi di un’embolia polmonare sono dolore toracico e mancanza di respiro. Esistono molteplici fattori di rischio per il tromboembolismo venoso. Gli esempi includono interventi chirurgici, riposo a letto, ipercoagulabilità, cancro e insufficienza venosa. La diagnosi si effettua mediante l’analisi dei sintomi, gli esami del sangue e soprattutto gli esami per immagini (ecografia Doppler per la flebite e TC per l’embolia polmonare). La prevenzione e il trattamento comprendono l’assunzione di farmaci anticoagulanti e l’uso di calze compressive.

READ  Il caso Medista: Frank Vandenbroucke può dimettersi?

Prevenire la formazione di coaguli di sangue

Da dieci anni, nel mese di ottobre, si celebra la Giornata Mondiale della Trombosi, lanciata dalla Società Internazionale sulla Trombosi e la Trombosi. L’occasione perfetta per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa malattia, che rappresenta un problema di sanità pubblica. Quest’anno, il Dipartimento di Medicina Vascolare dell’Ospedale Universitario di Poitiers ha deciso di istituire una piattaforma di informazione e sensibilizzazione per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa malattia ancora poco conosciuta e poco apprezzata. ” Il tromboembolismo venoso non è una malattia semplice e il trattamento da effettuare a volte può essere complesso (quali farmaci? e per quanto tempo?). L’Ospedale Universitario di Poitiers è un centro di riferimento per il Poitou-Charentes, soprattutto quando si tratta di pratiche complesse, che richiedono una riflessione collettiva in riunioni consultive multidisciplinari. » spiega il dottor Rafik Belhaj Al-Chidi, medico vascolare. ” La nostra attività nel campo della tromboembolia venosa si è sviluppata in modo significativo dall’apertura del Centro Cardiovascolare, in cui tutti i medici vascolari sono coinvolti nel trattamento, con follow-up a lungo termine necessario per alcuni pazienti. » Specifica il dottor Cecil Tholo, capo del Dipartimento di Medicina Vascolare.