Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un record per l’oro e il sechone italiano è stato incoronato nei 100 dorso

Un doppio whammy nei 100 dorso per la massima speranza italiana durante i Mondiali di Budapest questo lunedì.

L’italiano Thomas Ceccone, 21 anni, si è affermato come il re dei 100 dorso ai Mondiali di nuoto di Budapest lunedì dopo una gara di alto profilo. La serata ha visto anche l’incoronazione di due 17enni. David Popovici della Romania nei 200m stile libero E L’italiana Benedetta Pilotta nei 100 rana.

Ceccone, quarto alle Olimpiadi della scorsa estate, ha vinto la 60/100e in 51 secondi, staccando di un quarto di secondo il record precedente stabilito dall’americano Ryan Murphy dalle Olimpiadi di Rio 2016.Non mi ero ancora reso conto di aver battuto il record mondiale“L’italiano ha risposto, avendo già vinto una medaglia di bronzo con i compagni di squadra sabato nei 400 stile libero”.Non avevo record o tempo in mente prima di iniziare. Ho nuotato nella mia gara (…) È incredibile.Murphy ha vinto l’argento e l’americano Armstrong ha vinto il bronzo. Tutti e tre i nuotatori sono finiti sotto i 52 secondi. Dopo tre giorni di gare, è stato il primo record mondiale ad essere battuto alla Duna Arena della capitale ungherese.

La più grande gara della mia vita

Tommaso Ceccone

A fine serata l’inno italiano è stato suonato per la seconda volta, questa volta da Benedetta Pilateo protagonista dei 100 rana. “È un sogno che si avveraIl nuotatore di 17 anni ha riso. “Era la mia prima finale di 100 rana ed ero già felice di raggiungerla (…). Ora eccomi qui con l’oro al collo. Sono felice del mio lavoro e della mia professione.In tutto, è stata la terza medaglia d’oro italiana dei campionati dopo il titolo di Niccolò Martinengi nei 100 rana di domenica.

Un altro record della serata è stato raggiunto da un altro 17enne, il rumeno David Popovici. Con un tempo di 1 minuto e 43 secondi 21, ha vinto la corona dei 200 stile libero, diventando il quarto uomo più veloce nella storia dell’evento. Testa a testa con il britannico Tom Dean, campione olimpico di Tokyo, per gran parte della gara, ha fatto la differenza negli ultimi 50 metri. “Il piano era di nuotare veloce, ma sono riuscito a sorprendermiDisse con un sorriso.

«Nell’ultimo tratto, ho pensato: “Questa è la gara più grande della mia vita finora, dovrebbe essere indimenticabile per me e per gli altri”.“, ha detto prima di ricevere la medaglia dall’australiano Ian Thorpe, una delle sue ispirazioni. Il giocatore coreano Sunwoo Hwang (19 anni), è arrivato secondo davanti a Tom Dean.

17° grado per Ledecky

Dalla parte delle donne, Il favorito americano Regan Smith è stato incoronato campione del mondo nei 100 dorso.. Questo è il 3° titolo mondiale per Smith, che è stato incoronato due volte (come squadra nei 200 dorso e nella staffetta 4×100 misti) in Corea del Sud nel 2019.

Sempre impaziente L’americana Katie Ledecky è stata sbalorditiva nella competizione dei 1500 m stile libero, una razza in cui è rimasta imbattuta per 10 anni. Ha vinto il 15/100 in 15 minuti e 30 secondi, quasi 25 metri davanti alla sua connazionale Katie Grimes. “È fantastico. L’obiettivo era mantenere il ritmo giusto. Il mio allenatore voleva che andassi sotto le 15:32, cosa che pensavo fosse un obiettivo ragionevole. Quindi fare 15 minuti e 30 secondi è molto buonoHa risposto la 25enne americana, che ha vinto il 17° titolo mondiale della sua carriera, un record per le donne.

READ  Olimpiadi 2021: Bella la storia del campione italiano Fosto Desalu e della madre nigeriana