Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Potere d’acquisto, crescita, inflazione… Qual è lo stato del Belgio? Le sorprendenti risposte dell’assessore all’ufficio programmazione

Potere d’acquisto, crescita, inflazione… Qual è lo stato del Belgio?  Le sorprendenti risposte dell’assessore all’ufficio programmazione

RTL info Firme ospite di mercoledì 5 giugno è uno degli uomini meglio informati sulla reale situazione del Belgio. Per la prima volta Baudouin Rigot, commissario dell’Ufficio federale di pianificazione, ha risposto alle domande di Luc Gilson e Christophe DeBorso.

Qual è la condizione del nostro Paese? Ma è una buona cosa. Queste sono le domande che si pone l’ufficio di pianificazione. Ma cos’è esattamente? “La sua missione è principalmente quella di alimentare il dibattito democratico e il sostegno politico a figure obiettive, indipendenti, imparziali e scientifiche. Le nostre aree di competenza sono lo sviluppo sociale, economico, sostenibile, compresa l’energia, ecc.“, risponde Beaudoin Rigot, commissario dell’Ufficio federale di pianificazione.

In media, dal 2019 ad oggi, il potere d’acquisto è aumentato del 5%

Per rispondere a questa domanda, il potere d’acquisto è un buon indicatore. La situazione è migliore rispetto a quattro anni fa, quando iniziò il governo De Croo, rispetto ai nostri vicini? “In generale, quando parliamo di evoluzione del potere d’acquisto, cerchiamo di posizionarci di fronte alla crisi Covid, e quindi al 2019. Perché sono queste due crisi, quella Covid e quella inflazionistica, che hanno realmente influito sul potere d’acquisto. E quello che vediamo è che in media, dal 2019 ad oggi, il potere d’acquisto è aumentato del 5%.Al-Dhaif aggiunge: “Così, il calo del 2% nel 2022 è stato compensato e addirittura superato”.



Tuttavia, Beaudoin-Rigaud spiega che questo è nella media, “e nasconde realtà completamente diverse”, dice. “Perché è chiaro che la sensibilità di una famiglia verso l’altra varia. Per la famiglia più ricca, la quota di ciò che viene aumentato, cioè energia e cibo, nel budget mensile, non è elevata. Pertanto, non ne sono stati molto colpiti. D’altro canto hanno sfruttato appieno l’indicizzazione automatica degli stipendi. Quindi erano relativamente ben protetti“Mette le cose in prospettiva.

READ  Un vaccino contro omicron: Pfizer et BioNTech debuttano l'essai clinique

In altre parole, è la classe media ad essere colpita dal calo del potere d’acquisto. “Le famiglie più deboli e modeste, invece, avevano misure particolari, come la tariffa sociale. E tra i due, quando non si rientra in queste categorie, il feeling è anzi più forteAnche se “hanno perso per un po’, sono stati riassorbiti”, dice.

Quello che stiamo vedendo è che durante la crisi ha retto meglio.

E la crescita? L’economia belga sta andando peggio o meglio di quella dei paesi intorno a noi? Anche qui Baudouin Rigot sembra un po’ rassicurato: “Meglio, o anche molto meglio. Quello che stiamo vedendo è che durante la crisi ha retto meglio. Si è ripreso meglio durante le crisi. Da diversi anni, in media, assistiamo a un tasso di crescita più elevato rispetto all’Europa“, rivela l’esperto.





Come lo spieghiamo? Baudouin Rigot discute dell’indicizzazione automatica degli stipendi tra…Tutta una serie di fattori“.”Ovviamente questo ha uno svantaggio. Ciò ha un impatto piuttosto negativo sulla competitività rispetto al resto dei nostri vicini e, di conseguenza, sulle nostre esportazioni“.

Inflazione, abbiamo avuto il picco della febbre. Se n’è quasi andato di nuovo. L’anno prossimo torneremo al 2%, che è la norma a lungo termine, e così via. La creazione di posti di lavoro è stata ancora significativa. Quindi, alcuni buoni e altri cattivi: negli ultimi tre anni sono stati creati circa 170.000 posti di lavoro. È piuttosto buono. Ma non basterà, guardando allo sviluppo, per raggiungere il famoso tasso di occupazione dell’80%.“, conclude Beaudoin Rigot.

READ  Un aumento significativo dei casi di furti ed estorsioni in soli due anni: questo lo spiega