Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una parte d’Italia a Rebecca dopo 20 anni con i ricordi di Mongidoro e dell’immigrazione italiana

Rebecq-Monghidoro, due nomi di borghi! Rebecca, Mongidoro, Italia, a Brabanda Vallone, vicino a Bologna. Due nomi, due regole e più di una semplice coppia! Tra la Compagnia Vallone e il Villaggio Italiano, questa è una vera storia d’amore, non di ieri, ma un po’ troppo vecchia.

Questa domenica e lunedì la delegazione italiana ha celebrato a Rebecca il 20° anniversario dei gemelli ufficiali e straordinari. I rapporti tra i due paesi sono stretti, quasi familiari e di fiducia.

I rapporti tra i due paesi risalgono infatti al 1929, quando gli italiani decisero di abbandonare il regime fascista. Molti di loro si rifugiarono a Rebecca e nei suoi dintorni. Ma soprattutto la storia amichevole dei due borghi inizia davvero nel 1946, quando i primi operai italiani lasciano Mongidoro e vengono a lavorare nella Cava Quenast, la cava a cielo aperto più grande d’Europa. Nonostante la vita molto difficile e la gelida accoglienza di alcuni valloni in quel momento, gli scambi tra le due società si moltiplicarono negli anni. I legami si rafforzano. 20 anni fa, le autorità locali hanno deciso di regolarizzare i gemelli veri. Relazioni forti. Si rafforza da anni!

Dall’Italia alle cave di Quenast

Nel 1946 33 giovani lasciarono l’Italia e vennero qui a lavorare nelle cave di Quenast.“Spiega Patricia Venturelli, sindaco di Rebecca e figlia di un italiano di Mongidoro”.Non è stata una vita facile. Ma gradualmente, le connessioni sono state fatte. Si sono verificati scambi culturali, sportivi, accessori e familiari. Un modo è un altro. Quindi Rebecca ha deciso di formalizzare queste connessioni. Oggi sono lieto di accogliere la delegazione italiana per i 20 anni della Carta, che segna l’amicizia tra i nostri borghi. Molti dei rappresentanti eletti di Rebecca sono di origine italiana. Come il padre del presidente CPAS Marino Marsetti, mio ​​padre è di Mongidoro”..

Un sindaco sotto i riflettori

Tra i membri della delegazione italiana a Rebecca: Barbara Banzacchi, sindaco di Mongidoro. “Questi gemelli di 20 anni e questa passata immigrazione, questa è la storia di amicizia e di cuore con il nostro Paese.Il sindaco spiega di essere soddisfatto della risposta alla delegazione.

READ  Gabon: Flavien Enongoue visita l'acadamie de langue italianne à Libreville

Per il parlamentare vallone Dmitry Legas, questo gemello significa molto. “È più di un semplice scambio. I collegamenti a questa migrazione al lavoro sono molti. Ci sono i matrimoni, ci sono i pasti, ci sono le gioie condivise, ci sono le canzoni, ecc… indescrivibili!

Collegamenti durevoli

Nel 1946 fotografie di quel periodo dimostrano (vedi fotografie di una mostra dedicata all’immigrazione italiana a Rebecca) che i lavoratori italiani non erano a loro agio. Ma oggi, entrambe le comunità sottolineano soprattutto l’amicizia italo-belga. “È insolito vedere queste connessioni andare avanti per anni e rafforzarsi nel tempo. Oggi, a Rebekah, un terzo delle persone di origine italiana, come i ristoranti italiani…“, sottolinea Sophie, la nipote di un operaio italiano.

Speranza per il futuro

Questo potere che collega le due comunità è molto importante“Sarah Bertie, figlia di un ex lavoratore immigrato che ha scritto una serie di libri sull’argomento, è diventata direttrice del lavoro al Cunast”.È essenziale che le comunità creino connessioni, si condividano e si valorizzino a vicenda. È la conoscenza degli altri che permette di superare i pregiudizi. La condivisione delle culture è molto importante quando viviamo in un mondo in crisi. Più che mai è necessario costruire ponti tra le comunità perché la pace è ancora più importante.“.

Oggi, un terzo della popolazione di Rebecca è di origine italiana. In un mondo che deve affrontare sfide enormi, familiari e legami di fiducia.
Per immergersi nella storia dell’amicizia tra i due paesi, una bella mostra di fotografie e oggetti si trova al Moulin d’Arenberg, nel centro di Rebecca.