Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Il breve periodo di Pierre Gagnaire in Top Chef”: uno chef al suo stesso gioco

Questa tredicesima settimana di avventure è stata segnata dall’entusiasmante ingresso di Pierre Gagnaire e della sua puledra Cloutier, vincitrice del traguardo Top Chef. Quest’ultimo non ha esitato ad esprimere il suo entusiasmo per i suoi compagni dichiarando: “Sono tornato in ottima forma e non vedo l’ora di combattereSotto shock, Marie, Jurek e Valentin hanno dovuto fare i conti con l’idea che non stavano vivendo una semifinale ma un vero e proprio quarto di finale.

Trompe l’oeil come prima prova

La prima prova consiste nel realizzare un trompe l’oeil che rappresenti qualcosa della loro infanzia. Per l’occasione è stato invitato lo Chef Nicola Guercio. Durante questo primo test, lo chef Philippe Echebeste, fedele alla sua immagine, non ha potuto fare a meno di prendere in giro il nuovo comandante di brigata. “Una breve apparizione di Pierre Gagnaire su Top Chef. Ecco come mangeranno i giornalisti domani. Lo ha detto allo chef pluristellato. Una frecciata che ha fatto sorridere uno chef, anche se alla fine per lo chef dal colletto blu, bianco e rosso tutto non è andato come previsto.

Ciascuno dei quarti di finale ha proposto un piatto insolito da preparare in due ore. Per Cloutier si trattava di una palla da baseball in onore del suo viaggio in Canada, una destinazione che gli ha dato la passione per i viaggi e, allo stesso tempo, una carriera culinaria. Da parte sua, Jurek ha iniziato la costruzione creando mattoncini Lego in tre diversi colori. Valentin ha deciso di cucinare delle palline, spiegando che quando era un bambino timido, giocare a palline nel parco giochi gli ha permesso di superare la sua timidezza e fare amicizia. Alla fine, Mary scelse di giocare a backgammon. Sfortunatamente, è stato quest’ultimo ad occupare l’ultimo posto. Il primo posto è andato a Jurek.

READ  Adultère, divorzio, souffrance, tristesse... Ce qu'il ya dans le docu-événement consacré à la Reine Paola

David Munoz: lo chef che “rompe le regole”

Eletto miglior chef del mondo per la seconda volta consecutiva, lo chef più giovane della Spagna, David Munoz, è stato l’ospite di questo secondo evento. Se il piatto di Clotaire, una tela in stile Rothko, è stato elogiato dallo chef, è stato Jurek a conquistare ancora una volta il primo posto grazie al suo concept unico: “Benvenuti nell’anno 2063, è la fine del mondo. Mangeremo solo liquidi“, ha annunciato la sua candidata comandante di battaglione Stephanie Lukelek.

Naturalmente Valentine e Mary si trovano in pericolo. Quest’ultimo, già ultimo nella prima prova, non ha più avuto margine di errore.

Con il suo suggerimento “sabbia in bocca”, la 28enne alla fine non è riuscita a convincere lo chef spagnolo. Così Marie lascia per sempre l’avventura di Top Chef, portando con sé il suo mentore, Philippe Etchebest.

La prossima settimana Valentin, Juric e Cloutier si contenderanno un posto in finale.