Campania Cronaca EVIDENZA Lavoro

Vertenza Apu Campania, tavolo al Ministero, Di Maio: “Decreto lavoro prima dell’estate”

Al tavolo oggi con i 30 sindaci campani, le rappresentanze sindacali e i militanti di Potere al Popolo

Sembrano aprirsi spiragli positivi dal tavolo sulla vertenza Apu in Campania, svoltosi presso il Ministero del Lavoro e richiesto da Usb che dallo scorso autunno, con la collaborazione di Potere al Popolo ha portato avanti le dure lotte che hanno coinvolto oltre 2600 operai.

Oggi c’erano circa 300 i lavoratori in presidio, in attesa della decisione. Presente a sorpresa il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio che ha annunciato l’imminente pubblicazione del Decreto Lavoro, in cui sia affronterà anche la vertenza Apu prima che finisca l’estate. Grande assente invece l’ente Regione Campania che non ha inviato né delegati né ha trasmesso una nota scritta per evidenziare la propria posizione, nonostante la presenza di ben 30 sindaci provenienti da tutte le province.

“Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha assunto un impegno importante con gli Apu dichiarando che si troveranno le risorse necessarie per l’assunzione dei lavoratori – spiega Davide Trezza coordinatore nazionale Potere al Popolo e responsabile della federazione del sociale Usb Salerno – l’intervento del ministero riguarderà l’adeguamento delle piante organiche della pubblica amministrazione che al momento funzionano con un numero di unità ridotte a causa del blocco delle assunzioni e dei vincoli di spesa. Ha inoltre aggiunto che ciò richiederà un intervento di tipo normativo ad hoc”.

Presenti per il Ministero Fabia D’Andrea Vice Capo di Gabinetto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ugo Menziani direttore generale degli ammortizzatori sociali e della formazione e Francesco Vanin Consigliere per le imprese, le crisi di impresa e del lavoro.

“Noi una mano vogliamo darvela – ha dichiarato il Ministro nel corso dell’incontro – perché conosciamo benissimo la situazione finanziaria in cui versano i Comuni, soprattutto del Sud, e come una serie di persone assunte in maniera precaria negli enti pubblici, nel corso degli anni, abbiano portato un contributo determinante al funzionamento degli stessi enti”.

“Siamo a vostra disposizione per trovare una soluzione – continua Di Maio – cofinanziata con protocolli d’intesa per l’inserimento di queste risorse umane essenziali, o attraverso gli strumenti normativi. Spero che si possa lavorare tutti insieme, Regione, Comuni, Sindacati e Istituzioni, per trovare una soluzione concreta”.

I 30 amministratori locali e le rappresentanze sindacali hanno esposto le problematiche che hanno impedito agli enti di gestire la situazione dei lavoratori impiegati nelle Attività di Pubblica Utilità, pur essendo indispensabili ai comuni. Assumere i lavoratori Apu significa riuscire prima di tutto a recuperare le risorse economiche necessarie per la loro stabilizzazione. Per questo i sindaci hanno deciso, di concerto con i tecnici presenti, di inoltrare nei prossimi giorni una relazione sugli ostacoli normativi ed economici che impediscono le assunzioni anche al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

“La Regione Campania oggi ha mostrato il suo vero volto e la sua inconsistenza. – commenta Giovanni Pagano, esponente dell’esecutivo nazionale Usb – Al Ministero del Lavoro c’erano 20 sindaci campani, 250 lavoratori Apu, la direzione ammortizzatori sociali e il Ministro Luigi Di Maio, che si è assunto anche delle importanti responsabilità sulla risoluzione della vertenza. Erano tutti soggetti politici diversi, che però hanno fatto lo sforzo di sedersi e provare a trovare una soluzione per centinaia di lavoratori campani e per i tanti enti locali in difficoltà. Mentre la Regione, invitata al tavolo, ha deciso di non presentarsi“.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi