Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Un presidente non dovrebbe dirlo’, ‘spaventoso’: la classe politica francese risponde ai commenti di Macron sui non vaccinati.

Martedì, Emmanuel Macron ha dichiarato, in un’intervista a The Parisian, che si sarebbe deciso di “pisciare” i non vaccinati “fino alla fine”. “Limitando il loro accesso, per quanto possibile, alle attività sociali”.

Molto rapidamente, le parole del presidente francese hanno scatenato polemiche sui social.

Il candidato presidenziale e rappresentante dell’LFI Jean-Luc Melenchon sono stati tra i primi a rispondere. “Il presidente controlla ciò che dice? Chi dice persuasione, non coercizione. E chi?”

Per Marine Le Pen, candidata del Partito della Repubblica Nazionale, “Il presidente non lo deve dire. Il garante dell’unità della nazione continua a dividerla e presumibilmente vuole rendere invulnerabili i cittadini di serie B. Emmanuel Macron non merita il suo ufficio.”

“Signor Presidente, smetterò di turbare i francesi. Il presidente uscente sta parlando del suo dispiacere con una classe di francesi”, ha twittato immediatamente un altro candidato di estrema destra Eric Zemmour.

A LR, Bruno Retailleau ha stimato che non c’è “nessuna emergenza sanitaria che giustifichi tali parole. Emmanuel Macron afferma di aver imparato ad amare i francesi e ama soprattutto disprezzarli. Possiamo incoraggiare la vaccinazione senza insultare nessuno o spingere per l’estremismo”. Egli ha detto.

READ  120 bambini inviati all'esame 'I bambini ricorderanno'