Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Amir sulla situazione in Medio Oriente tra Israele e Hamas: “Restare in silenzio è un crimine”

I fan di Amir hanno già segnato questa data nei loro diari. Il 13 settembre il cantante pubblicherà il suo nuovo album intitolato C Amir. Un record annunciato con il brano attualmente popolarissimo “Sumit”, e con queste parole l’artista lo ha pubblicato sulla sua pagina Instagram: “Senza artifici o deviazioni, questo album è la mia verità, nuda e cruda.

Un titolo attirerà particolare attenzione su questo nuovo lavoro. Intitolata “Supernova”, è una canzone scritta sull’attacco compiuto da Hamas contro Israele il 7 ottobre, un evento che ha scatenato l’attuale situazione nella Striscia di Gaza. I testi evocano soprattutto il festival attaccato dai terroristi le cui immagini – insopportabili – si sono diffuse in tutto il mondo. Un festival chiamato… Supernova.

Il cantante ha rilasciato un’intervista a PureCharts discutendo di questo titolo. ““Sarebbe criminale per noi rimanere in silenzio.” Lo dichiara, rendendosi conto che con una canzone del genere rischia di esporsi a critiche e polemiche. “Erano tutti innocenti Ha detto che questi giovani sono stati uccisi, feriti o traumatizzati psicologicamente dall’attacco. “Stavano semplicemente venendo a una festa per divertirsi… L’immagine delle persone che scappano, cercando di scappare per salvarsi la vita, è molto sorprendente, ed è la prima cosa che ci è venuta per spiegare questo disastro.”

“Il mio cuore piange per tutte le persone innocenti che muoiono in questa guerra.”

A fine novembre 2023, mentre sul palco con… Specificatouna canzone solista sul palco dedicata allo straordinario destino della poco conosciuta leggenda del nuoto, il nuotatore francese ed ebreo Alfred Naccache, umiliato dal regime di Vichy e perseguitato dai nazisti, che Amir confidò a DH“.È molto importante dire tutto questo. Ha carattere educativo. Difendeva valori ancora molto moderni. Era aneddotico ai miei spettacoli fino al 7 ottobre. Purtroppo da allora è diventato molto attuale. Ho ripreso il mio percorso da questo pezzo il giorno della marcia per la Repubblica e contro l’antisemitismo in Francia. La combinazione dei due mi ha dato fastidio. Sul palco c’erano momenti in cui ero sopraffatto dai testi che recitavo regolarmente da due anni. All’improvviso hanno assunto un significato pesante che non sospettavo”.Ha detto degli eventi del 7 ottobre.

READ  È morto all'età di 83 anni l'attore americano Paul Sorvino, soprannominato Paul Cicero ne Gli Affranchis

Amir, il nostro grande ospite dell’intervista: “Forse abbiamo meno potere dei politici, ma la gente ci ascolta”.

Ha aggiunto: “Ciò che fa Israele gli è stato imposto (riferendosi alle operazioni militari contro la Striscia di Gaza, redazione). Ciò che sta accadendo è molto complesso e ci sono vittime da entrambe le parti. Il mio cuore piange per tutte le persone innocenti che muoiono in questa guerra. La guerra è intrinsecamente ingiusta. Anche se a volte ti permettono di raggiungere degli obiettivi, il prezzo per arrivarci è molto alto. Nessuno vuole trovarsi in questa situazione. Nessuno dei soldati israeliani oggi al fronte voleva andare in guerra. Ma grazie a questi sforzi e a questo rischio, potrebbero riuscire a porre fine al terrorismo e all’oscurantismo che stanno assumendo proporzioni enormi nella regione, come abbiamo visto il 7 ottobre”.