Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo studio rivela che l’acqua dell’oceano proverrà dagli asteroidi

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] I 42 asteroidi più grandi nella fascia principale sono stati esaminati dal VLT
Lo strumento Sphere del VLT ha individuato il più grande asteroide della cintura principale tra Marte e Giove.

missioni Apollo Le sonde interplanetarie lanciate negli anni ’70 hanno permesso di confermare uno scenario sviluppato nei decenni precedenti per la generazione planetaria e comete in disco protoplanetario ricca di Gas E la polvere che circonda il giovane Soleil Circa 4,56 miliardi di anni fa.

Questo scenario sta emergendo e crescendo pianeti rocciosi come la terra Mercurio o marzo entro accumulazionebombardamentoasteroidi e comete, di cui si possono ancora trovare tracce sotto forma di crateri lunari. L’acqua negli oceani della Terra deve provenire da questo bombardamento, ma per decenni il dibattito persiste sull’esatta natura dei minuscoli corpi celesti responsabili di questo contributo. In altre parole, l’acqua viene principalmente comete O gli asteroidi?

Futura ha dedicato molti articoli a questa discussione e oggi ne è stato presentato un nuovo articolo Attraverso Articolo in astronomia naturale. Risultati specifici sono riportati dalle analisi dei campioni da problema Segnalato sulla Terra alla fine del 2020 dalla sonda giapponese Hayabusa 2. Questi campioni provengono da L’asteroide Ryugu (“Dragon Palace”, in giapponese), un membro della famiglia degli asteroidi Apollo, di tipo C a causa di una composizione vicina a Condrite Esistono sulla Terra, che si trova a più di 300 milioni di km dal nostro pianeta.

Meno di 900 metri di diametro, lo studio dei suoi campioni ha confermato che contengono materiali originali risalenti alla formazione di sistema solare Che è stato leggermente alterato nonostante gli effetti del riscaldamento e della circolazione dell’acqua liquido Ma la sua temperatura non dovrebbe essere superiore a 30 ° C.

READ  Il medico legale Jihan Kamel denuncia il fallimento del sistema sanitario

Isotopi dell’idrogeno come tracce di cosmogonia

I cosmologi studiano campioni di Ryugu Spiega oggi che Analytics Un’abbondanza di isotopi di idrogeno e azoto Ci riferiamo ancora alla relazione tra l’acqua dell’asteroide e l’acqua oceanica sulla Terra.

Per capire di cosa si tratta, basti ricordare che esistono naturalmente due tipi di acqua, di cui una, ordinaria, è compostaatomi Dott’idrogeno H con uno protone L’altro nucleo, detto pesante, è formato da atomi di deuterio D, quindi un nucleo con un protone e neutrone.

Parte dell’acqua sulla Terra è composta da molecole Contiene deuterio invece di un atomo di idrogeno. Così possiamo determinare il rapporto isotopico D/H che è una traccia dell’origine delle acque oceaniche nella chimica cosmica.

Confrontando questo rapporto con quello di meteoriti E le comete, è possibile determinare quale fosse il padre delle acque oceaniche. Per anni, l’origine di quest’acqua è stata una tesi Rilascio di gas vulcanico La giovane Terra fu abbandonata e il pendolo non smise mai di inclinarsi su entrambi i lati delle comete o sul lato delle meteore.

Lo studio dei meteoriti sulla Terra – che provengono principalmente dalla fascia principale degli asteroidi – ha permesso di dimostrare che, in media, il rapporto D/H era di circa 140 ppm Mentre questo rapporto, quando specificato per alcune comete, era compreso tra 150 e 300 parti per milione. Poiché sulla Terra circa 150 ppm, l’ipotesi delle comete è stata smentita, o almeno, le comete non saranno, di gran lunga, la principale fonte d’acqua sulla Terra.

Pertanto, le analisi di Ryugu supportano l’ipotesi dell’asteroide.

Il Sistema Solare è un laboratorio per lo studio della formazione di pianeti giganti e l’origine della vita che può essere utilizzato con il resto dell’universo osservabile per lo stesso scopo. mojo: Modellazione dell’origine dei pianeti gioviani, ovvero Modeling the Origin of the Jovian Planets, è un progetto di ricerca che è sfociato in una serie di video che presentano la teoria dell’origine del Sistema Solare e in particolare dei giganti gassosi da parte di due rinomati specialisti, Alessandro Morbidelli e Sean Raymond. Per una traduzione francese abbastanza accurata, fai clic sul rettangolo bianco in basso a destra. A questo punto dovrebbe apparire la traduzione in inglese. Quindi fare clic sul dado a destra del rettangolo, quindi fare clic su “Sottotitoli” e infine su “Traduci automaticamente”. Scegli “francese” © Laurence Honorat

READ  12 miliardi di anni fa, c'era già acqua nell'universo!

Interessato a quello che hai appena letto?