Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una donna americana ha costretto la figlia di 11 anni a vivere con il corpo del padre per paura dell’espulsione

Una donna è stata arrestata martedì in una piccola città del nord del Texas dopo che la polizia ha scoperto che aveva costretto la figlia di 11 anni a vivere con il corpo di suo padre per diverse settimane, secondo quanto riportato dai media locali questa settimana.

Susan Q. Smith è stata arrestata e imprigionata per aver messo in pericolo bambini, manomissione di prove e non aver dichiarato la morte. Ha spiegato alla polizia di non aver annunciato la morte di Allen West, il padre di sua figlia, per paura di essere sfrattata dalla sua residenza dove l’uomo non avrebbe dovuto essere nei paraggi.

Madre e figlia vivevano con questo corpo in decomposizione da tre o quattro settimane, nella città di Electra, in mezzo ai giacimenti petroliferi.

Senza acqua corrente e disseminata di spazzatura

Il 1° dicembre, il capo della polizia locale, Terry Wootten, ha visitato la scena dopo essere stato informato che c’erano mosche e un odore proveniente da una finestra aperta dell’appartamento.

Non avendo ricevuto risposta dopo aver bussato alla sua porta, la sua squadra è entrata nell’appartamento di Susan Coy Smith e ha scoperto, nel corridoio, il corpo coperto da una coperta e sacchi della spazzatura.

Senza acqua corrente, l’appartamento era disseminato di spazzatura e ritenuto “inabitabile”, secondo un rapporto della polizia visto da KFDX-TV della NBC.

Susan Q. Smith ha detto alla polizia che il corpo apparteneva al padre del ragazzo. Il 13 gennaio è stato emesso nei suoi confronti un mandato di cattura. Sua figlia è stata portata all’assistenza dei servizi di protezione dell’infanzia ed è stata ricoverata in ospedale per un’infezione da punture di insetti.

READ  Questa non è responsabilità della Francia.