Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex presidente François Hollande è tornato in campagna elettorale, con le elezioni presidenziali nel mirino: “Ha molti difetti, ma è un ottimo politico”.

Gusto leggermente amaro

“François Hollande ama la politica, vuole contare e penso che non abbia rinunciato all’idea di candidarsi alle elezioni presidenziali”.“, spiega Remy Lefebvre, professore di scienze politiche all’Università di Lille.È amareggiato per non aver difeso il suo primato e per non essersi candidato nuovamente alle elezioni del 2017. Non vuole che questo fallimento continui e lo scioglimento dell’Assemblea nazionale gli ha dato l’opportunità che aspettava di tornare nel gioco politico. “.

L’ex sindaco di Toul (Corres), François Hollande, si candiderà nella sua roccaforte sotto la bandiera del Nuovo Fronte Popolare. Appoggia rapidamente questa nuova coalizione di sinistra in cui il Movimento Lamentabile Francia (LFI) stava perdendo terreno, pur disapprovando il partito Nobis.

L’ex capo dello Stato vuole tornare alla ribalta e confrontarsi con lui, dato che la maggioranza presidenziale non ha nominato alcun candidato. No, nel 1° collegio elettorale della Corrèze, appoggia il deputato uscente Francis Dubois (repubblicano), che tuttavia ha votato la mozione di censura al governo nel marzo 2023, e che non annuncia questo doppiaggio perché potrebbe essere imbarazzante. Anche dannoso per la rielezione.

Se Macronis indossasse una giacca…

“François Hollande ha molti difetti, ma è un ottimo politico”.scivola Remy Lefebvre, prima di immaginare quali potrebbero essere i calcoli dell’ex presidente socialista. “I due scenari più probabili per l’esito di queste elezioni legislative anticipate sono una maggioranza assoluta per il Raggruppamento Nazionale e una situazione in cui nessun partito abbia la maggioranza assoluta. Nel secondo scenario, la pressione sarà molto maggiore sui partiti formare una coalizione. François Hollande deve credere che bisogna fare qualcosa, che è possibile rimodellare il centrosinistra e che lì c’è spazio lasciato da Macroni.. Ed è vero che se i macronisti indossano una giacca, è molto probabile che escano dal bosco e piombino su di lui, su Emmanuel Macron, e questo potrebbe riaprire la partita”.

READ  Uscivano dal negozio e andavano a trovare gli amici.

Con la sua politica di destra, il presidente ha creato sempre più malcontento nell’ala sinistra del suo campo, come l’ex ministro Clement Beaune, che è stato licenziato durante il recente rimpasto esecutivo. Anche i funzionari esecutivi hanno respinto, a volte pubblicamente, la decisione del capo dello Stato di sciogliere l’Assemblea nazionale.

“D’altra parte”Il politico continua “Una parte della sinistra può dire che è stanca della LFI e di Jean-Luc Mélenchon e che dobbiamo aprirci. Un altro elemento che va nella direzione di questa riconfigurazione del centrosinistra è la nomina di Aurelien Rousseau, ex ministro. della Salute nel governo Borne, sotto i colori del Nuovo Fronte Popolare.

Elezioni legislative previste in Francia: tre blocchi emergono dal caos

“Una scommessa molto rischiosa”

Quando Remy Lefebvre parla di questo”“Parte di sinistra”Si tratta di coloro che sono favorevoli ad una linea dura contro la LFI, come François Hollande, l’ex primo ministro Bernard Cazeneuve o anche la presidente della regione dell’Occitania, Carole Delga. In altre parole: non a sinistra di Olivier Faure, deputato e primo segretario del Partito socialista, e di François Ruffin, deputato del Fronte liberale anti-Jean-Luc Mélenchon.

“Ma tutto questo, queste strategie, sono così incerte, così ipotetiche, è una partita a biliardo a quindici posizioni.”“dice Remy Lefebvre.”Trovo ancora che la scommessa di François Hollande sia molto rischiosa e questa situazione è alquanto surreale. Se eletto, potrebbe trovarsi molto isolato nell’Assemblea nazionale, anche a sinistra. Ha ancora un effetto repellente molto forte. D’altronde, e questo è un paradosso, la sua presenza è ottima per il Nuovo Fronte Popolare. Ciò aiuta a rassicurare gli elettori moderati di sinistra che ricorderanno che la coalizione ha il sostegno di François Hollande, Raphaël Glucksmann e Lionel Jospin.

READ  Una coppia colta in flagrante sul balcone di un festival | anormale

Quest’ultimo, che è stato Primo Ministro dal 1997 al 2022 dopo la vittoria della sinistra alle elezioni legislative anticipate in seguito allo scioglimento dell’Assemblea nazionale deciso dal presidente Jacques Chirac, ha rilasciato una rara intervista al canale Lunedì. Non trovaresponsabile” Da Emmanuel Macron per fornire RN”“Opportunità di cercare il potere”. La sinistra ritiene che ““Fa il suo dovere” Unendosi attorno al Nuovo Fronte Popolare”.“Una delle dighe su cui possono infrangersi le onde.” Dall’estrema destra.