Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una specie di vongola considerata viva è stata osservata per 40.000 anni

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Molluschi bivalvi, battezzati Biscotto Cymatioa, finora solo attraverso scavi risalenti al Pleistocene. Ma questa minuscola vongola è stata recentemente avvistata viva su una spiaggia sabbiosa al largo della costa della California.

Nel novembre 2018, durante la ricerca di lumache di mare con la bassa marea sulla spiaggia di Naples Point, Jeff Goddard, un ricercatore associato presso l’Istituto di scienze marine dell’UC Santa Barbara, si è trovato faccia a faccia con un’intrigante coppia di piccoli bivalvi trasparenti. Quest’ultimo aveva un guscio lungo poco più di 10 millimetri e un piede più lungo, con strisce bianche e lucide. Sebbene i molluschi bivalvi della California meridionale siano stati ampiamente studiati e documentati, Goddard non aveva mai incontrato questa specie prima.

Dopo aver scattato molte foto di questi animali, senza disturbarli indebitamente, ha inviato queste immagini a Paul Valentich-Scott, curatore emerito di patologia presso il Museo di storia naturale di Santa Barbara, che è rimasto sorpreso quanto lui. ” Conosco questa famiglia di bivalvi (Galeommatidae) lungo la costa delle Americhe. Era qualcosa che non avevo mai visto prima », bind-t-il. Le foto non sono sufficienti per identificare con certezza l’animale, è stato necessario portarlo a un esame più attento. Ma solo diversi mesi dopo, dopo diversi tentativi, Goddard trovò finalmente un esemplare di questo strano mollusco.

Somiglianze con la documentazione fossile

Poi i due ricercatori hanno potuto iniziare il lavoro di identificazione. Il guscio atipico dell’animale, in particolare, ha sollevato la possibilità che si trattasse di una nuova specie che non era stata precedentemente descritta. Per verificarlo, Valentich-Scott ha condotto un attento esame di tutta la letteratura scientifica pubblicata dal 1758 ai giorni nostri. specie fossili, Descritto nel 1937ha particolarmente attirato l’attenzione dei due ricercatori.

READ  La città ha mobilitato la salute mentale, un importante problema di salute pubblica » Messaggio economico e politico del GCAA
Vista laterale (a) e ventrale (b) dell’esemplare vivo catturato al punto Naples (lunghezza: 7,4 mm). (nonno) Biscotto Cymatioa nel suo ambiente naturale. © P. Valentich-Scott et al.

illustrazioni di bivalvi Biscotto Purnia, secondo un articolo del paleontologo George Willett, era davvero molto simile alla conchiglia che avevano scoperto. Si noti che Willett ha documentato i molluschi a Baldwin Hills nel centro di Los Angeles quando è stata installata una linea fognaria. Il lavoro ha scoperto depositi pleistocenici spessi da 20 a 30 cm di fossili di invertebrati e vertebrati, poco più di un metro sotto la superficie. Questi depositi risalgono a un periodo compreso tra 36.000 e 28.000 anni fa.

Nella sua pubblicazione, lo scienziato ha identificato un totale di 296 specie di molluschi e ha descritto due nuove specie di bivalvi, Galeommatidae, Rochefortia rhiana et al Biscotto Purnia (oggi Biscotto Cymatioa), affermano i ricercatori. A quel tempo, Willett chiamò la specie in onore di Edna Cook, una collezionista di conchiglie che ne collezionava esemplari.

tipo di campione
Il tipo di campione utilizzato da George Willett per descrivere le specie Biscotto Purnia 1937. © P. Valentich-Scott et al.

Dopo aver confrontato i loro molluschi con l’esemplare originale descritto da Willett, che si trova nel Museo di storia naturale della contea di Los Angeles, i ricercatori hanno concluso che si trattava effettivamente della stessa specie. Allo stesso tempo, Goddard ha trovato un altro esemplare a Naples Point, un unico guscio vuoto, anch’esso perfettamente abbinato Biscotto Purnia.

Ricerca che senza dubbio porterà ad altri campioni

Infine, i ricercatori hanno finora trovato tre esemplari vivi di questa specie: i due individui osservati nel 2018 e l’esemplare catturato nel 2019. C. Biscotto Entra così a far parte della lista delle “classificazioni Lazarus”, che comprende specie a lungo considerate estinte, e poi riscoperte. ” Non è molto comune trovare una specie conosciuta viva per la prima volta nella documentazione sui fossili. », Goddard ha osservato. Come hanno fatto questi molluschi a sfuggire agli occhi attenti degli esperti per così tanto tempo? ” C’è una così lunga storia di raccolta di conchiglie e patologie fungine nel sud della California […] È difficile credere che nessuno abbia nemmeno trovato i gusci di questa minuscola creatura “, Ha aggiunto.

READ  La fine dell'espansione dell'universo arriverà presto

È probabile che il loro habitat preferito sia più a sud, al largo della penisola della Bassa California, il che potrebbe spiegare perché nessuno li abbia notati C. biscotto in precedenza. ” Date le dimensioni ridotte, il guscio trasparente e le abitudini furtive di C. cooki, non sorprende che gli esemplari viventi di questa specie siano stati trascurati per più di 80 anni. “, scrivono i ricercatori, convinti che grazie alla loro nuova descrizione presto verranno scoperti altri individui di questa specie, in particolare nel sud, al largo delle coste del Messico.

Secondo i ricercatori, è possibile che queste vongole provenissero dall’estremo sud di Napoli puntando attraverso le correnti marine, sotto forma di larve planctoniche, in particolare durante le ondate di caldo marino dal 2014 al 2016. Quest’ultima ha consentito molte attività marine. specie per estendere il suo areale verso nord, in particolare a Naples Point per molti di loro.

fonte : P. Valentich-Scott e J. Goddard, ZooKeys