Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Al Parlamento Europeo, vittoria incompleta per l’estrema destra

Al Parlamento Europeo, vittoria incompleta per l’estrema destra

A Bruxelles, lunedì 10 giugno doveva essere un giorno di festa per il Matthias Corvinus Collegium (MCC), un think tank finanziato dall’Ungheria che porta la voce dei diritti radicali e conservatori nella capitale europea. Il giorno dopo le elezioni, che hanno visto affermarsi l’estrema destra all’interno dell’Hemicycle, il MCC ha organizzato un barbecue per celebrare questi successi e fare il punto sull’ascesa di questa famiglia ultraconservatrice.

La pioggia e le nuvole a Bruxelles hanno interrotto la festa e hanno in qualche modo minato il morale di questa famiglia in continua crescita. Mentre nella precedente legislatura i gruppi nazionalisti e sovranisti erano stati ospitati da diversi gruppi: conservatori e riformisti europei, tra cui il partito polacco Diritto e Giustizia e il partito Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni; Identità e Democrazia, che comprende il Partito del Raduno Nazionale; Quelli non registrati, incluso il partito Fidesz del primo ministro ungherese Viktor Orbán, hanno accumulato circa 160 deputati, e il numero è cresciuto fino a circa 180-200 deputati.

Ma nonostante questi successi, l’estrema destra ha ottenuto una vittoria amara, perché non è riuscita a sfuggire ai margini dell’Assemblea di Strasburgo. I suoi rappresentanti non parteciperanno alla maggioranza potenziale.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Risultati delle elezioni europee 2024: completo spostamento a destra per il Parlamento di Strasburgo

“La serata è stata bella, con i successi del Raggruppamento Nazionale in Francia, del Partito della Libertà in Austria, di Vox in Spagna, di Chiga in Portogallo e di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni in Italia. Lo spiega subito Frank Foredi, direttore scientifico del MCC. Sentiamo lo spirito della nuova era », lo spirito più conservatore dell’epoca in Europa, giudica l’intellettuale. Il conservatore intransigente non ha però una parola per l’Alternativa per la Germania (AfD), il partito dello zolfo guidato dal tedesco Maximilian Krahe, divenuto inaccessibile dopo una serie di polemiche e inchieste contro alcuni dei suoi membri. Tuttavia, il partito tedesco riuscì a diventare la seconda forza politica del paese e inviò diciassette funzionari eletti a Strasburgo.

READ  Putin rompe il silenzio sulla morte di Prigozhin: "Era un uomo dal destino complesso e ha commesso errori enormi"

“Molto diviso”

Oltre ai punti positivi, si rammarica anche delle delusioni subite dal PiS di Jaroslaw Kaczynski in Polonia, dal partito di Robert Fico Smir in Slovacchia o da Fidesz in Ungheria. “Questi partiti non hanno svolto adeguatamente il loro lavoro. Che ne dici di Flames Belang! » Nonostante i sondaggi d’opinione molto positivi, l’estrema destra fiamminga ha fatto scarsi progressi. Anche Frank Furidi la pensa così “La ragione è perduta” Nel Nord Europa: “I partiti in Danimarca, Svezia e Finlandia non sono abbastanza maturi e non vogliono vincere. Non lottano per ogni voto!”.

Ti resta il 27,65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.