Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wagner, un disertore, viene arrestato dalla polizia in Norvegia

La polizia non ha specificato i motivi esatti del suo arresto né ha fornito ulteriori commenti.

Tempo di lettura: 2 minuti

YuOggi, lunedì, la polizia norvegese ha riferito che un ex mercenario del gruppo paramilitare russo Wagner, fuggito in Norvegia una decina di giorni fa, è stato arrestato dalla polizia norvegese ai sensi della legge sull’immigrazione.

“La persona interessata è stata arrestata ai sensi della legge sull’immigrazione ed è stata presa in considerazione per la detenzione ‘in un campo per immigrati clandestini'”, ha dichiarato in una e-mail all’AFP John Andreas Johansen, l’ufficiale di polizia incaricato delle questioni relative all’immigrazione.

La polizia non ha specificato i motivi esatti del suo arresto né ha fornito ulteriori commenti.

Andrei Medvedev, 26 anni, aveva varcato il confine russo-norvegese nell’estremo nord nella notte tra il 12 e il 13 gennaio e aveva chiesto asilo nel Paese scandinavo, dicendosi pronto, secondo il suo avvocato, a “raccontare la sua esperienza all’interno del nazione.” Gruppo Wagner per le persone che indagano sui crimini di guerra.


Leggi anche
Ilya Yachin, l’avversario russo: “Putin alla fine se ne andrà e resterà un assassino per sempre”

L’uomo dice di aver combattuto in Ucraina con un’uniforme Wagner per quattro mesi prima di disertare a novembre, quando, dice, l’organizzazione paramilitare guidata dall’uomo d’affari Yevgeny Prigogne ha prorogato il suo contratto contro la sua volontà.

Come testimone potenzialmente prezioso per far luce sulla brutalità del gruppo paramilitare in Ucraina, è stato interrogato dalle autorità norvegesi fin dal suo arrivo nel paese, in un luogo sconosciuto.

Molti esperti ritengono che Medvedev non possa attraversare il confine fortemente sorvegliato senza assistenza. Lui stesso afferma di aver attraversato di nascosto il fiume Pacifico, il fiume ormai ghiacciato che segna il confine russo-norvegese, sotto i proiettili delle guardie russe che gli hanno sparato ai cani alle calcagna.

Agence France-Presse non è stata in grado di confermare in modo indipendente la validità delle sue dichiarazioni.

READ  Questa è un'altra battaglia guidata da Vladimir Putin