Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I funghi sono spesso nemici invisibili e potenzialmente mortali

I funghi sono spesso nemici invisibili e potenzialmente mortali

Lo respiriamo regolarmente e lo ingoiamo anche mentre mangiamo. Il problema è che sono sempre più resistenti ai farmaci e sono responsabili di infezioni invasive che uccidono ogni anno più di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Nei laboratori del Centro nazionale di riferimento per le infezioni fungine invasive, presso l’Istituto Pasteur di Parigi, non studiamo i funghi velenosi che raccogliamo nella foresta (anche se sono di stagione), ma piuttosto i funghi microscopici che si infiltrano nella foresta corpo. E dobbiamo ammettere che, visti al microscopio, questi criptococchi sono molto belli.

Il criptococco, un bellissimo fungo, è fatale per chiunque sia debole.  (Soleil Le Hen/Radio Francia)

“Notiamo una cellula rotonda, vediamo anche i germogli perché questo è il loro modo di moltiplicarsi”, Presentato da Aude Storne Leclerc, ingegnere ricercatore presso l’Istituto Pasteur. Forse bello ma molto pericoloso. Quando un paziente viene infettato dal virus dell’AIDS, le cui difese sono già indebolite, senza cure, questo fungo uccide ogni volta, con i farmaci uccide ancora il 25% dei pazienti.

Ed è proprio questo il problema con tutti questi funghi microscopici: abbiamo pochi farmaci per curare le infezioni che causano, spiega il dottor Alexander Alanio, medico biologo. “Se vogliamo nuove molecole per tutti i diversi tipi di infezioni fungine invasive, ci vorrà del tempo e al momento non disponiamo di molecole di questo tipo.”

Al Centro nazionale di riferimento per le infezioni fungine invasive, presso l’Istituto Pasteur di Parigi, stiamo cercando molecole in grado di combattere i funghi invasivi, responsabili della morte di oltre 1,5 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.  (Soleil Le Hen/Radio Francia)

Come i batteri, i funghi diventano sempre più resistenti

Come i batteri stanno diventando sempre più resistenti agli antibiotici, anche i funghi stanno diventando sempre più resistenti ai trattamenti antifungini e spesso uccidono pazienti già indeboliti da un’altra malattia, cancro, diabete, o addirittura indeboliti da un trapianto di organi.

Sarah Delaire lavora sull’aspergillus, il fungo blu presente negli alimenti ammuffiti. Alcuni anni fa causò il caos nei Paesi Bassi. All’improvviso, abbiamo visto arrivare pazienti che non avevano mai ricevuto trattamenti antifungini e avevano Aspergillus resistente nei polmoni”.Dice. Perché i residenti resistono? Perché i campi di tulipani vicino a casa loro erano trattati con pesticidi, più specificamente fungicidi. “Esiste un nuovo fungicida sviluppato per proteggere le colture che si sono diffuse nei campi tra gli anni 2000-2010, che ha portato a una resistenza crociata con i trattamenti che abbiamo utilizzato in ospedale”.“, spiega il ricercatore. Per questo motivo hanno una resistenza compresa tra il 10 e il 20%.

“È molto difficile discuterne con l’industria agricola. Quando diciamo loro: ‘Dovete fermare gli antifungini perché i nostri pazienti moriranno di aspergillosi’, loro dicono: ‘Sì, ma quando muoiono 100 pazienti, siamo nutrire un’intera popolazione.”

Sarah Delaire, ricercatrice presso l’Istituto Pasteur

In Francia Informazioni

Sarah Delaire lavora sull'aspergillus, il fungo blu presente negli alimenti ammuffiti.  Negli anni 2000 creò il caos nei Paesi Bassi.  (Soleil Le Hen/Radio Francia)

Da qui la necessità, secondo i ricercatori dell’Istituto Pasteur, di trovare più farmaci antifungini, poiché non ce ne sono abbastanza, e di trovare alcuni farmaci efficaci contro i ceppi resistenti.

Ma la ricerca non può essere condotta senza finanziamenti. Come ogni anno, l’Istituto Pasteur invita donazioni francesi e presenta i progressi compiuti sul fronte della ricerca scientifica e biomedica. Se importano, inizia mercoledì 4 ottobre. Avrete tempo fino a domenica 8 ottobre per partecipare.

READ  Cosa accadrebbe se la Terra iniziasse a ruotare sottosopra?