Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una famiglia italiana e un togolese sono stati rapiti da “uomini armati”

Pubblicato:

Una coppia italiana, il loro bambino e un cittadino togolese sono stati rapiti durante la notte a Cincinnati, nel sud-est del Mali, da giovedì a venerdì. Una zona a un centinaio di chilometri dal Burkina Faso, Paese che negli ultimi anni è stato rapito da molti occidentali.

Una coppia italiana e il loro bambino, di nazionalità togolese, sono stati rapiti da “uomini armati” nel sud-est. MaliVicino al confine con Burkina FasoL’AFP ha appreso venerdì 20 maggio.

“Uomini armati hanno rapito tre italiani e un togo giovedì notte (…) Stiamo facendo tutto il possibile per liberarli”, ha detto una fonte di sicurezza maliana senza nome. Indica che il rapimento è avvenuto nella regione sudorientale di Cincinnati. . “Sono religiosi. Stiamo facendo tutto il possibile per liberarli. Abbiamo relazioni diplomatiche”, ha aggiunto la fonte.

In serata la Farnesina ha confermato che “tre compagni sono stati rapiti in Mali”. Ha promesso di fare “tutto” per vedere un esito positivo del caso, pur sottolineando la “necessità di mettersi d’accordo con i familiari e mantenere la massima prudenza”.

In precedenza, Luigi de Mario, capo della diplomazia italiana, aveva affermato di “seguire personalmente gli sviluppi della questione”.

La regione di Cincinnati dista un centinaio di chilometri dal Burkina Faso. Il paese in cui molti occidentali sono stati rapiti negli ultimi anni.

Rapimenti frequenti

I rapimenti sono comuni in Mali e le loro motivazioni possono essere diverse (cattivo, politico, ecc.). Nella maggior parte dei casi, le condizioni e le circostanze per il rilascio degli ostaggi non sono mai state note o stabilite in modo chiaro.

READ  Immigrati bloccati in mare: salvini italiani in tribunale

Il Paese saheliano è dal 2012 teatro di attacchi da parte di gruppi jihadisti affiliati ad al-Qaeda e allo Stato Islamico e ogni sorta di violenza perpetrata da combattenti difensivi e banditi.

Le violenze, iniziate nel nord nel 2012, si sono estese al centro e poi ai vicini Burkina Faso e Niger. Nonostante il dispiegamento delle forze delle Nazioni Unite, francesi e africane, hanno causato migliaia di vittime civili e militari e centinaia di migliaia di sfollati.

Il francese Oliver DuboisIl giornalista freelance di 47 anni, che vive in Mali dal 2015, è stato rapito in Mali un anno fa. Ha annunciato il suo rapimento il 5 maggio 2021 in un video pubblicato sui social media.

Ha spiegato di essere stato rapito l’8 aprile nella città settentrionale di Kao da un gruppo filo-islamico e filo-musulmano. Dal leader maliano tuareg Iyad Ag Ghaly. Il 13 marzo è circolato sui social un video che mostrava un uomo che si atteggiava a giornalista francese mentre si rivolgeva ai suoi parenti e al governo francese.

Ad eccezione di Olivier Dubois, nel Sahel sono detenuti diversi ostaggi occidentali. Il loro entourage o il loro governo a volte decidono di non denunciare i rapimenti. E questi non sono stati debitamente richiesti dai loro autori.

Con AFP