Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La giustizia americana ha ufficialmente rilasciato Julian Assange

La giustizia americana ha ufficialmente rilasciato Julian Assange

Si è appena concluso uno stallo legale molto lungo tra Julian Assange e gli Stati Uniti. Mercoledì il sistema giudiziario statunitense ha annunciato che il fondatore di WikiLeaks era “in libertà” a seguito di un procedimento di dichiarazione di colpevolezza.

Il giudice Ramona F. ha detto: “Potrai uscire da quest’aula di tribunale come un uomo libero”, ha detto Manglona dopo una rapida udienza presso il tribunale federale degli Stati Uniti a Saipan, nelle Isole Marianne Settentrionali. Julian Assange ha poi lasciato la corte senza rilasciare dichiarazioni. Da allora, un aereo privato che lo trasportava è decollato da questa zona, diretto alla capitale australiana, Canberra, secondo quanto riportato da WikiLeaks.

“Ho incoraggiato la mia fonte.”

In base ad un accordo raggiunto con i tribunali, il 52enne ex informatico, accusato di aver pubblicato centinaia di migliaia di documenti segreti statunitensi nel primo decennio del ventunesimo secolo, si è dichiarato colpevole di aver ottenuto e divulgato informazioni relative alla difesa nazionale . “Ho incoraggiato la mia fonte”, il soldato americano Chelsea Manning, responsabile della massiccia fuga di notizie, “a fornire materiale riservato”, ha ammesso sul banco dei testimoni Julian Assange, stanco ma visibilmente sollevato.

Il detective australiano indossava un abito nero e una cravatta gialla, aveva i capelli pettinati all’indietro e prese in braccio i suoi due avvocati. Lunedì ha lasciato il Regno Unito, dove era stato imprigionato per cinque anni, per essere processato davanti alla Corte federale delle Isole Marianne Settentrionali, un piccolo territorio degli Stati Uniti, dopo aver accettato il principio della dichiarazione di colpevolezza. Secondo i termini di questo accordo, è stato condannato ad una pena già coperta dai cinque anni già trascorsi in custodia cautelare.

READ  Un giornalista di TV5 interrompe improvvisamente un'intervista con il portavoce dell'esercito israeliano e la sua amministrazione lo rinnega Guerra Israele-Hamas

Mercoledì il primo ministro australiano Anthony Albanese ha accolto con favore lo “sviluppo gradito”. Alla sua apparizione, l’informatore era accompagnato in particolare da Kevin Rudd, ex primo ministro australiano e attuale ambasciatore a Washington.

Appello per donazioni per il suo ritorno in Australia

Stella Assange ha sottolineato che “la priorità ora è che Julian riacquisti la salute”, “è in condizioni terribili da cinque anni” e spera “di stare a contatto con la natura”. Questa avvocatessa sudafricana ha lanciato un appello per raccogliere fondi per pagare i 520.000 dollari che suo marito deve versare al governo australiano per noleggiare l’aereo che la porterà in Australia. “Non gli è stato permesso di imbarcarsi su un volo commerciale”, ha detto a X. Anche le Nazioni Unite hanno accolto con favore il rilascio, affermando che il caso solleva “una serie di preoccupazioni sui diritti umani”.

L’ex vicepresidente americano Mike Pence ha descritto l’accordo come “falsa giustizia” e “un insulto al servizio e ai sacrifici degli uomini e delle donne delle nostre forze armate”. Mirato con 18 accuse, Julian Assange rischia teoricamente fino a 175 anni di carcere ai sensi della legge sullo spionaggio.