Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno studio mostra che quasi un adulto francese su quattro sente male

Gli autori dello studio hanno utilizzato i dati di 186.460 membri volontari di un grande gruppo epidemiologico chiamato Costanza, rappresentativo della popolazione adulta.

Quasi un adulto francese su quattro soffre di una qualche forma di perdita dell’udito, secondo uno studio di dimensioni senza precedenti, rivelato venerdì 17 giugno e condotto da un team di Inserm e dell’Università di Paris Cité.

Circa 1,5 miliardi di persone nel mondo sono affette da ipoacusia e l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che raggiungeranno quasi un miliardo di persone entro il 2050. Questi disturbi, che non sono ancora ben compresi, possono essere compensati dagli apparecchi acustici ma non possono essere curati . Ma, anche allora, i dati francesi su questo fenomeno sono rimasticospirazioniInserm, che ha condotto questo studio in collaborazione con AP-HP e Foch Hospital, osserva in un comunicato stampa.

Il 24,8% mostra una perdita dell’udito

Per valutare la prevalenza della perdita dell’udito in modo più rigoroso, gli autori dello studio, pubblicato su Open Network JAMA Network, hanno utilizzato i dati di 186.460 membri volontari di un grande gruppo epidemiologico chiamato Costanza, rappresentativo della popolazione adulta, in cui la perdita dell’udito è stata misurata dall’udito prove.

I volontari, di età compresa tra i 18 ei 75 anni, avevano compilato questionari sulle loro caratteristiche demografiche e socioeconomiche, storie mediche e di parentela e stili di vita. Hanno anche superato una visita medica, tra il 2012 e il 2019, compreso un test dell’udito. Lo studio indica che quasi un quarto (24,8%) soffre di perdita dell’udito. E per il 4,3% è considerata una disabilità invalidante.

READ  Google investe ancora in Vallonia, cosa attrae il colosso americano?

Guarda anche – Talk Décideurs • RogerVoice: “La mia app ha cambiato la vita delle persone sorde”

Scarsamente dotato di arti protesici

Alcuni gruppi di popolazione hanno maggiori probabilità di sviluppare perdita dell’udito: anziani, uomini, individui con un indice di massa corporea elevato, diabete, fattori di rischio cardiovascolare, depressione o esposizione all’inquinamento acustico sul lavoro. Al contrario, avere un reddito o un livello di istruzione più elevato, vivere da soli e vivere in un’area urbana sono associati a quote inferiori.

Per quanto riguarda gli apparecchi acustici, solo un terzo circa dei pazienti con perdita dell’udito (36,8%) li ha. Il sistema che permetteva in alcuni casi di essere rimborsati per gli apparecchi acustici da parte della previdenza sociale non era in vigore al momento dello studio.

questo “Consente di sviluppare un inventario affidabile e fornire indizi ai decisori pubblici mentre esistono soluzioni efficaci (come apparecchi acustici o impianti cocleari) per affrontare questo grave problema di salute.Ha elogiato i suoi coordinatori, Quentin Lesan e Jean-Philippe Empana. I ricercatori riconoscono alcuni limiti al loro lavoro, in particolare legati ai dati mancanti o alla struttura del campione, come il limite di età di 75 anni, che preclude la misurazione del fenomeno a posteriori.


Guarda anche – COVID-19: Mascherina a scuola, un doppio handicap per i sordi