Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un miliardario italiano compra a Charlevoix

Mentre Charlevoix attira più interesse da parte dei vacanzieri stranieri con l’arrivo del Club Med, un miliardario italo-americano ha speso più di 1 milione di dollari per acquisire terreni privilegiati nell’area.

John Elkann, pronipote di Giovanni Agnelli, uno dei fondatori della casa automobilistica italiana Fiat, ha acquistato la proprietà di quasi 800.000 m2 (8,6 milioni di piedi quadrati) a metà dicembre.

Giovanni, morto nel 2003

Foto per gentile concessione di Twitter, @gianniagnelli

Giovanni “Gianni” Agnelli, scomparso nel 2003, è stato il capostipite della dinastia a cui apparteneva John Elcon.

Il terreno si trova nel dipartimento di Port-aux-Quilles, nel comune di Saint-Simeon, a metà strada tra La Malboy e Boy-Sainte-Catherine. Si affaccia sul fiume San Lorenzo e corre lungo la Route 138.

Sig. Elkann ha pagato $ 1,15 milioni per questo, $ 150.000 in meno rispetto al prezzo richiesto dalla venditrice Lynda Leclerc di $ 1,3 milioni. La proprietà era in vendita da quasi un anno.

Il terreno è adiacente a diversi lotti contigui che John Elkann ha acquistato nel 2010 per 1,3 milioni di dollari.

L’uomo d’affari, che detiene la doppia cittadinanza italiana e americana, ora possiede 2,7 milioni di metri quadrati (29,3 milioni di piedi quadrati) di terreno su più di un chilometro di St. C’è un piccolo lago, ma non ci sono edifici.

Gruppo Martin Tosti

Foto tratta dall’account Facebook di Martin Dosti Group

Il comune di Saint-Simeon assegna un valore di $ 360.000 all’intera tenuta. L’anno scorso, le tasse municipali erano solo $ 3.300.

Sylvain Tremblay, sindaco di Saint-Siméon, non era a conoscenza della transazione quando Le Journal lo ha contattato ieri. Crede che John Elkann non voglia sviluppare eccessivamente l’area.

READ  Des voyages in TGV au goat italia entre Paris et Lyon: avec des place à part 23 euro

“Vogliamo assicurarci di avere una crescita sostenibile, cosa che non abbiamo Spazzatura Non è la nostra realtà regionale, è eccezionale”, ha affermato il sig. disse Tremblay.

“Vogliamo mantenere il nostro territorio interessante e non vogliamo essere sommersi da un sacco di appartamenti a $ 800.000 come Le Massif quando non c’è nessuno nel villaggio”, ha aggiunto.

Da molti anni il governo studia la costruzione di un parco nazionale nelle vicinanze. Nel 2014 i terreni pubblici di quest’area sono stati tutelati per quattro anni.

“È il posto più bello di Charlevoix”, ha detto il sindaco Tremblay.

Nella zona, ha sottolineato, negli ultimi anni sono state vendute diverse location di prim’ordine a facoltosi acquirenti.

“Questi sono spazi non pubblici”, ha detto Sylvain Tremblay. Prestare attenzione all’approccio al fiume. »

– Con Philippe Langlois, Agenzia QMI

John Elkann, erede di una delle grandi fortune europee

Nonostante sia nato a New York, John Elgan ha la doppia cittadinanza italiana e americana.

foto dell’AFP

Nonostante sia nato a New York, John Elgan ha la doppia cittadinanza italiana e americana.

John Elkann, poco conosciuto in Quebec, ora controlla le fortune della famiglia Agnelli più potente d’Italia.

Nato a New York nel 1976, Mr. Elcon è il nipote di Gianni Agnelli, che ha guidato la casa automobilistica italiana Fiat dal 1966 al 1996. Nel 1997 il sig. Agnelli ha scelto il 21enne John Elcon come suo successore.

Oggi, signor Forbes La fortuna personale di Elkann è stimata in 2 miliardi di dollari. L’importo comprende anche la sua quota di interessi della famiglia Agnelli presa Exor, è attualmente valutata 12 miliardi di dollari canadesi.

Exor è il maggiore azionista (14%) di Stellandis, nata dalla fusione dei colossi automobilistici Fiat Chrysler e Peugeot nel 2021. È il primo azionista della Ferrari (23%), casa produttrice dell’editore della rivista Economista (43%) e la Juventus (64%).

READ  Pierre Lepori propone redouchouvrir in italiano Sandro Penna - rts.ch

John Elkann è a capo del consiglio di amministrazione di Exar, Stellandis e Ferrari.

A differenza di altri eredi, il signor Elkann ha mostrato il suo senso degli affari. Nel 2013, per permettere alla Fiat di ingoiare il produttore americano Chrysler (su istigazione del presidente italo-canadese Sergio Marchionne), ha compiuto un colpo fumante vendendo la quota del 15% che Exor deteneva nella società svizzera di certificazione SGS.

L’operazione ha permesso a Exor di raccogliere 2 miliardi di euro, più di tre volte l’importo investito nella società 13 anni fa. Successivamente, la quota di mercato azionario di SGS è aumentata relativamente poco.

È stato il Groupe Bruxelles Lambert (GBL), la società di investimento delle famiglie Frère (Belgio) e Desmarais (Quebec), ad acquistare le partecipazioni di Exor in SGS.

“GBL e i suoi azionisti di controllo – le famiglie Desmarais e Frère, come le conosco bene – sosterranno pienamente la prossima fase di crescita di SGS”, ha dichiarato John Elkann in una dichiarazione rilasciata all’epoca.

Paul Desmarais Jr. si unì successivamente al team SGS, Mr. Elkann si è ritirato.

Le dinastie Desmarais e Agnelli non completarono un’altra importante transazione se non più tardi. Si noti, tuttavia, che la tenuta di John Elkann a Charlevoix si trova a circa 30 minuti di auto da Desmarais, situata a Sagard.