Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Volodymyr Zelensky autorizzato a parlare tramite collegamento video all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Pubblicato in:

Due settimane fa, nei corridoi delle Nazioni Unite circolavano voci su una possibile visita di Volodymyr Zelensky all’Assemblea Generale, che inizierà martedì 20 settembre. Ma i diplomatici si sono presto resi conto che il presidente ucraino non avrebbe lasciato il suo paese in guerra. È stato quindi necessario richiedere un opt-out per potersi esprimere tramite video Dopo due anni di assembramenti contrastanti legati al Covid-19, quest’anno l’Assemblea Generale riprende a tu per tu.

Con il nostro corrispondente a New York, Carrie Notton

Come può un capo di stato venire a parlare alle Nazioni Unite quando un caso di forza maggiore glielo impedisce? Quella che si credeva essere una semplice azione ha preso una svolta molto politica.

Presto apparve Volodymyr Zelensky Programma dell’Assemblea Generale Più di 150 capi di stato e di governo pronunceranno a loro volta i loro discorsi sul podio anche quest’anno a partire da martedì, due anni dopo che l’Assemblea generale si è riunita all’ombra della pandemia. Il che significa che il presidente ucraino parlerà di persona – come di regola – e non sarà sostituito dal suo ministro degli Esteri, che è stato a New York nei tempi previsti dall’inizio della guerra.nel febbraio 2022.

un’eccezione

Ma sappiamo che questo signore della guerra non ha lasciato le sue terre da marzo. Più di cinquanta paesi, tra cui Ucraina, Stati Uniti, Francia, Turchia, Regno Unito o anche Corea del Sud e Colombia, hanno presentato una proposta ad eccezione del presidente Volodymyr Zelensky. eccezione speciale, senza creare un precedente ’, fino a quando non si esprime in un video preregistrato.

READ  Il viaggio è salato per la norvegese, che si è fermata ubriaca sul suo scooter

Forse la Russia si è opposta, 101 paesi su 127 elettori hanno votato a favore, 19 paesi si sono astenuti e Bielorussia, Siria, Corea del Nord, Eritrea, Cuba e Nicaragua si sono uniti a Mosca. La stragrande maggioranza dei paesi africani, che si è astenuta dal condannare l’aggressione russa alle Nazioni Unite lo scorso febbraio, questa volta semplicemente non ha votato.